Skip to main content

Estate in città: come sopravvivere al caldo

 |  Redazione Sconfini

Non tutti hanno e avranno la fortuna di godersi l’estate nel pieno del suo splendore. Migliaia di italiani saranno infatti costretti a lavorare, e tanti altri cittadini della Penisola – per scelta – rinunceranno alle vacanze per “pareggiare” le perdite economiche causate dalla pandemia e dal Covid. Ad ogni modo, ci sono diversi modi per ammorbidire un’estate trascorsa in città, e svariati sistemi per sopravvivere al caldo e all’afa soffocante che, secondo le ultime previsioni, colpirà i centri cittadini tricolori.

Come affrontare una calda estate in città

Se si vive vicino al mare il problema, di fatto, non sussiste: durante le pause è infatti possibile prendere armi e bagagli per rilassarsi in spiaggia per qualche ora, da soli o in compagnia della propria famiglia.

Chi non ha questa possibilità, invece, deve fare di necessità virtù e non è difficile, se si ha un giardino, dato che c’è la possibilità di organizzarsi con una piscina gonfiabile. In casa, invece, è quasi indispensabile provvedere all’installazione di un condizionatore, per rendere sopportabile l’aria domestica, e per evitare al caldo di trasformare gli ambienti e le stanze in un vero e proprio inferno. Per fortuna, sul web e su siti come Acea.it, ad esempio, è possibile trovare alcune tipologie di offerta sui climatizzatori, in grado di soddisfare tutte le possibili necessità. Naturalmente ci sono altri consigli utili per impedire al caldo e all’afa di rovinare la nostra estate in città. Per prima cosa, si suggerisce di mantenersi idratati in maniera costante, dato che l’acqua aiuta il corpo a regolare nel modo corretto le temperature.

In secondo luogo, è opportuno evitare di fare sport e attività fisica durante le ore più bollenti del giorno, perché questo potrebbe condizionare anche le ore successive, in termini di calore corporeo e di fastidio. Bisogna poi fare molta attenzione anche alla tavola e all’alimentazione: in estate una digestione complessa può diventare più fastidiosa del solito, per via degli sforzi fisici e dell’aumento delle temperature corporee. Di conseguenza, meglio mantenersi leggeri, con cibi freschi e genuini, evitando il junk food e le porzioni esagerate. La frutta e la verdura rappresentano come sempre un must, ma è possibile togliersi anche qualche sfizio, magari addolcendo la giornata con un gelato.

Infine, occhio all’abbigliamento, perché in estate più che in altre stagioni la pelle ha bisogno di respirare: dunque via libera ai tessuti naturali e leggeri, come il cotone e il lino, mentre sono da evitare i tessuti sintetici, generalmente poco traspiranti. Per quel che riguarda le tintarelle, si consiglia di preferire gli orari meno caldi della giornata, di solito fino alle 11 del mattino e dalle 17 in poi. Così si eviteranno incidenti spiacevoli come i colpi di calore e le possibili ustioni, a patto di non rinunciare mai alla crema solare.


Altri contenuti in Wellness/Fitness

Lifting del viso: via le imperfezioni!

  In Egitto già nel 1600 a.C. (papiro di E. Smith) viene descritto un peeling chimico per eliminare le rughe; perfino nel 4000 a.C. si trovano casi di chirurgia riparativa di mutilazioni; in India,...

Abbronzatura: non solo d'estate

  Che il sole, in modiche quantità, faccia bene, si sa: la luce è fonte di vita in natura e condiziona anche l’umore degli esseri umani. Da tempo nei Paesi dove per sei mesi all’anno si vive nell’o...

Invecchiamento della pelle: il 70% dipende dal sole

Cosa fare per un’abbronzatura senza problemi? La dottoressa Patrizia Giardino, chirurgo plastico di Milano, membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chir...

Giocare all’aria aperta da piccoli previene la miopia

Per prevenire la miopia nei bambini bisogna trascorrere più ore all’aria aperta. In una settimana, per ogni quattro ore che un bambino gioca in un luogo all’aperto, diminuisce del 2% il rischio di ...

Shelf-life: quanto tempo “vivono” gli alimenti?

Per chi suona uno strumento musicale l’orecchio è tutto. Per un calciatore professionista fare goal è determinante. Per il falegname è fondamentale avere un’ottima manualità. Invece per chi fa semp...