Skip to main content

Stasera la D'Addario ad AnnoZero. La strategia del Pdl

 |  Redazione Sconfini
tg1vselpaisIl terrore negli occhi degli uomini del Pdl e dei berluscones è ben visibile. La paura palpabile. La tensione si taglia con l'accetta nelle riunioni politiche. Oggi una prostituta andrà in tv (per la prima volta in Italia) a parlare dei festini a luci rosse di cui è stata protagonista con il premier Silvio Berlusconi: Patrizia D'Addario.

Il momento, dal punto di vista dell'igiene televisiva è infimo. Forse è il momento morale e politico più basso dell'Italia dal 1945 a oggi. Ma è lo specchio di un'elite dirigenziale e politica malata, marcia, in una situazione di cancrena conclamata.

La trasmissione è ovviamente AnnoZero e l'obiettivo è quello di dar voce ad una "protagonista" (a modo suo) della probabile prossima caduta del Governo Berlusconi. Da mesi la minoranza degli italiani conosce la squallida tresca tra la prostituta e l'utilizzatore finale dei suoi servigi. Oggi c'è il rischio che quella minoranza (che pure resterà minoranza) allarghi le fila. Chi guarda AnnoZero conosce già almeno in parte la verità. E' un pubblico che si autoseleziona. Ma nel mezzo si intrufoleranno parecchie centinaia di migliaia di italiani che, disinformati dalla tv di regime, non sapeva nulla del lettone di Putin, delle modalità di pagamento delle prostitute da parte di Giampi, l'amico di Silvio, dei consigli erotici di Berlusconi e delle sue promesse non mantenute per agevolare una concessione edilizia alla D'Addario.

Qual è allora la strategia dei berluscones, ormai sempre più esigui quanto a numeri (i transfughi stanno aumentando a dismisura) per rovesciare il tavolo? E' una strategia straordinariamente scontata:

1. Non presentarsi ad AnnoZero

2. Dal giorno dopo trasmettere a reti unificate il pensiero unico del loro capo: in quella trasmissione si fa popolismo, qualunquismo, è un programma volgare e soprattutto, cosa gravissima in totale assenza di contraddittorio. E' una trasmissione aprioristicamente "contro" e quindi deve essere chiusa perché non è plurale e quindi va contro i doveri del servizio pubblico.

Non una parola sui contenuti della puntata. Non una parola su Patrizia D'Addario (che non sarà citata da nessuna parte). Tutto sarà mascherato dalla levata di scudi. Dal giorno dopo tutto tornerà come prima, ma i berluscones avranno un'arma in più per tentare di far chiudere AnnoZero: "non ci è stata data la possibilità di dire la nostra, è una trasmissione illiberale, a senso unico".

E il bello è che gli italiani ci crederanno: chi lo spiegherà dopodomani ai cittadini che sono stati proprio i berluscones a non aver voluto partecipare alla trasmissione?

---

Ti è piaciuta la notizia?

Clicca qui e vota OK (in alto a sinitra)


Altri contenuti in Politica

L'ultima speranza di Silvio: D'Alema

Un cappotto che neanche la salma di Lenin poteva augurarsi. Finisce amaramente il turno amministrativo per Berlusconi e il suo non-governo scilipotiano, con sconfitte pesanti praticamente ovunque, ...

Statisti di 'sta cippa

"Bisogna mettere in pratica la lettera della BCE così l'Italia rimetterà subito in carreggiata". Questo era l'andazzo filogovernativo del pensiero unico che ha travolto il 99% giornali, tv, pensato...

La politica estera dell’Unione europea

Quando nel 1950 fu fondata la Comunità europea, l’obiettivo da raggiungere era quello di riunire le nazioni d’Europa ed i loro popoli, all’indomani del nefasto esito, per tutti, dalla Seconda guerr...

Dedicato a quelli che "il M5S deve dialogare col PD"

Nell'ultimo anno il leit motiv dell'elettore indefesso piddino ha addotto un'unica potentissima scusa per giustificare sotterfugi, tangenti e indicibili alleanze del partito per cui fanno il tifo: ...

Contro il lodo Alfano già raccolte 1 milione di firme

Il successo della raccolta di firme per indire il referendum contro il lodo Alfano è stato strabiliante. In poche settimane, ai banchetti allestiti in tutte le principali città del paese dall'Itali...