Skip to main content

Chi si è ingoiato i 255 miliari di euro che la BCE ha prestato alle banche? Le banche!

 |  Redazione Sconfini

 

 

Tra dicembre 2011 e maggio 2012 la BCE ha "prestato" alle banche italiane all'incredibile tasso dell'1% nientemeno che 255 miliardi di euro.

 

Bene direte voi. Male diciamo noi. Chi è il proprietario della BCE? Gli Stati sovrani? Neanche per idea! Il proprietario della BCE sono le banche centrali europee ognuna con una quota diversa. Bene direte voi, quindi lo Stato! Male diciamo noi, perché le principali banche centrali, tra cui la Banca d'Italia, sono state da tempo privatizzate.

Ad esempio la Banca d'Italia è controllata dai seguenti soci privati:

Intesa SanPaolo 30,3%

Unicredito Italiano 22,1%

Assicurazioni Generali 6,3%

Cassa di Risparmio di Bologna 6,2%

INPS  5%

Banca Carige 4%

Banca Nazionale del Lavoro 2,8%

Monte dei Paschi di Siena 2,5%

Cassa Risparmio Biella e Vercelli 2,1%

Cassa di Risparmio Parma e Piacenza 2,0%

Stesso discorso vale per le principali Banche Centrali dei Paesi UE.

Quindi la BCE, che al 12,5% è controllata dalla Banca d'Italia che a sua volta al 52,4% è controllata dai soli Intesa San Paolo e Unicredit ha deciso di omaggiare i soci con 255 miliardi di euro offerti praticamente gratis (1% di interesse).

I buontemponi della BCE hanno promesso di dare alle banche questi soldi freschi per far in modo che le banche potessero distribuirli ai cittadini (mutui, prestiti) e alle imprese (aperture di linee di credito pro investimenti, anticipo iva ecc., prestiti).

Risultato? Credit crunch:

- Prestiti alle famiglie: - 1,29 miliardi di euro

- Prestiti alle imprese: - 7,9 miliardi di euro

- Acquisto di titoli di Stato: + 92,89 miliardi di euro

Ma chi l'avrebbe mai detto! Le banche prendono denaro all'1% e lo investono al sicuro in titoli di Stato che rendono il dal 5% all'8% e guadagnano badilate di soldi senza muovere un dito e senza rischiare. Pazienza se poi l'economia reale resta al palo.

Ma la domanda vera è: chi paga in realtà gli interessi alle banche visto che gli Stati non hanno più sovranità monetaria? Ovvero: chi può stampare euro? Solo ed esclusivamente la BCE.

Da dove tirano fuori quindi le banche gli interessi così alti? Dallo Stato, quindi dalle tasche dei cittadini, quelle che avrebbero dovuto essere riempite dei soldi stampati dalla BCE.

Risultato? Stato sempre più povero, servizi sempre meno efficienti o in via di cancellazione, diritti in via d'estinzione, cittadini sempre più in miseria e banchieri sempre più ricchi e potenti.

Questo meccanismo è il male assoluto, questo è il crimine perpetrato dall'Europa asservita al sistema finanziario. Tutti, anche quelli che ora si sentono al sicuro, ne resteranno stritolati se il canovaccio non cambierà radicalmente nei prossimi mesi.

---

 

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Economia

Quanto ci è costato un anno di governo Berlusconi-Tremonti? 520 euro in più a testa.

  La voragine del debito pubblico si sta allargando in un modo così esagerato da non trovare più alcun raffronto con altri periodi storici. Tra una notizia sull'emergenza caldo (novità assoluta in ...

Jp Morgan. L'Italia è la più esposta al rischio bancarotta. Dopo Grecia e Irlanda

  Jp Morgan ha lanciato sul mercato un nuovo prodotto strutturato a tre anni che ha chiamato "First to default basket". Grazie ad esso, in maniera neppure troppo implicita, sarà possibile scommette...

Social Card: un fiume di denaro sprecato a vantaggio di circuiti di pagamento e Poste

La Social Card varata dal Governo in questi giorni ha diviso gli italiani.   C'è chi parla di una squallida beneficenza a favore di persone per bene, l'ex ceto medio i cui stipendi o pensioni non...

L'eredità di Renzi: Italia ultima in Europa per crescita. La Grecia cresce il triplo di noi, la Romania 5 volte tanto

Sembra di essere tornati al 2011, a quando Berlusconi aveva trascinato l'Italia sull'orlo del default. Ora ci risiamo. Lo spread non è ancora esploso a quei livelli ma i dati presentati oggi dal co...

La telefonata del mistero

    Il vertice di Bruxelles ha partorito dopo una lunga maratona finanziario-diplomatica durata 11 ore un robusto piano da 750miliardi di euro di intervento per salvare la valuta comunitaria dalla ...