Skip to main content

Al di sopra di ogni sospetto

 |  Redazione Sconfini

La fonte, Il Corriere della Sera, sembra tutto sommato attendibile, ma resta la sensazione che queste dichiarazioni di Silvio Berlusconi possano essere uno scherzo d'aprile in ritardo.

Ora che è proprietario di un piccolo partito (il Pdl è ampiamente sotto il 20% e al netto delle liste civiche civetta poco sopra il 10%), l'anziano satrapo, da vecchio clown esperto in trasformismi, inizia ad immedesimarsi con quelle realtà periferiche della politica nazionale. E, soprattutto, inizia a parlare come un Beppe Grillo qualsiasi.

"Bisogna trovare l'accordo con i piccoli partiti come il 5% di Grillo, il 4% di Casini, il 2% dell'Idv e il 9% di Bossi, che agiscono non per interesse comune ma guardando spesso al proprio interesse particolare che coincide con l'interesse dei propri leader".

La supplica del cadaverino politico è quasi commovente nel suo dare i numeri: pur di non sparire dal Parlamento sarebbe disposto a tutto, anche ad accordarsi con "piccoli partiti" come il Movimento 5 Stelle (che però in realtà viaggia verso il 15% ed è in crescita), l'Unione dei Carcerati di Casini (in realtà al 6% abbondante), il manettaro giustizialista Di Pietro (che è circa al 7%) e Bossi (che però è calato al 6% circa).

Che poi, diciamoci la verità, questi piccoli partiti hanno da sempre fatto esclusivamente gli interessi dei loro leader: ricordate al legge ad personam voluta da Grillo per cambiare legge elettorale e quell'altra sull'abolizione del finanziamento ai giornali? E la scandalosa salva-Cuffaro di Casini? Per non parlare poi della fiducia chiesta da Di Pietro per arrestare i tangentari ex socialisti finiti in Forza Italia o della legge ad trotam di Bossi, quella che assegna di diritto la laurea ai figli dei leader padani che abbiano ripetuto più di due volte l'esame di matura?

Non ricordate queste leggi? Strano, perché Silvio le ricorda tutte. Si è solo dimenticato di menzionare la ex-Cirielli che prescrisse il Lodo Mondadori, il caso Lentini e il processo Diritti tv Mediaset, la salva-Previti, la salva-Rete4, la legge sulle rogatorie internazionali, la depenalizzazione del falso in bilancio, il legittimo sospetto, condoni fiscali a non finire, la legge Gasparri, condoni edilizi per Villa Certosa, lodo Schifani, lodo Alfano, legittimo impedimento e tante altre allegre invenzioni giuridiche che hanno salvato dalla galera o dal pagamento di multe stratosferiche un ometto ora leader di un piccolo partito ma che per un tempo molto lungo è stato Presidente del Consiglio.

Chi è?

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

Anche i sondaggi voltano le spalle a Berlusconi

E' troppo tempo che il nostro fulgido premier non sciorina qualche sondaggio, non ci ricorda che gli italiani sono con lui, che il suo indice di popolarità supera il 100% fino a toccare le stelle. ...

Braccio di ferro sulle candidature del Pdl. Ecco perché per Berlusconi sono importanti

Lo "schiaffo" della signora Veronica al potente marito riguardo alle eurocandidature delle (solite) ballerine, veline e cortigiane del nuovo millennio non rappresenta per il presidente del Consigli...

Legittimo impedimento. Il pm tenta di annullarne gli effetti

"La legge sul legittimo impedimento è incostituzionale". Ad affermarlo è stato il pm di Milano, Fabio De Pasquale , nell'ambito dell'udienza del processo sui diritti tv di Mediaset che vede il p...

La Boschi in giro per l'Italia per il "Sì" al referendum. Può farlo? E chi paga?

Sarà un ottobre molto caldo per il governo Renzi, atteso alla prova referendaria definitiva sul suo operato per quanto concerne le riforme Costituzionali.   Volute caldamente da Napolitano, Verdin...

La Roma del 2014 è la stessa del 69 d.C.

Nel novembre 2011 alla caduta (morbida) di Berlusconi in molti paragonarono la sua ingombrante figura a quella di Nerone, l'imperatore romano del I secolo d.C. morto suicida nell'anno 68 per le par...