Skip to main content

Si chiama D6 la proteina che protegge il feto

 |  Redazione Sconfini

Nella placenta è presente una proteina, il “recettore-trappola” D6, che proteggerebbe il feto da malattie infiammatorie, spesso all’origine di aborti spontanei. A farne la scoperta un gruppo di ricercatori italiani guidati Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano e docente dell’Università degli Studi di Milano.

 

La molecola agirebbe da sentinella bloccando le chemochine, proteine prodotte sia dal feto sia dalla madre. “In condizioni normali – spiega Mantovani – le chemochine giocano un ruolo essenziale nella difesa immunitaria, guidando i globuli bianchi dove più sono necessari. Limitando il numero di queste proteine, il recettore D6 controlla proprio lo sviluppo della risposta. I risultati di questo studio dimostrano che in caso di infiammazione questo recettore svolge un ruolo essenziale nel salvaguardare il feto dai globuli bianchi che, causando un danno infiammatorio, possono provocare la perdita del feto. Stiamo inoltre investigando l’importanza di questo meccanismo nello sviluppo di alcune forme di tumore favorite da una risposta infiammatoria”.

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

  

 
In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Farmacia

Sì ad anticoncezionali nelle scuole

E' unanime il parere di ginecologi e medici di famiglia: è necessario introdurre nelle scuole superiori la distribuzione diretta e controllata di anticoncezionali. Nel nostro Paese, infatti, solo l...

Contro l’asma allergica grave un nuovo farmaco rivoluzionario

E' finalmente disponibile un farmaco contro gli attacchi d’asma gravi. Si chiama Omalizumab: è un medicinale che non agisce sui sintomi ma “all’origine”, bloccando la reazione che porta all’attacco...

Farmaco per ipertensione utile anche per diabete

Un farmaco utilizzato per l’ipertensione è risultato efficace anche per curare il diabete, diminuendo addirittura del 14% i decessi causati dalla forma più grave: quella di tipo 2. A rivelarlo è st...

Bambini: un nuovo pericolo dagli additivi alimentari

Lancia un nuovo allarme la rivista medica The Lancet, questa volta sugli additivi alimentari presenti in alimenti e bibite, colpevoli di essere all’origine di iperattività nei bambini di età compre...

Problemi all’udito, il pericolo viene oggi dai lettori MP3

Almeno un terzo dei ragazzi che utilizzano lettori MP3 per ascoltare musica rischiano di riportare danni permanenti all’udito. È quanto emerso da una ricerca effettuata da alcuni studiosi australia...