Skip to main content

La tua vita in una mano

 |  Redazione Sconfini

Alzi la mano chi non è mai stato avvicinato da qualcuno che gli proponesse di leggergli il futuro attraverso la lettura della mano? È capitato a tutti, vero? Un po’ per gioco, un po’ perché non ci credo però non si sa mai… facilmente almeno una volta nella vita abbiamo ceduto al fascino irresistibile di quest’antica mantica.

 

«Molte sono le scienze divinatorie – spiega Mileda Fonda, in arte Maya, che vanta un’esperienza pluridecennale nella lettura delle mani – tuttavia devo ammettere che forse la chiromanzia è quella che mi piace di più, perché, per dirla in un modo sintetico, la mano non mente». Sembra, infatti, che la nostra mano sia la rappresentazione di una mappa di quanto viene registrato, in termini di emozioni, nel nostro cervello. E come tutte le mappe che si rispettino anche questa deve essere interpretata da chi ne conosce i codici.

 

Come sempre ci sono molti aspetti poco noti che vale la pena approfondire. «Innanzitutto – chiarisce altMaya – la lettura non va fatta direttamente dalla mano bensì dal calco che si ottiene colorando con un inchiostro lavabile o con il rossetto o, eventualmente, con la farina la mano stessa, che poi si fa posare su un foglio dove rimane impressa la sua immagine. Ed è da questo calco che si può procedere alla lettura, evitando le false indicazioni che un tessuto elastico come quello della mano può dare guardandola direttamente». «La lettura chiromantica – aggiunge Maya – va fatta su entrambe le mani, mai soltanto su una».

 

La decodificazione dei segni della mano si divide in tre fasi: la chiromanzia, la chirognomia e la chirologia. La prima è la lettura delle linee della mano, la seconda riguarda l’osservazione del colore della pelle, mentre la terza riguarda la morfologia delle ossa e l’aspetto delle unghie, in particolare delle lunette bianche di queste ultime. «Non molti sanno, infatti, che – sottolinea la sibilla – osservando questi aspetti delle mani si possono cogliere indicazioni importanti sul carattere della persona». «Per esempio – continua – il rossore indica una personalità nervosa e timida. Analogamente la forma delle dita ci fa riconoscere la creatività dell’individuo: coloro che hanno le falangi nodose sono persone dall’acuta sensibilità e sono particolarmente percettive». Anche dalla modalità con cui una persona porge e stringe la mano si ricavano molte informazioni sull’interlocutore, dati, questi, noti anche a chi si occupa di comunicazione.

 

Ma tornando a quella che è la classica lettura, Mileda Fonda ci spiega che la mano si suddivide in linee principali e in linee secondarie. Quelle principali non mutano dalla nascita fino alla fine della nostra vita e sono: la linea del cuore, della testa, della fortuna (o di Saturno) e quella del destino. «Ad essere in continuo mutamento – rileva Maya – sono invece le linee secondarie, cioè le crocette, le catene, le isole, i ponti, per citarne alcune. Sono, infatti, questi i segni che sono la risposta “grafica” degli eventi che si verificano nelle nostre esistenze».

 

Proprio perché le gioie e i dolori che proviamo tracciano nel nostro cervello dei solchi che poi, secondo questa mantica, vanno a riprodursi sulla nostra mano, la lettura va fatta una volta all’anno, per dare appunto il tempo a questi segnali di trasformare l’aspetto del palmo.

 

Si diceva che la mano non mente. Infatti, se diamo per buona la teoria che l’aspetto di essa corrisponde in qualche modo agli eventi che viviamo, ecco che si può anche ammettere che essa sia capace di dirci molto sulla nostra esistenza. Le mani hanno inoltre una caratteristica particolare: sono sempre diverse le une dalle altre. Persino i gemelli omozigoti presentano segni diversi. Non è un caso, infatti, che le impronte digitali siano considerate elementi incontrastabili per l’identificazione delle persone.

 

«Bisogna avvicinarsi alla chiromanzia con l’idea di avere un aiuto o, meglio ancora, un’occasione di riflessione e di conoscenza di se stessi», afferma Maya. Vero è che sembra che nelle nostre mani esistano anche le indicazioni di accadimenti futuri. «Tra i miei clienti abituali – racconta la sibilla – ho numerosi uomini di affari che mi consultano prima di fare manovre finanziarie importanti».

 

Anche quest’arte divinatoria ha origini antichissime: la praticavano infatti gli assiri, gli egizi, i maya. E come altre volte ribadito, se queste mantiche risalgono tanto in là nel tempo, quando l’uomo era meno disincantato di quello contemporaneo e quando forse conosceva e capiva segni che noi oggi probabilmente non siamo più in grado di vedere, non potrebbe esserci del vero?

Tiziana Benedetti

 


In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Costume e società

La sostenibile leggerezza dei vestiti estivi: le tendenze donna 2019

La sostenibile leggerezza dei vestiti estivi: le tendenze donna 2019 Freschi, colorati, allegri e alla moda, gli abiti sono la risposta migliore per essere fashion anche sotto il sole rovente. Se i...

Oroscopo 2010 - Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione

Dopo aver analizzato il 2010 di Ariete, Toro, Gemelli e Cancro, è il momento di cominciare a preparasi all'anno nuovo dal punto di vista astrologico anche per i nati sotto i segni del Leone, Vergin...

Brutti presagi per il Movimento 5 Stelle

Oscuri esseri si stagliano all'orizzonte, personaggi quasi mitologici ordiscono trame mefitiche, malefici presagi si addensano attorno al Movimento 5 Stelle.   Il povero Beppe Grillo è stato ben at...

Valeria Golino smentisce le nozze con Scamarcio

Solo poche ore fa è rimbalzata la notizia delle nozze tra Valeria Golino e Riccardo Scamarcio e con grande celerità è giunta puntuale la smentita, direttamente dalla voce della Golino, che in un'in...

Barbiere, un mestiere senza tempo

  Immaginate di camminare nelle vie rumorose e trafficate della città. Improvvisamente un salto nel tempo e nello spazio. Uno scenario inedito e inaspettato vi accoglie, allontanandovi dal chiasso ...