Sidebar

23
Mar, Lug

Politica

È un tema che negli ultimi tempi ha riempito troppo spesso le pagine dei giornali, scatenando lo sdegno e la vergogna di tutti noi italiani: dramma ormai sin troppo protagonista nella storia del nostro Paese, ha coinvolto famosi e gente comune, cittadini poveri e ricchi, esponenti di destra e di sinistra, giovani e meno giovani.

L'Italia sta vivendo in queste ore una delle sue più prodonde crisi istituzionali del dopoguerra. Protagonista inatteso del definitivo strappo tra elettorato e palazzi del potere il compassato presidente Mattarella, fin qui tacciato di non voler prendere posizione su nulla.

Per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana un partito/movimento politico presenta la squadra di Governo prima delle elezioni. Si tratta del Movimento 5 Stelle, innovatore nello stile e nelle proposte politiche fin dalla sua fondazione (di cui parliamo fin dal 2009), ma che ora fa un salto avanti storico nei rapporti tra "Palazzo" ed elettori.

Un problema sociale, quello della tratta, piuttosto grave, in quanto mette a rischio i diritti fondamentali dell’uomo, in particolare il diritto alla vita, alla libera scelta e al libero movimento.

C'era una volta il Porcellum, legge elettorale incostituzionale che Berlusconi fece approvare pochi mesi prima del voto del 2006 per poter boicottare il governo Prodi largamente favorito dai sondaggi, rendendo quasi impossibile ottenere la maggioranza al Senato. Obiettivo centrato: con la compravendita di un paio di senatori il gioco è stato fatto. Prodi è caduto e Berlusconi si è ripreso l'Italia nel 2008 per portarla a un passo dal fallimento solo tre anni più tardi grazie a un governo che negli anni successivi ha portato più gente in galera tra loro, che parlamentari alla buvette di Palazzo Madama.

Altri articoli...