Skip to main content

Una tantum ai derubati dalla legge Fornero? Pronto il documento per chiedere l'intero importo dovuto

 |  Redazione Sconfini

inpsQuesta vigilia delle elezioni amministrative è stata certamente la più difficile e travagliata per il premier Matteo Renzi.

Smarrito lo slancio, deluse le aspettative, stracciate il 90% delle promesse fatte all'indomani del tradimento di Letta, il povero Renzi è diventato di colpo più vecchio di De Mita e più odiato di Berlusconi.

Regalie ad amici (vedi il caso Farinetti-Expo), una riforma della scuola aberrante e contestata da tutto il mondo dell'istruzione (tranne che dagli amici dei presidi che faranno il bello e il cattivo tempo), tradizionalmente bacino di voti principale per il centrosinistra italiano, la riesumazione di brontosauri della politica e impresentabili pur di vincere le regionali e le comunali in giro per l'Italia, mistificazioni svelate dai risultati (deludentissimi) delle politiche economiche del governo e ora pure la tegola del rimborso dovuto ai pensionati defraudati  incostituzionalmente dalla legge Fornero.

Renzi non ha responsabilità diretta in questa storia (non è mai stato eletto in Parlamento) ma a lui la riforma Fornero, a parte gli esodati, piaceva eccome: "La riforma Fornero è giusta, a parte gli esodati" (28/11/2012), "La riforma delle pensioni della Fornero è seria, quella del lavoro timida e inefficace" (29/11/2012), "La riforma Fornero andava bene, perderò qualche voto ma lo dico. La riforma non era sbagliata..." (29/10/2013). Insomma, Renzi, come tutto il Pd che quella legge ha votato, avrebbe messo anche il suo voto su quel mostruoso accrocchio legislativo.

Da mago dell'artificio verbale e in qualità di nuovo utilizzatore finale dei media di regime, è riuscito a far passare un riconoscimento di 2 miliardi (su 15) di euro dovuti ai pensionati turlupinati, come un bonus governativo. Roba da ricovero coatto in struttura riservata a malati di mente per chi gli va dietro.

E infatti, prontamente, in Rete è disponibile il documento fac-simile (clicca qui per scaricarlo) da inoltrare alle sedi INPS per ottenere l'intero importo dovuto dallo Stato e non una mancetta del 15% scarso.  

---

METTI MI PIACE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE NOTIZIE


Altri contenuti in Economia

Cari vecchi, passate la mano. Il vostro mondo è finito

Ricapitoliamo: un governo di tecnocrati (il più vecchio d'Europa e uno dei più vecchi del mondo con la sua età media di 64 anni) non eletti dal popolo sovrano e guidati da un neoliberista vicino al...

Mezzo tfr in busta paga? Ci guadagna solo Renzi (e le banche)

Dopo la diabolica mancia pre-elettorale da 80 euro, Renzi pare fiutare aria di elezioni e se ne inventa un'altra per prendere all'amo qualche altro milione di morti di fame. "Mettiamo metà del tfr ...

Scudo fiscale o no, l'Italia è già un paradiso fiscale

In questi giorni, giustamente, si parla molto del cosiddetto scudo fiscale del Ministro dell'Economia Giulio Tremonti affermando quali sono le conseguenze della scelta, tutta politica, di far rient...

ESCLUSIVO SCONFINI - Consigli per affrontare la crisi finanziaria e i pareri dei cittadini

  Sfiduciati dalle Borse? Non sapete più di chi fidarvi? I motivi della crisi e i perché della discesa degli indici seguita da un'impennata dei loro valori, sembrano sfuggire a tante persone. Sconf...

Aumento dell'Iva. I consumatori pagheranno molto più dell'1%

Buone notizie Italiani. Benvenuti nel paese in default. Da sabato, con grande gioia dei negozianti che devono cambiare tutti i prezzi dei loro prodotti, scatta l'Iva al 21%. Cosa significa in soldo...