Skip to main content

Fini vs Berlusconi: sta cercando di comprare deputati e senatori della minoranza

 |  Redazione Sconfini

finiIl metodo parrebbe essere sempre quello. Per far cadere il governo (altrui) o per garantire la prosecuzione di quello proprio occorre convincere in un modo o nell'altro qualche senatore o deputato particolarmente malleabile. In passato erano giudici, ministri o finanzieri, ma i tempi cambiano. Il premier Berlusconi (vedi lodo Mondadori, tangenti alla Guardia di Finanzia, All Iberian, Craxi, tangenti a De Lorenzo ecc.) quando sente aria di cambiamento o di affari non dimentica la leva principale delle sue fortune: la corruzione o quantomeno la possibilità di ottenere dei vantaggi in cambio di qualcosa di più o meno lecito.

A fine 2007 (tra settembre e dicembre) mentre si consumava lo psicodramma del governo Prodi 2, secondo i pm, Berlusconi avrebbe istigato alla corruzione del senatore Antonio Randazzo e di altri parlamentari utilizzando allo scopo due tali (Pietro Pilello e Nick Scali). Secondo le accuse a Pilello, considerato un intermediario, era attribuita, assieme a Berlusconi, l'istigazione alla corruzione nei confronti del senatore del centrosinistra Randazzo e di altri parlamentari che sarebbe stata commessa tra settembre e novembre 2007. Scali invece era indagato per lo stesso reato: nel giugno 2007, avrebbe offerto nella Galleria Alberto Sordi a Roma un assegno in bianco fino a 2 milioni di euro allo stesso Randazzo per fargli cambiare schieramento e votare così contro la legge finanziaria. I sospetti, seppur pesanti, furono dissipati dal gip che chiese l'archiviazione delle indagini. Ma come finì il governo Prodi2 tutti ce lo ricordiamo.

Stavolta, a rilanciare sul tema della "compravendita" di parlamentari è nientemeno che Gianfranco Fini, il quale ha dichiarato: "Li chiama uno ad uno (i parlamentari della minoranza ndr), persino quelli che l'hanno visto solo in fotografia, e gli dice: io e te dobbiamo parlare, vienimi a trovare. Può anche darsi che riesca a rosicchiare qualcosa, ma in caso di rottura sono sicuro che qualcosa si sfrangerebbe anche dalla sua parte".

Chissà cosa avrà da proporre e da dire a dei perfetti sconosciuti il premier Berlusconi. Mah.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

foto da wikimedia commons


Altri contenuti in Politica

I cani non mollano l'osso

Ci hanno fatto credere che sarebbero diventati onesti.   Nessun italiano ovviamente aveva creduto al triumvirato della Repubblica delle Banane, Alfano, Bersani, Casini. Naturalmente avevano ragion...

Beppe Grillo candidato alla guida del Pd: il giallo della tessera

Il momento è storico. Ma come al solito (ricordiamoci che siamo in Italia) potrebbe rivelarsi un palloncino in grado di sgonfiarsi in pochi giorni. Beppe Grillo lancia la sua candidatura alla guida...

Silvio "Cesare" Berlusconi non riuscirà a dire: tu quoque Brute fili mi. Perché i suoi bruti saranno già in galera

Macché accerchiato. Il povero Berlusconi è rimasto solo con il cerino in mano. In breve tempo tutte le sue quinte colonne sparse sul territorio stanno finendo sotto inchiesta o (virtualmente) diet...

Giovani, che orrore (parte I)

Bistrattati, spremuti, dimenticati. Ma anche viziati dalla culla ai capelli bianchi. Esiste una questione giovanile in Italia? Ne abbiamo parlato con Bruno Zvech, esponente regionale dei Democratic...

Essere di destra, oggi, in Italia

Dopo le “purghe” che alla fine della “Prima Repubblica” avrebbero dovuto moralizzare le malefatte di cui si erano resi responsabili un po’ tutti i partiti, ma delle quali rimasero vittime principal...