Skip to main content

Brunetta alza il tiro: gli studenti dell'Onda sono dei guerriglieri

 |  Redazione Sconfini

brunetta, renato, ministro, guerriglieri, ondaSoprendente e "poco diplomatica" esternazione del ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta, che in occasione della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Chigi ha commentato i tanti cortei in tutta Italia promossi dal mondo della scuola, dalla CGIL e dall'Onda ieri.

"Gli studenti dell'Onda sono dei guerriglieri, e verranno trattati come guerriglieri". Così Brunetta ha bollato, generalizzando in un modo forse esagerato, le manifestazioni di ieri. In effetti, nella maggior parte dei casi tutto è filato via liscio, senza troppe tensioni con le forze dell'ordine. All'Università la Sapienza, però, ci sono stati scontri tra Polizia in assetto antisommossa e studenti dell'Onda che protestavano ancora una volta contro il decreto Gelmini e i tagli all'Istruzione.

Su youtube i video delle cariche della Polizia e dei lanci di oggetti sembrano svelare una verità diversa da quella esposta dal Ministro: è vero che gli studenti hanno lanciato alcuni oggetti in direzione delle Forze dell'Ordine, ma solo dopo aver subito passivamente le prime cariche della Polizia e aver capito che non sarebbe loro stato permesso di proseguire a manifestare in corteo.

Comunque, a prescindere da quello che si può pensare di questi eventi (ognuno è libero di farsi la propria idea guardando i vari filmati), un giudizio si può dare a questa esternazione di Brunetta (tra l'altro ex socialista). Perché alzare ancora di più la tensione con parole che banalizzano la protesta? Le fasce di popolazione e il numero di persone che manifestano con sempre maggiore continuità sono ogni giorno che passa più estese. Il fatto che i telegiornali oscurino le proteste non vuol dire che non ci siano tensioni sociali e allora a chi giova alzare ancora di più il livello dello scontro?

Perché, Ministro Brunetta, queste parole che bollano come "guerriglieri" gli studenti che protestano? Non siamo (ancora?) di fronte a bande armate che seminano il panico o alla guerra civile!

Perché instradare la protesta su forme sempre più esasperate di contrapposizione con giudizi politici quantomeno avventati?

Sembra, a volerla pensare in modo un po' provocatorio, un'uscita pianificata per ottenere il consenso popolare a forme di repressione più violente in occasione delle future proteste.


Altri contenuti in Politica

Gasparri: lodo Alfano bocciato? Inventeremo un nuovo cavillo

In caso di bocciatura dell'incostituzionalissimo lodo Alfano da parte della Consulta, potrebbe già essere pronto il "piano B" per salvare Berlusconi dai processi dai quali è stata stralciata (momen...

Sindrome da secondo mandato e Movimento 5 Stelle

Prima o poi il bubbone doveva scoppiare ed è deflagrato nel momento peggiore: quando cioè il Movimento 5 Stelle stava diventando il 2° partito in Italia.   Allo stato attuale i punti deboli del Mov...

Ritocco in vista per l'Italicum: così rischia di vincere il M5S

C'era una volta l'Italicum, la "più bella legge elettorale possibile", "l'unico sistema in grado di garantire governabilità", "i cittadini eleggeranno il sindaco d'Italia". Ci credevate? Sempliciot...

Il Pd ha incassato 180 milioni di euro di rimborso elettorale. Era necessario far pagare 2 euro ai suoi elettori?

Domenica finalmente avrà fine la pantomima delle primarie del Pd e forse si ritornerà a parlare di cose serie anziché vedere continuamente e dappertutto uno spocchioso arrivista liberista e un ones...

Fornero-Marcegaglia: mancano un paio di rutti e un cameratesco vaffa e pare di essere in uno spogliatoio di una squadra di calcetto

Lo scadimento qualitativo della classe dirigente lo si può intravedere anche nella terminologia e nelle scelte lessicali dei suoi protagonisti.   Ieri, la ministra piangente, la regina dell'ipocris...