Skip to main content

Terremoto-gate. Letta smentito e Berlusconi per premio lo candida al Quirinale

 |  Redazione Sconfini

"Quelle brutte persone che ridevano nella notte del terremoto pensando di fare affari a L'Aquila non hanno avuto un euro". Così si era espresso il 12 febbraio Gianni Letta (clicca per vedere il video) a difesa delle scelte delle ditte cui appaltare i primi lavori di ricostruzione post terremoto da parte di Governo e Protezione Civile. La tesi, secondo molti credibile, è stata sostenuta due giorni dopo anche da Guido Bertolaso nella trasmissione Ballarò.

lettavideo

A smascherare la truffa perpetrata dagli uomini vicini a Berlusconi e Bertolaso (Verdini, Letta ecc.) sono ancora una volta le intercettazioni (chissà come mai il governo le vuole abolire...) e le oltre 20.000 pagine di verbali dei Carabinieri allegati all'ordinanza di arresto di Angelo Balducci, Diego Anemone, Mauro Della Giovanpaola e Fabio De Santis. Guarda caso gli stessi costruttori al centro dell'inchiesta fiorentina su appalti e favori per il G8.

Comunque, quelle persone che "non hanno messo piede in Abruzzo", già 3 giorni dopo (come risulta dalle intercettazioni) si sono attivati spedendo camion e uomini sui luoghi del terremoto senza nessun tipo di gara pubblica né di trasparenza in virtù dell'emergenza. La cricca, insomma, aveva già guadagnato spazio rispetto a tutte le aziende locali o agli altri costruttori potenzialmente in lizza per aiutare nella ricostruzione.

Pochi giorni dopo ancora è il coordinatore Pdl Denis Verdini a mettersi in moto per creare un consorzio di aziende pronte a prendere tutte le commesse che la Protezione Civile e il governo erano pronti ad attivare. In un batter d'occhio il Consorzio voluto da Verdini (indagato per corruzione) e dall'amico imprenditore Fusi con l'aiuto forse di Letta forse di Chiodi (Governatore dell'Abruzzo) o di un altro Gianni si accaparra commesse per 10-12 milioni di euro!

La strada per il Consorzio - stando ai verbali - si fa in discesa a partire dal 14 maggio, quando Gianni Letta incontra Riccardo Fusi. Oltre alla messa in sicurezza della sede della Cassa di risparmio della Provincia dell'Aquila e del Palazzo Branconi Farinosi, Fusi e soci hanno avuto l'appalto per la realizzazione della scuola media Carducci, pari a 7,3 milioni. 22 luglio 2009: sms di Libero Fracassi, direttore tecnico del Federico II, a Fusi: "Abbiamo vinto il primo appalto: una scuola per 7,3 milioni. È il primo, gli altri a breve. Ferie all'Aquila".

"Carne da porco" in questo modo nelle intercettazioni viene descritta la ricostruzione da queste brutte persone che non hanno messo piede a L'Aquila, da farsi ovviamente sulle spalle degli aquilani in primo luogo e degli italiani in seconda battuta.

Ma per meglio comprendere il crinale che sta prendendo la vicenda non si può sottovalutare l'incredibile e forse correo silenzio del Partito Democratico e dell'Udc (in teoria all'opposizione e con argomenti serviti su un piatto d'argento per rilanciarsi in chiave elettorale) e l'ultima splendida sparata/dichiarazione/barzelletta del premier Berlusconi: Gianni Letta merita il Quirinale e io di essere nominato senatore a vita.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie


Altri contenuti in Cronaca

Il 15 giugno sarò da Obama. E invece ci ritroviamo Gheddafi a Roma.

L'arrivo in Italia del dittatore sanguinario Gheddafi, osannato da tutti i politici romani, è davvero la rappresentazione della tragicomica condizione della diplomazia italiana. Ma facciamo un pass...

Processo Dell'Utri: Mangano a casa di Berlusconi non per fare lo stalliere

"Vittorio Mangano fu assunto nella tenuta di Arcore di Silvio Berlusconi per coltivare interessi diversi da quelli per i quali fu ufficialmente chiamato da Palermo fino in Brianza". Inizia sibillin...

Riaperto il processo per la strage di via D'Amelio

"Un amico mi ha tradito, un amico mi ha tradito". Sono queste le drammatiche parole pronunciate da Paolo Borsellino nel suo ufficio di Marsala poche settimane prima della sua morte, alla presenza d...

Truffa delle slot machine. Un tesoro che potrebbe risolvere tanti problemi

 Ad inizio 2008 gli italiani hanno visto sparire l'ipotizzato tesoretto, frutto della lotta all'evasione e dell'aumento degli incassi dello Stato, messo assieme dall'ex Ministro dell'Economia Padoa...

Distribuzione diretta dei farmaci: quasi 70mila le firme raccolte nelle farmacie del Friuli Venezia Giulia

Si è chiusa a quota 67.155 la raccolta firme promossa in una settimana da Federfarma nelle farmacie del Friuli Venezia Giulia, ma molti sono i cittadini che ancora chiedono di poter firmare. “Siamo...