Skip to main content

Alleanza per l'Italia. Rutelli copia nome e progetto a Fini

 |  Redazione Sconfini

Francesco Rutelli ha fondato un nuovo partito assieme a Bruno Tabacci. Troppo a sinistra il Pd per "Er Cicoria", troppo a destra e filoberlusconiano per Tabacci l'Udc. Liberi di farlo. Il partito si chiama Alleanza per l'Italia e in molti hanno subito ironizzato sulla scarsa fantasia del nome (Alleanza, come la ex Alleanza Nazionale e Italia come la ex Forza Italia) ma il punto non è solo legato a questi divertenti giochi di parole. Sentite cosa dichiara Italo Bocchino a Repubblica nel dicembre 2007, siamo nel periodo in cui Fini e gli ex aennini si dichiaravano contrari a confluire nel Popolo della Libertà da poco lanciato da Berlusconi sul predellino della sua auto. “…Altrimenti l’Alleanza per l’Italia sarà il contenitore per aprire An a mondi diversi dal nostro”. Un cammino che presuppone una interlocuzione forte anche con quei “mondi”, da Pezzotta a Montezemolo, che sono in marcia verso la politica”

Rincara la dose Ignazio Larussa: “Fini non esclude in futuro una federazione tra il Pdl, l’Alleanza per l’Italia e la Cosa bianca di Casini. Non è più la Cdl? Vorrà dire che la chiameremo il Castello delle libertà”. Alleanza per l’Italia, sorride comunque sibillino, “sarebbe un bel nome se An dovesse cambiare nome”.

Nel gennaio 2008 Fini, ancora contrario a confluire nel Pdl, accelera il progetto di Alleanza per l'Italia e ne stila addirittura un programma molto dettagliato. Alla fine il Popolo delle Libertà accoglierà Alleanza Nazionale al suo interno e così il progetto Alleanza per l'Italia finirà per essere accantonato. Fino ad oggi.

Chissà se Rutelli ora copierà anche il programma a Fini, il quale potrebbe almeno chiedere un parte dei "diritti d'autore" al collega centrista. La fantasia non sembra essere il punto di forza dei neocentristi.

---

Vuoi diventare fan di Sconfini su Facebook ed essere sempre aggiornato sulle notizie che ti proponiamo? Clicca qui!

 


Altri contenuti in Politica

Effetto Palin al capolinea e crisi finanziaria: Obama vola

Corsa alla Casa Bianca: Obama vola nelle preferenze degli elettori. Il sorpasso nei sondaggi messo a segno da McCain dopo la convention repubblicana è forse destinato a restare il primo e l'unico. ...

Abbandonare la nave! Abbandonare la nave!

C'era una volta il culto berlusconico. Ora non c'è più. I topi più furbetti (Casini e la sua elevata schiera di tangentari alla Cesa e mafiosi alla Cuffaro) che seguivano il pifferaio magico fin da...

Fornero-Marcegaglia: mancano un paio di rutti e un cameratesco vaffa e pare di essere in uno spogliatoio di una squadra di calcetto

Lo scadimento qualitativo della classe dirigente lo si può intravedere anche nella terminologia e nelle scelte lessicali dei suoi protagonisti.   Ieri, la ministra piangente, la regina dell'ipocris...

Berlusconi assolto, Ruby nipote di Mubarak e altre divertenti storie italiane

Speravamo di non parlare più di Berlusconi, e in un certo senso i sondaggi in picchiata per Forza Italia ci stavano dando ragione. Poi è arrivata la sgradevole sentenza della Cassazione che ha asso...

La fake news della settimana smontata con un'immagine: il governo M5S-PD sarebbe il governo degli sconfitti

Circolano sui social preoccupati messaggi lanciati da elettori della galassia di partiti del centrodestra in merito a un possibile Esecutivo M5S-Pd, che purtroppo però è l'unico Governo credibile c...