Skip to main content

La nuova Alitalia non è molto diversa dalla vecchia. Il figlio del Ministro trova sempre posto

 |  Redazione Sconfini

alitalia, cai, assunzioni, matteoli, cassa integrazioneTragicomica vicenda in salsa italiota per la nuova Alitalia. Il tutto, a dimostrare che i legami politica-compagnia di bandiera, che hanno portato allo sfacelo la vecchia Alitalia sono lontani dall'essere cancellati. D'altronde, il debito di riconoscenza dei fortunati imprenditori che pochi denari hanno acquistato la parte sana della compagnia nei confronti del Governo, in qualche modo deve essere ripagato. Magari a piccole dosi e a cominciare con un'assunzione così assurda che resterà negli annali di tutte le future pubblicazioni sulle raccomandazioni che infestano ogni giorno il Paese.

Federico Matteoli, figlio del Ministro Altero, pilota di aerei (MD80) già nel 2002 era stato baciato dalla fortuna. In una fase in cui vigeva il blocco delle assunzioni già da diversi mesi, è riuscito miracolosamente ad avere un contratto a tempo indeterminato con Alitalia. Unico e ultimo in assoluto della storia della vecchia compagnia. Sarà stato merito di Silvano Manera, compagno di partito del paparino? O di Luigi Martini, ex parlamentare di An e oggi consulente personale di Rocco Sabelli amministratore delegato della Cai?

Il povero Federico, ultimo assunto, il pilota con meno esperienza di volo e quindi ultimo nella graduatoria dei ri-assunti da Cai sembrava destinato alla cassa integrazione. E invece un nuovo miracolo bacia il fortunato aviatore, davvero fortunatissimo.

I manager di Colaninno, Sabelli e Martini hanno inventato dal nulla una speciale graduatoria di "anzianità" a parte, che vale per Milano (guarda caso la città dove il figlio del Ministro era stato assunto). E così il grande aviatore Federico ha potuto spiccare di nuovo il volo, scavalcando centinaia di colleghi cui il posto spettava di diritto.

L'ennesima storia di ingiustizia sociale e squallida pratica di raccomandazione di un Paese privo di virtù, almeno ai suoi vertici politici.


Altri contenuti in Cronaca

Quattro parlamentari indagati dalla Procura di Palermo per corruzione aggravata dal favoreggiamento mafioso

Altro terremoto giuridico/mafioso al Parlamento. Quattro parlamentari sono indagati dalla Procura di Palermo per concorso in corruzione aggravata dal favoreggiamento di Cosa Nostra nell'ambito dell...

Alitalia: conto alla rovescia per evitare il fallimento

Si ritorna al mercato. Finalmente. E' tardissimo, ma forse il difficilissimo salvataggio di Alitalia è ancora possibile, anche perché dopo il tentativo, che per il momento sembra miseramente fallit...

Il caso: in pochi giorni raccolte 60.000 firme dalle farmacie del Friuli Venezia Giulia

L’iniziativa popolare, che si protrarrà per una settimana, è stata presa da Federfarma Fvg (federazione titolari di farmacia) per essere a fianco dei cittadini affinché i farmaci innovativi ad alto...

Consiglio di Stato: solo 1 milione di euro di risarcimento a Europa7

Nel 1999 l'imprenditore Di Stefano, con la sua televisione (Europa7) aveva vinto un bando che gli avrebbe dovuto garantire la possibilità di trasmettere le sue trasmissioni in tutta Italia, sfrutta...

Le rassicurazioni non bastano. Borse ancora al tappeto

Alla fine è sceso in campo anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La crisi finanziaria mondiale che sta investendo tutte le principali Borse mondiali, inclusa ovviamente Milano, o...