Skip to main content

Otto Violante

 |  Redazione Sconfini

Sull'idea di democrazia che aleggia nelle menti del Partito Democratico ci mancava una tassello, la posizione di Luciano Violante.

Lui, democratico perfetto, rispecchia in pieno la voglia di cambiamento e la freschezza del partito: ultrasettantenne classe '41 ma, soprattutto, parlamentare da 21 anni (8 legislature!). Finora sul web è diventato celebre da quando fu ripreso su youtube il suo discorso alla Camera "in difesa" del suo partito attaccato da Berlusconi nel quale rivendicava che grazie alle loro decisioni il fatturato Mediaset era aumentato di 25 volte.

In una delirante intervista, il povero Violante se ne esce con un'altra frase destinata ad entrare nell'empireo delle minchiate della nostra classe dirigente, anzi digerente.

"Le preferenze aumentano moltissimo i costi della campagna elettorale visto che i candidati devono farsi conoscere attraverso la pubblicità televisiva, cartelloni e iniziative di vario genere. In secondo luogo le preferenze non aiutano il ricambio della classe politica, perché è chiaro che sarebbero privilegiati coloro che sono già più conosciuti piuttosto che i nuovi. L'outsider sarebbe penalizzato a meno che non sia ricchissimo. In terzo luogo favoriscono la lotta intrapartitica rendendo i partiti più fragili e esposti a penetrazioni di ogni genere, anche della stessa criminalità organizzata".

Capito?

1) Il Pd non vuole le preferenze per evitare costose campagne elettorali, mica perché perché a uno come Violante non lo voterebbe neppure il suo ormai defunto povero papà, ex fascista costretto dal regime mussoliniano a vivere per molti anni in esilio in Etiopia.

2) Il Pd non vuole le preferenze perché non aiutano il ricambio della classe politica. In effetti il porcellum ha messo in luce un ricambio profondissimo, basti vedere l'incredibile numero di giovani statisti apparsi negli ultimi mesi (tipo il quasi ottuagenario Berlusconi, il giovane ex fascista Fini o l'uomo "nuovo" Bersani) e Violante, ne siamo sicuri, si farà da parte assieme ai suoi sodali per alimentare questo rinnovamento. Sì, come no!

3) Le preferenze espongono i partiti alla criminalità organizzata. Ma certo Violante: Cuffaro, Dell'Utri, Papa, Lusi, Romano, Cosentino, Di Girolamo, Tedesco, Belsito e tutti gli altri indagati e pregiudicati sono solamente degli incidenti di percorso sulla strada di un Parlamento pulito. Le liste bloccate sono davvero un ottimo deterrente per evitare infiltrazioni. E' un dato di fatto vero Violante?

---

 

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

Tutta colpa dei comunisti

"Del quadro attuale - ha dichiarato il premier Berlusconi nella conferenza stampa di presentazione della manovra per evitare la bancarotta dell'Italia, "portano la responsabilità sia i governi cons...

Un'ipotesi spaventosa: ci sono intercettazioni ancora peggiori che riguardano Berlusconi

Vi sembra di aver letto ormai di tutto sul vecchio satrapo puttaniere debosciato che continua a governare l'Italia? Probabilmente vi sbagliate. In principio ci furono le intercettazioni tra Berlusc...

Politica e giovani: due mondi ancora troppo lontani

  Con l’avvicinarsi delle ultime elezioni politiche abbiamo potuto notare come tutti i mass media abbiano dato sempre maggior spazio alla pagina politica, dando risalto alle opinioni di ciascuno s...

Metalli pesanti

Non bastava il memoriabile "il grillino che è in me" di Filippo Facci. Ora a correre sul carro dei (possibili) vincitori del futuro si precipitano anche i trafelati leccapiedi di Berlusconi e della...

A Montecitorio si riaffaccia la ghigliottina

Ma quale crisi e crisi. Anzi, la crisi è dietro le spalle (Silvio dixit), anche se proprio per questo è meglio non farsi trovare con i pantaloni abbassati. Pensate un po' che benessere si raccoglie...