Skip to main content

Elenco dei ministri prima del voto: la mossa storica di Di Maio sarà premiata?

 |  Redazione Sconfini

Per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana un partito/movimento politico presenta la squadra di Governo prima delle elezioni. Si tratta del Movimento 5 Stelle, innovatore nello stile e nelle proposte politiche fin dalla sua fondazione (di cui parliamo fin dal 2009), ma che ora fa un salto avanti storico nei rapporti tra "Palazzo" ed elettori.

Conoscere i nomi dei Ministri prima delle votazioni è certamente un'ambiziosa operazione di marketing pre-elettorale perché sei il primo a lanciare il "prodotto" e costringi tutti gli altri a inseguirti ma soprattutto in questo caso sarai l'unico: perché nel centrodestra non si sa neppure se esiste un candidato premier figuriamoci i ministri, da sempre oggetto di trattative estenuanti post voto con manuale Cencelli alla mano, mentre nel centrosinistra Renzi non ci pensa neppure a presentarsi come candidato premier certo di una probabile Caporetto elettorale
Gran parte dell'elettorato apprezzerà questa trasparenza? Ovviamente chi è già schierato tenterà di ridurre l'impatto di questa mossa, di demonizzare qualche ministro in pectore ripescando qualche suo scheletro nell'armadio o di bollare questa operazione come un colpo di teatro neppure ben riuscito.
Ma che impatto avrà tra gli indecisi e quelli che sono orientati a disertare le urne? Qui sta il nocciolo della questione perché se per miracolo il M5S riuscisse con questa mossa a recuperare un 8-10% l'ambiziosissima quota del 40% potrebbe non essere un miraggio.
Gli avversari scarseggiano: il più pericoloso (Gentiloni) è premier uscente e non candidato (ufficialmente); Renzi è l'ombra di un segretario, guardato dai suoi stessi compagni di partito come un appestato e destinato a saltare pochi giorni dopo il voto. Berlusconi che paga la mafia, frequenta prostitute anche minorenni e che è condannato per una maxi frode fiscale e di conseguenza interdetto anche dai pubblici uffici per 6 anni fino al 2019 non può neanche partecipare alla contesa sebbene in tv sembri già il futuro premier.
Salvini con il suo voto di paura e di protesta sarà messo all'angolo o dall'exploit 5 Stelle o dall'inciucio PD-FI in nome della stabilità, della responsabilità e dei patti con l'Europa. Grasso e gli indomiti ex comunisti ormai imbolsiti scalderanno per altri 5 anni una ventina di seggi marginali a meno che non si prostrino davanti a Di Maio per offrire qualche voto al Senato in cambio di qualche provvedimento di facciata. Meloni e Bonino non le consideriamo neanche come competitor ma solo come inutili portatrici d'acqua a coalizioni che non hanno nessun motivo di esistere.

Quindi? Di Maio ha fatto tombola? Più no che sì. Perché i nomi, sebbene mediamente di ottima caratura, preparati nei rispettivi campi e di alto profilo professionale o accademico non sono nomi che scaldano il cuore.
Mancano un paio di eroi popolari (come potevano essere Pertini nel '78, Di Pietro nel '94, Ingroia o Zagrebelski nel '13, Davigo o Di Matteo oggi), teste di ponte tra l'elettorato attento alla valutazione di tutti i profili presentati e i tanti tifosi dell'ultim'ora, quelli che non capiscono assolutamente nulla di politica, che parlano a vanvera citando l'ultimo titolo di giornale letto ma che sono bravissimi a saltare sul carro dei vincitori poco prima che questo tagli il traguardo.

Ad ogni modo ecco l'elenco completo dei ministri "ombra" (11 uomini, 5 donne) presentati da Di Maio. Per quasi tutti loro esiste una scheda su wikipedia. Buon approfondimento!

Economia: Andrea Roventini
Sanità: Armando Bartolazzi
Esteri: Emanuela Del Re
Interni: Paola Giannetakis
Affari regionali, rapporti con Parlamento e democrazia diretta: Riccardo Fraccaro.
Giustizia: Alfonso Bonafede
Pubblica amministrazione: Giuseppe Conte
Sviluppo Economico: Lorenzo Fioramonti
Politiche Agricole: Alessandra Pesce
Lavoro: Pasquale Tridico
Ambiente: Sergio Costa
Sport: Domenico Fioravanti
Difesa: Elisabetta Trenta
Infrastrutture: Mauro Coltorti
Istruzione: Salvatore Giuliano
Qualità della Vita: Filomena Magino
Beni culturali: Alberto Bonisoli


Altri contenuti in Politica

Lo statista di nome Trota

Troppo male si parla di Renzo Bossi alias il Trota. Non ci siamo. La Storia, quella con la "S" maiuscola, prima o poi riconoscerà i suoi meriti di fine statista. E anche quelli di suo padre, sua ma...

Di Pietro: Berlusconi finirà come Saddam

Antonio Di Pietro gongola. Il suo acerrimo nemico, il premier Silvio Berlusconi vede - stando a moltissime autorevoli fonti - avvicinarsi in fretta la parola "fine" della sua carriera politica e co...

The Guardian: cresce all'interno del G8 la richiesta di espellere l'Italia

Proprio mentre l'Italia, grazie alla straordinaria lungimiranza, l'immarcescibile appeal internazionale, la gestione economica degna dei paesi scandinavi (la spesa pubblica è completamente fuori co...

Di Pietro jr beccato a raccomandare amici: agguato o regalo di Natale?

Alla fine anche il partito più moralizzatore d'Italia, l'Italia dei Valori, è finito al centro delle intercettazioni telefoniche scaturite dalle indagini sul "sistema Romeo" e il caso Global Servic...

Il Pdl alla carica: riscriviamo la Costituzione in 3 mesi

"Si è dimostrato ancora una volta che la sovranità popolare è osteggiata da un coacervo di poteri che non ha una legittimazione politica, primo fra tutti un potere giudiziario che si è costituito c...