Skip to main content

Tanzania: record di scongiuri dopo l'investimento di 4,5 milioni di euro della Lega Nord

 |  Redazione Sconfini

E' possibile che Francesco Belsito abbia capito male, ma questo è il risultato: la Lega Nord (fonte il Secolo XIX) ha investito un bel mucchio di milioni di euro (4,5 milioni per la precisione) frutto delle fatiche degli italiani e indebitamente incassati come "rimborsi elettorali", in Tanzania.

L'ipotesi più plausibile è che il cerchio magico leghista, riunito nel trust di cervelli di maggior spicco tra le camicie verdi (Bossi senior, il Trota, la mamma del Trota e Reguzzoni) abbia partorito una nuova linea politica per rianimare le sorti del movimento che reclama (solo quando è all'opposizione) la secessione della Padania: l'investimento degli extracomunitari.

L'intendimento proposto dal Trota era chiaro: i militanti leghisti dovevano essere chiamati a salire sui loro suv per andare a investire gli immigrati (quelli clandestini valgono doppio) in una lunga serie di battute di caccia al "negro". Era il sogno che si realizzava per il figlio di Bossi, già inventore del videogioco su Facebook "rimbalza il clandestino".

Purtroppo però quando Bossi senior è andato a spiegare al fedele Belsito la nuova linea le parole che sono uscite sono state "investiamo mmnhhbbhb (rutto) hbbhbmmbe (scoreggia) extracomunitari" il tutto accompagnato dall'immancabile dito medio. Belsito ha capito di investire un po' di milioni di euro (che per legge dovrebbero servire a pagare le spese elettorali sostenute dalla Lega Nord nelle ultime elezioni politiche) in paesi extracomunitari e così si è messo all'opera.

Il 14 dicembre ha investito 1 milione di euro in corone norvegesi.

Il 28 dicembre ha acquistato quote del fondo Krispa Enterprise Ltd a Cipro per 1,2 milioni di euro.

Il 30 dicembre ha acquistato quote del Purchase Investment Fund Tanzania per 4,5 milioni di euro.

In Tanzania hanno cercato di capire chi fossero questi leghisti. Inizialmente si sganasciarono dalle risate nel vedere i volti di Calderoli, Bossi e il Trota, poi scoprirono che erano quelli che in passato fecero altri "fruttuosi" investimenti finanziari: la banca Credieuronord (fallita) e il villaggio turistico "Skipper" in Croazia (giunto al capolinea con una bella bancarotta della società che doveva intermediare le vendite) gestito direttamente dalla famiglia Bossi e dal tesoriere dell'epoca. Da quel momento sono partiti gli scongiuri in tutto il paese e il tasso di fertilità degli uomini è sceso a livelli infimi.

---

Nell'immagine tratta da nonleggerlo Bossi e Belsito.

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Economia

Passatempo o dipendenza?

Oggi il gioco d’azzardo non interessa più una ristretta cerchia di persone bensì coinvolge gente comune, di tutte le età e di ogni estrazione sociale e culturale, uomini e donne. Data la grande dif...

Una tantum ai derubati dalla legge Fornero? Pronto il documento per chiedere l'intero importo dovuto

Questa vigilia delle elezioni amministrative è stata certamente la più difficile e travagliata per il premier Matteo Renzi. Smarrito lo slancio, deluse le aspettative, stracciate il 90% delle prome...

Simulazioni jobs act: licenziare conviene e può diventare un business

Il servizio Politiche Territoriali della Uil ha elaborato una serie di simulazioni che permettono di chiarire meglio il quadro che riguarda i benefici che avranno i di lavoro grazie al jobs act vol...

Un bancario di Lugano: "Se parliamo noi il governo italiano cade in 24 ore"

Per chi non si fosse convinto ancora del delicatissimo crinale sul quale l'Italia e il suo governo stanno facendo equilibrismi a metà strada tra la pantomima e la tragedia greca per evitare un fine...

Crisi economica: l’ondata di piena è gia passata?

È da tempo che l’economia mondiale vive una profonda crisi e il cittadino frastornato cerca di raccapezzarsi, sforzandosi di capire che cosa sia successo, quale potrebbe essere lo sviluppo di quest...