Skip to main content

Decongestionanti nasali, pericoli per i neonati

 |  Redazione Sconfini

Segnalazioni sospette di reazioni avverse gravi conseguenti all’utilizzo di decongestionanti nasali riscontrate in bambini di età inferiore ad un anno sono giunte all’ufficio di Farmacovigilanza dell’AIFA mediante la Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RFN).

 

Si tratta di farmaci largamente usati negli adulti e nei bambini per combattere i sintomi successivi all’ostruzione nasale; per questo motivo l’Agenzia Italiana del Farmaco ha avviato una procedura di revisione del profilo benefici/rischi in età pediatrica. Se utilizzati per periodi superiori a 5 giorni i decongestionanti nasali possono indurre reazioni avverse a livello locale. Una somministrazione eccessiva di vasocostrittori può comportare, infatti, alterazioni protratte nel tempo della mucosa, che inficia la respirazione dei bambini al di sotto dei 6 mesi (a quell’età la respirazione è soprattutto nasale).

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

 

 
In collaborazione con Help!

 

  


Altri contenuti in Farmacia

Si chiama D6 la proteina che protegge il feto

Nella placenta è presente una proteina, il “recettore-trappola” D6, che proteggerebbe il feto da malattie infiammatorie, spesso all’origine di aborti spontanei. A farne la scoperta un gruppo di ric...

Sostanza antidiabetica dalla pelle di rana

Il diabete di tipo 2 potrebbe essere curato grazie alle secrezioni cutanee di una rana sudamericana, la Pseudis paradoxa. A dimostrarlo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Ulst...

Diabete tipo 2: il caffè fa bene o no?

I pazienti affetti da diabete di tipo 2 dovrebbero evitare di consumare molti caffè. Secondo un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori della Duke University Medical School di Durham e pu...

Vuoi smettere di fumare? Più difficile se lavori

Chi lavora ha meno possibilità di smettere di fumare rispetto a chi è già in pensione. La notizia è stata diffusa dal British Medical Journal che ha pubblicato i risultati di uno studio condotto da...

Sole: i danni da raggi UV non sono reversibili

Sono ancora tanti gli italiani che oggi non conoscono i pericoli per gli occhi provenienti dai raggi UV. È quanto emerso da un sondaggio fatto dalla Soi, la Società Oftalmologica Italiana, secondo ...