Skip to main content

Diabete tipo 2: il caffè fa bene o no?

 |  Redazione Sconfini

I pazienti affetti da diabete di tipo 2 dovrebbero evitare di consumare molti caffè. Secondo un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori della Duke University Medical School di Durham e pubblicato sull’ultimo numero della rivista Diabetes Care, il consumo quotidiano di caffeina innalzerebbe il livello di glucosio nei soggetti colpiti da diabete di tipo 2. L’aumento si verificherebbe maggiormente dopo i pasti: 9% dopo colazione, 15% dopo pranzo e 19% dopo cena.

 

“La ragione dell’aumento della glicemia – ha precisato James Lane, autore dello studio – non è chiarissima; sono, però, state formulate alcune ipotesi. In particolare potrebbe accadere che la caffeina interferisca negativamente con il trasporto del glucosio dal sangue fino ai muscoli o alle altre cellule del corpo dove viene consumato. Oppure la caffeina potrebbe stimolare il rilascio di adrenalina, un ormone che aumenta la concentrazione di glucosio in circolo”.

 

Questo studio sembra quindi mettere da subito in discussione il precedente condotto da Frank Hu, professore associato presso la Harvard School of Public Health, sui benefici del caffè come alimento protettivo nei confronti del diabete di tipo 2. Da ricordare, però, che il precedente studio era stato condotto su soggetti non affetti da diabete.

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

 

 

In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Farmacia

Integratori: un rischio per la salute?

Le persone che assumono integratori pur alimentandosi in modo corretto e variato non corrono pericoli, a patto però che vengano rispettate le dosi ed evitati miscugli di integratori. Le dosi vanno ...

Calze terapeutiche, in Italia mancano norme specifiche

Alcuni esperti lanciano l’allarme. Calze terapeutiche confortevoli e anche esteticamente valide, per essere realmente efficaci, devono rispettare standard definiti dalle certificazioni e dalle norm...

Benessere: dormire in un campo magnetico

  Durante il riposo notturno l’organismo è maggiormente agevolato ad eliminare i metaboliti di scarto, e favorirne un drenaggio ottimale permette di dormire molto più profondamente e di svegliarsi ...

Dormire poco fa male al cuore

Chi dorme meno di cinque ore a notte corre più rischi di ammalarsi di disturbi cardiovascolari. A confermarlo è uno studio realizzato dal professor Francesco Cappuccio della Scuola di Medicina dell...

Bambini: allarme per cure fai-da-te

Un bambino su tre assume farmaci in maniera errata per colpa di prescrizioni sbagliate e cure fai-da-te. A darne notizia l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco.   “I farmaci più a rischio – spiega ...