Skip to main content

Procedure europee contro l'Italia: sono addirittura 163

 |  Redazione Sconfini

europa, italia, sanzioniL'Unione Europea sta "processando" l'Italia per ben 163 presunte violazioni di diritto comunitario e mancato recepimento di direttive in tema di Fiscalità e Dogane, Pesca, Ambiente, Appalti, Affari economici, Libera circolazione delle merci, Salute, Affari Esteri, Istruzione Università e Ricerca (concorsi), Lavoro e Affari Sociali, Affari Interni, Tutela dei Consumatori, Comunicazioni (tra cui anche la Legge Gasparri del 2004), Trasporti, Energia, Agricolura, Concorrenza e aiuti di Stato (ovviamente è presente anche il prestito ponte di 300 milioni di euro all'Alitalia fatto a spese degli italiani e in sprezzo delle regole di mercato).  Un bel record di bacchettate per un Paese che è stato tra i fondatori dell'Unione Europea e che si spacciano per una delle nazioni più europeiste, a patto che l'Ue ci permetta di fare ciò che vogliamo...

Sul sito della Camera dei Deputati è stato pubblicato un file pdf tecnicamente ignobile che riporta l'elenco di tutte le procedure giurisdizionali e di precontenzioso comunitarie riguardati l'Italia. Il file non ha nessuna caratteristica di interattività ma è la semplice scansione (neppure di ottima qualità) di 63 fogli. Per questo motivo non c'è la possibilità di copiare e incollare i testi riportati nel documento né tantomeno di poter raggiungere attraverso link ipertestuali a pagine che spieghino le motivazioni delle sentenze e delle procedure di infrazione. E' evidentissimo l'obiettivo: rendere difficile il lavoro di approfondimento e fare il minimo sindacale in termini di trasparenza.

In questo articolo pubblichiamo tutti i "titoli" delle procedure di infrazione mosse dalla Commissione all'Italia, mentre ecco un sunto quantitativo dei vari "capitoli" delle indagini:

1. Aiuti di Stato: 24 procedimenti per i quali la Commissione ha deciso di avviare il procedimento di indagine formale ex art. 88 par.2, TCE.

2. Decisione di recupero di aiuti di Stato adottate dalla Commissione attualmente pendenti: 16 procedimenti

3. La Commissione ha deferito l'Italia alla Corte di Giustizia per mancata esecuzione di una decisione di recupero: 4 procedimenti

4. La Corte di Giustizia ha dichiarato la mancata esecuzione da parte dell'Italia di una decisione di recupero: 3 casi

5. Procedure d'infrazione avviate nei confronti dell'Italia ai sensi degli articoli 226 e 228 del Trattato CE (art. 15 - bis, lett.c) della legge 4 febbraio 2005, n.11
- Ministero ambiente, tutela del territorio e del mare: 22
- Ministero affari esteri: 2
- Ministero difesa: 1
- Ministero economia e finanze: 33
- Ministero giustizia: 1
- Ministero interno: 3
- Ministero infrastrutture e trasporti: 11
- Ministero istruzione, università e ricerca: 1
- Ministero lavoro, salute e politiche sociali: 28
- Ministero politiche agricole, alimentari e forestali: 8
- Ministero sviluppo economico: 15
- Dipartimento protezione civile: 2
- Dipartimento pari opportunità: 1
- Dipartimento politiche europee: 2
- Dipartimento pubblica amministrazione e innovazione: 1
- Dipartimento sviluppo e competitività del turismo: 1
- Presidenza del Consiglio (Sport): 2
- Regioni ed altri enti locali: 28

6. Sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità europee relative a giudizi di cui l'Italia sia stata parte o che abbiano rilevanti conseguenze per l'ordinamento italiano (art. 15-bis, lett.a) della legge 4 febbraio 2005, n.11

a) Sentenze ex art.226 del Trattato CE - Commissione c. Italia
- Ambiente: 2
- Appalti: 2
- Fiscalità e dogane: 2
- Lavoro e affari sociali: 2

b) Sentenze ex art. 228 del Trattato CE - Commissione c. Italia
- Non è stata emessa nessuna sentenza.

c) Sentenze ex art. 230 del Trattato CE - Commissione c. Italia
- Affari economici e finanziari: 29
- Affari esteri: 2

d) Sentenze ex art. 234 del Trattato CE - Commissione c. Italia
- Agricoltura: 1
- Ambiente: 2
- Appalti: 1
- Energia: 1
- Giustizia: 2
- Lavoro e affari sociali: 1
- Tutela dei consumatori: 1

e) Sentenze ex art. 234 del Trattato CE - Commissione c. Italia
- Ambiente: 4
- Comunicazioni: 3
- Concorrenza e aiuti di Stato: 1
- Energia: 1
- Fiscalità e dogane: 9
- Giustizia: 4
- Lavoro e affari sociali: 4
- Libera circolazione delle persone: 2
- Libera prestazione dei servizi e stabilimento: 2


7) Rinvii pregiudiziali disponsi ai sensi dell'art. 234 del Trattato istitutivo della Comunità europea da organi giurisdizionali italiani (art.15-bis, lett.b) della legge 4 febbraio 2005, n.11
- Agricoltura: 1
- Ambiente: 3
- Appalti: 2
- Energia: 1
- Fiscalità e dogane: 3
- Lavoro e affari sociali: 3
- Libera prestazione e stabilimento: 3
- Salute: 1
- Tutela consumatori: 1

8) Procedure d'infrazione avviate nei confronti dell'Italia ai sensi degli articoli 226 e 228 del Trattato CE (art.15-bis, lett.c) della legge 4 febbraio 2005, n.11
- Affari economici e finanziari: 5
- Affari esteri: 2
- Affari interni: 3
- Agricoltura: 3
- Ambiente: 43
- Appalti: 13
- Comunicazioni: 4
- Concorrenza e aiuti di Stato: 2
- Energia: 5
- Fiscalità e dogane: 24
- Istruzione, università e ricerca: 1
- Lavoro e affari sociali: 11
- Libera circolazione delle merci: 9
- Libera circolazione delle persone: 1
- Libera prestazione dei servizi e stabilimento: 7
- Pesca: 4
- Salute: 15
- Trasporti: 6
- Tutela dei consumatori: 1


Altri contenuti in Approfondimenti

Dipendiamo più dalla memoria visiva o da quella verbale?

Avete o pensate di avere il cosiddetto “colpo d’occhio”? Per scoprirlo basta un semplice test. Mettetevi comodi davanti ad uno scenario gradevole (luogo aperto o chiuso fa lo stesso), a occhi chius...

Se anche Gramellini confonde Islanda e Iran

Prima o poi capita a tutti di sbagliare o di stracapire un messaggio. Anche ai primi della classe. Stavolta è toccato a Massimo Gramellini, apprezzato editorialista de La Stampa, di cadere in un ba...

Napolitano: la toppa è peggio del buco

Il presidente Giorgio Napolitano ha risposto ad alcuni cittadini italiani esterrefatti e furibondi per la firma apposta nottetempo al Decreto salva-liste, che ha permesso alle liste del Pdl di rie...

Papi e Gheddy un anno dopo

Sembra passato un secolo e invece è passato solo un anno, da quando i servi di regime travestiti da commentatori e giornalisti incensavano le grandi capacità diplomatiche di Berlusconi a livello di...

Quando verranno a prenderti, non ci sarà più nessuno a difenderti

Con la fine degli anni '90 iniziarono a diffondersi a macchia d'olio, specialmente tra i più giovani, i cosiddetti contratti parasubordinati, i co.co.co (poi divenuti co.co.pro.), i contratti a bre...