Skip to main content

Lazzaretto Pd. Oggi avrebbero potuto far cadere Silvio. Ma erano a letto malati

 |  Redazione Sconfini

franceschiniE così alla Camera è passato con 20 voti di scarto lo scudo fiscale. Tra chi si straccia pittorescamente le vesti come Di Pietro (che ha accusato pubblicamente Berlusconi e il Pdl di essere mafiosi) e chi esulta per il successo, bisogna registrare un'altra costante. Il Pd (o meglio, gli assenti del Pd) ha fatto sì che questa legge vergogna passasse.

Già in occasione del voto sulla pregiudiziale di incostituzionalità i tanti assenti del Partito che Franceschini si appresta a servire in cocci a Bersani avevano fatto la differenza. Fortissime sono state le polemiche, e per questo molti elettori del centrosinistra speravano in una riabilitazione dei loro "rappresentanti" al momento dell'approvazione. E oggi infatti, accanto alle assenze di un deputato di Italia dei Valori, 6 dell'Udc sono risultate decisive le assenze di ben 23 deputati del Partito Democratico.

Questi collaborazionisti del Governo Berlusconi, che sarebbe stato anche sfiduciato da un voto negativo della Camera in quanto sul Decreto è stata imposta la fiducia, rispondono ai nomi di: i Pd Ileana Argentin, Paola Binetti, Gino Bucchino, Angelo Capodicasa, Enzo Carra, Lucia Coldurelli, Stefano Esposito, Giuseppe Fioroni, Sergio D'Antoni (che fa sapere di essere ricoverato in ospedale), Antonio Gaglioni, Dario Ginefra, Oriano Giovanelli, Gero Grassi, Antonio La Forgia, Linda Lanzillotta, Marianna Madia, Margherita Mastromauro, Giovanna Melandri, Lapo Pistelli, Massimo Pompili, Fabio Porta, Giacomo Portas.

Se oggi Berlusconi resta ancora in sella è colpa loro e... dei loro guai di salute. Il profilo sanitario dei deputati del Pd è quello di un lazzaretto. Di questi assenti il 50% è assente per malattia! E leggete cosa dichiarano per scusarsi con gli elettori al Il Fatto Quotidiano alcuni di loro dopo lo scandalo suscitato dalle loro assenze alla precedente votazione.

Barbara Pollastrini: “Caro direttore, anche per un fatto personale di sensibilità nei confronti di lettori de Il Fatto, sento il dovere di scriverti. Vivo la discussione democratica per dare una leadership e un'identità al Pd, come via per mettere ko Berlusconi e un clima di regressione civile e democratica. Per questo, penso che tutti coloro che hanno questa volontà debbano sapersi rispettare, ascoltare e unire. Ero nella mia città, Milano. Bloccata da ragioni di salute. Credimi, mi è dispiaciuto profondamente, mi ha fatto rabbia, di non poter essere lì. Ciò detto, continuerò con ogni forza il mio impegno contro un governo illiberale e vessatorio. Anche Enzo Carra ci scrive: “Quel giorno avevo una visita per problemi di calcoli renali”. La lettera di Angelo Capodicasa: “Mio malgrado compaio nella lista degli assenti. Purtroppo sono stato ricoverato in ospedale. Avessi potuto recarmi in ospedale con la flebo sarei andato volentieri. Ma al reparto rianimazione del San GIovanni di Dio, ad Agrigento, sono piuttosto rigidi”. Sandra Zampa spiega: “Ero a Bologna, per una visita medica, ho perso il treno”. Gabriele Cimadoro: “Il mio voto non è stato registrato e non ho avuto la prontezza di farlo mettere a verbale. Ma c’ero”.

A ciò si aggiunge Sergio D'Antoni che ha fatto sapere di essere all'ospedale. Insomma, questi poveri deputati hanno uno stato di salute troppo precario. Sarebbe meglio andassero in aspettativa. Perenne!

L'occasione era unica per far saltare il Governo: i finiani infatti erano gran parte assenti. Nel Pdl si sono registrate ben 56 scranni vuoti.

Mancavano all'appello anche Aurelio Misiti dell'Idv, mentre nell'Udc gli assenti erano Francesco Bosi, Amedeo Ciccanti, Giuseppe Drago, Mauro Libè, Michele Pisacane, Salvatore Ruggeri. Segnatevi i loro nomi.

---

Ti è piaciuta questa notizia?

Clicca qui e vota OK (in alto a sinistra)

Foto tratta da Wikimedia Commons


Altri contenuti in Politica

Padroni di sè e padroni degli altri

"Stavolta ci sarebbe quasi da valutare se chi lancia questo genere di accuse sia davvero ‘compos sui', vale a dire pienamente padrone di sè. Per quel che mi riguarda, poi, mi verrebbe voglia di riv...

Il Ministro Raffaele Fitto rinviato a giudizio

Raffaele Fitto, ministro dei Rapporti con le Regioni, è stato in passato presidente della Regione Puglia prima della sconfitta del centrodestra per mano di Nichi Vendola. Il 3 febbraio 2009, il giu...

Appello ai franchi smacchiatori

La ricostruzione è più o meno questa. Berlusconi in un modo o nell'altro ricatta da Napolitano compreso in giù, quasi tutti i dirigenti di partito seduti in Parlamento da oltre 15/20 anni. Fino ad ...

Giornalisti precari: la Fornero non vuole che siano equamente compensati

Dicembre 2006: il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti vara il tariffario dei compensi minimi per i giornalisti "free lance" (leggi precari). Qui trovate tutti compensi previsti da quest...

Le rivelazioni shock della settimana: Lavitola, De Gregorio, Craxi

In un paese dannatamente smemorato come l'Italia è cosa buona e giusta rispolverare di tanto in tanto alcuni scandali più o meno celati, più o meno eversivi e più o meno indicativi dello stato in c...