Skip to main content

Mills condannato. Berlusconi ha corrotto ma si è autoassolto

 |  Redazione Sconfini

david mills, berlusconi, lodo alfano, processo, corruzioneL'assurdo è andato in scena. Ora è tutto chiaro, forse anche ai più stolti. Ecco a chi e a cosa serviva il lodo Alfano. Ecco il perché di tutta quella corsa ad approvare una legge che speriamo presto sarà tacciata di incostituzionalità. L'avvocato inglese David Mills è stato condannato a quattro anni e sei mesi per corruzione in atti giudiziari dal Tribunale di Milano. Per la prima volta nella storia della giustizia italiana (ma forse anche mondiale) si conosce il corrotto (e lo si punisce) e si conosce il corruttore (il premier Silvio Berlusconi) ma non lo si può giudicare. Incredibile. Il paradosso storico però, non finisce qui.  

Mills è anche stato condannato a risarcire 250mila euro alla parte civile, ovvero la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ovvero colui che lo ha corrotto. Una situazione da piegarsi in due dalle risate se non fosse così drammatica.

Il legale inglese, nel luglio del 2004 aveva raccontato ai pm Fabio De Pasquale e Alfredo Robledo di aver ricevuto 600mila dollari dal gruppo Fininvest per dire il falso nei processi in cui era coinvolto Silvio Berlusconi. Il premier era in un primo momento imputato insieme all'avvocato, ma la sua posizione, come già abbiamo avuto modo di ribadire, è stata stralciata in seguito all'approvazione del "Lodo Alfano" sull'impunità delle 4 più importanti cariche dello Stato (la quarta carica è proprio quella ricoperta dal presidente del Consiglio) da parte del Parlamento.

Il mondo sghignazza di questa situazione. L'Inghilterra inorridisce per la corruttibilità di alcuni suoi legali e gli italiani? Votano il corruttore, of course, vedi Abruzzo e Sardegna tanto per fare i due esempi più recenti.

Ma il progetto berlusconiano di riuscire viscidamente ad uscire da questa situazione, che graverebbe sul suo desiderio di diventare il prossimo presidente della Repubblica, non è finito qui. Il bello deve ancora venire: il 6 febbraio 2009 la Corte Costituzionale ha stabilito con una sentenza, che le sentenze definitive «valgono» come prova nei processi in corso. Il giorno dopo, nel solito silenzio dei media e dell'opposizione, il Governo inserisce nel ddl sulla giustizia un codicillo che dice il l'esatto contrario: le sentenze definitive non valgono più, salvo che nei processi di mafia e terrorismo.

Da quando sarà approvato questo cavillo (ovviamente incostituzionale come il lodo Alfano) ciò che ha accertato irrevocabilmente la Cassazione dovrà essere ridimostrato ogni volta, richiamando tutti i testi già sentiti nel processo già definitivamente chiuso. Ovviamente i tempi dei processi saranno allungati e indovinate a favore di chi finirà questo generoso emendamento? Ma a favore dell’imputato Berlusconi, naturalmente, se e quando tornerà in tribunale, per corruzione del testimone Mills, condannato proprio oggi a 4 anni e 6 mesi.

Da non crederci.


Altri contenuti in Politica

Il sacco dei Pepponi

Anche i banchieri hanno i loro spauracchi. Si tratta dell'unica specie umana più astuta e spesso più ladra di loro: i politici. Stavolta la ruota della criminalità gira a favore degli ex comunisti,...

Ancora disinformazione in tv e sui giornali: Obama non ha mai detto che Berlusconi ha una forte leadership

In occasione del G8 l'informazione giornalistica di riferimento, per fortuna, non può e non deve essere quella della televisione italiana. Centinaia di giornalisti stranieri, preparati e attentissi...

Ineleggibili ed esclusi: il magico mondo di Zanda e Finocchiaro

La premiata ditta Zanda e Finocchiaro sta cercando di far digerire ai normodotati, una minoranza ma incredibilmente ancora con una voce in capitolo nel Pd, un cavillo che di fatto escluderebbe il M...

Censura in corso

Seppur alla spicciolata questo pare essere un periodo di confessioni in casa Pdl. Dopo la confessione di ieri di Marcello Dell'Utri ("se non mi candidavo nel 1996 mi mettevano in prigione") è arriv...

Il Senato di Renzi? Un modo per azzerare la presenza del M5S

Intendiamoci. La fine del bicameralismo perfetto è un'ipotesi plausibile, che presenta alcuni indiscutibili vantaggi. Occorre un'approfondita analisi e un vivace confronto pubblico a sostegno delle...