Skip to main content

Moriremo democristiani

 |  Giuseppe Morea

La straripante percentuale del Pd (oltre il 40%) in questa tornata di elezioni europee chiama a una riflessione più profonda possibile sullo stato di salute di un elettorato che evidentemente sfugge alle regole della logica.

 Probabilmente non è stato un voto entusiastico (quasi nessuno è sceso in piazza a festeggiare) ma è stato un voto che assume proporzioni storiche per la portata della vittoria rispetto ai più quotati avversari (M5S quasi doppiato e fermo a poco più del 21%). Il lato più interessante di questa vittoria del Pd però è quello che racchiude una serie di paradossi che meritano un'analisi partecipata e che un analista da solo non può capire appieno.renziandreotti

1) Ha vinto innanzitutto un metodo. Un metodo che proprio il Pd aveva stigmatizzato per 20, quello dell'uomo solo al comando. Berlusconi portò in Italia l'idea dei partiti personalistici nel 1994. 20 anni di sconfitte dopo, il Pd violentando se stesso ha portato un uomo solo al comando e ha vinto.

2) Tradimento (#enricostaisereno), sfruttamento del corpo femminile (3 belle ragazze specchietto per le allodole a fare da capilista che si dimetteranno 24 ore dopo la nomina), difesa dei corrotti (tangenti Expo, Penati, Lusi, sistema Sesto, Mps), menzogne ("una riforma al mese" e dopo 4 mesi siamo fermi a quota zero) pagano ancora se il sistema massmediatico tradizionale (tv e giornali) ti protegge mistificando l'avversario. La somma di traditori, guardoni, corrotti e ballisti in Italia è sufficientemente alta per fare la differenza in una tornata elettorale.

3) Beppe Grillo fa paura. Forse è l'uomo più buono del mondo ma urla, strepita e mette in discussione le istituzioni che tanto rincuorano le fasce più anziane di popolazione. Almeno ciò è quello che i media tradizionali hanno fatto passare nel quotidiano lavaggio di cervello ai loro clienti, D'altronde chi voterebbe per uno che si dichiara oltre Hitler? Molti sono stati i suoi errori in questi ultimi 14 mesi nonostante le buone intenzioni.

4) Alla fine decidono e vincono sempre loro: i democristiani che gattopardescamente si muovono nell'area dei cosiddetti moderati. Persone normali, nonni e padri di famiglia benestanti o con stipendio garantito. Non sembra ma saranno ancora per qualche anno la maggioranza. Una volta erano andreottiani, poi per molto tempo sono stati berlusconiani, ora sono tutti renziani.

5) Berlusconi è quasi finito ed è una buona notizia ma il berlusconismo ha iniziato a camminare con nuove gambe, più giovani e forti. Negli ultimi 20 anni siamo stati il Paese al mondo che è cresciuto di meno. Abbiamo perso Olivetti, Telecom, il 90% dell'industria della moda e dell'alimentare oltre che decine di altre aziende prestigiose che avrebbero garantito lavoro e ricchezza a chi arriverà. Ora Renzi ha già messo le mani su Poste Italiane, Fincantieri e Cassa Depositi e Prestiti ultima cassaforte della grande famiglia italiana. Sarà un massacro. L'ultimo. E sarà costato solo 80 euro una tantum. L'apoteosi della corruzione in uno dei Paesi più corrotti del mondo.

---

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato.


Altri contenuti in Politica

Monti contro tutti ma ha sempre sbagliato tutto. Per quali meriti è senatore a vita?

L'unico termine per definire Mario Monti e il suo sperticarsi nel goffo tentativo di smarcarsi dai politicanti con cui condividerà a vita lo scranno a Palazzo Madama è "imbarazzante". Monti arrivò ...

Berlusconi interviene a Ballarò e insulta tutti

Nuova puntata della diatriba tra Berlusconi e il i "comunisti" che infestano a suo dire la magistratura e addirittura la Rai. Il premier, attaccato più o meno direttamente nel corso del contradditt...

Grillo lancia le civiche da Firenze. Sogna il Rinascimento, ma la strada sarà lunga e difficile

Beppe Grillo lancia la sfida e scende, finalmente, in campo. Ieri, domenica 8 marzo, a Firenze, all'interno del teatro Saschall affollato da circa 2.000 persone (soprattutto giovani) il comico geno...

Il new deal di Matteoli, 16,6 miliardi per la Salerno-Reggio Calabria e il Ponte sullo Stretto di Messina entro la fine 2009

In un'intervista radiofonica a Radioanch'io, il Ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha dato il via ad una sorta di New Deal all'italiana per uscire dalla crisi: 16,6 miliardi di euro di i...

M5S e il caso dell'audio Mucci-Rabino

L'audio e il testo della conversazione tra Mara Mucci (ex M5S ora Alternativa Libera) e Mariano Rabino di Scelta Civica pubblicati sul blog di Grillo questa mattina meritano un approfondimento. In ...