Skip to main content

Procedimento disciplinare contro Brachino per il video su Mesiano

 |  Redazione Sconfini

Ricordate il vergognoso pedinamento del giudice Raimondo Mesiano operato dalle troupe di Canale 5 per mezzo della Videonews diretta da Claudio Brachino? Ebbene, l'ordine dei giornalisti ha battutto un colpo avviando un procedimento disciplinare contro lo stesso Brachino, conduttore di Mattino 5, programma in cui è andato in onda il pedinamento.

In sintesi cos'era accaduto? Il giudice Mesiano aveva da pochi giorni sentenziato una maximulta di 750milioni di euro ai danni del gruppo Berlusconi in quanto doveva stabilire il risarcimento a favore della Cir di De Benedetti dopo che la Cassazione aveva accertato che Berlusconi si era appropriato della Mondadori (a discapito della Cir) attraverso la corruzione di un giudice.

Immediate sono giunte le minacce mediatiche ("ne sentiremo delle belle su quel giudice", aveva detto il Cavaliere) contro Mesiano. E così il fido Brachino glimesianopedinato ha messo una troupe alle calcagna, ma, essendo Mesiano un uomo "normale" di strano hanno trovato solo che andava a tagliarsi i capelli, si sedeva su una panchina e aveva i calzini turchesi.

A Brachino si contesta di “essersi reso responsabile di fatti non conformi al decoro e alla dignità professionali” e di aver rotto la doverosa fiducia tra giornalisti e telespettatori, amplificando una notizia che non era tale. Avrebbe così violato l’articolo 137 della legge sulla privacy e l’articolo 6 del codice deontologico dei giornalisti.

Inoltre per l’Ordine della Lombardia è ancora più grave che il servizio sia andato in onda su una televisione di Berlusconi, proprietario della Fininvest, cioè dell’azienda che, come detto, in base alla sentenza di Mesiano deve pagare 750 milioni di euro alla Cir di De Benedetti, come risarcimento per la perdita della Mondadori.

Nel capo di incolpazione si legge che il servizio aveva come finalità quella di “screditare la reputazione” di Mesiano e “delegittimare”, davanti ai telespettatori, il giudice che “aveva in precedenza emanato (la sentenza, ndr) e che aveva visto soccombente la società Fininvest, persona giuridica cui è riconducibile la rete televisiva per la quale Brachino lavora”.

Intorno a metà dicembre il direttore di Videonews dovrà presentarsi a Milano davanti ai nove consiglieri dell’Ordine. Già alla fine di quella audizione potrebbe esserci la decisione. In caso di condanna le sanzioni previste sono avvertimento, censura, sospensione, (da due mesi a un anno), o radiazione dall’albo.

Dopo lunghi periodi bui di torpore l'ordine dei giornalisti torna a ruggire. Sarà l'inizio della fine dell'epoca dell'antigiornalismo e della disinformazione berlusconiana?

---

 

Vuoi diventare fan di Sconfini su Facebook ed essere sempre aggiornato sulle notizie che ti proponiamo? Clicca qui!

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e vota OK! (in alto a sinistra). Ci aiuterai a capire se le notizie che selezioniamo per te sono di tuo interesse.


Altri contenuti in Cronaca

Il Foglio: "Blogger puzzoni e allupati curiosoni"

Che la rete dia fastidio a molti è un fatto risaputo. Al potere e ai suoi cortigiani non piace che i sudditi possano esprimere opinioni, scambiarsi pareri e informazioni di varia natura. Probabilme...

Operazione trasparenza di Obama: la Cia torturava i presunti terroristi. Ecco come

Operazione trasparenza di grande impatto mediatico per il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Dopo un lungo dibattito l'amministrazione Usa ha deciso di rendere note ufficialmente le tecnic...

Stavolta non ha chiamato nessuno

Sembra incredibile, ma è successo davvero! Kathryn Emily Andrews, una ragazza inglese di 25 anni è stata arrestata per ubriachezza molesta a Milano. "Sono la figlia del ministro inglese" si è difes...

L'arresto dei boss Nicchi e Fidanzati. Una montatura?

Il "caso" del giorno è senza dubbio rappresentato dalle dichiarazioni che Gioacchino Genchi ha rilasciato nel corso di un convegno a Cervignano del Friuli all'indomani delle accuse del pentito Spat...

Il frutto della trattativa? Forza Italia

«Forza Italia era il frutto della cosiddetta trattativa tra Stato e mafia». A riferirlo in aula al pm Antono Ingroia è stato Massimo Ciancimino che sta proseguento la sua deposizione nel processo a...