Skip to main content

Violante! Ecco i fatti nuovi che dovrebbero spingere il Pd a votare l'ineleggibilità di Berlusconi

 |  Redazione Sconfini

Le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello di Milano in merito alla condanna a 4 anni e l'interdizione dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset per frode fiscale sono, dal punto di vista politico, peggio di quanto ci si poteva immaginare per il Cavaliere.

Se infatti il leader del Pdl fosse stato giudicato "solo" come beneficiario ("utilizzatore finale" direbbe Ghedini) di una gigantesca frode messa però in piedi dai suoi dirigenti, la sua situazione sarebbe stata politicamente più morbida. Certo, non poteva non sapere, ma almeno avrebbe potuto arrampicarsi sugli specchi per scaricare le responsabilità materiali del reato su altre persone. Invece, come hanno stabilito i giudici milanesi, Berlusconi ha portato avanti questo sistema per molti anni, nonostante i ruoli pubblici assunti e condotto in posizioni di assoluto vertice.

Quindi non stiamo più parlando, mutatis mutandis, di un magnaccia terzo che per ingraziarsi il potente di turno gli porta squillo a domicilio facendogli pensare di essere un latin lover. Qui stiamo parlando di uno che contribuisce a ideare, coordina e gestisce una truffa ai danni dello Stato in prima persona. Per di più anche mentre era Presidente del Consiglio. Una porcata al cubo per di più ai danni dei cittadini (il 27% dei quali continua a votarlo, sostenuti obtorto collo dagli elettori del Pd che involontariamente l'hanno riportato al governo!).

A questo punto l'appello al Pd per votare immediatamente la sua ineleggibilità a Senatore deve giungere forte e chiara: Violante ha detto "Per tre o quattro volte nelle passate legislature il centrosinistra ha votato in un certo modo contro l'ineleggibilità. Se non ci sono fatti nuovi non vedo perché dovremmo cambiare questa scelta".

Le motivazioni di questa sentenza sono più di un fatto nuovo. Sono IL fatto che dovrebbe immediatamente portare Berlusconi fuori dai Palazzi della democrazia italiana. Certo, di mezzo ci sono i berlusconiani e quelli della mutazione micidiale, i piddini berlusconizzati, ma la Storia oggi ha svoltato e ha scelto in che direzione andare.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

321 collaborazionisti

E così tecnicamente il governo Berlusconi ha perso la maggioranza alla Camera. Solo 308 sono stati i voti favorevoli al "miglior premier degli ultimi 150 anni" (maggioranza a 316). Ma la cosa più i...

Bechis e il curioso caso del ginocchio che cambiò la storia d'Italia

Un nuovo fenomeno della stampa di regime tenta di insidiare da vicino la pole position della disinformazione finora contesa da Augusto Minzolini, Vittorio Feltri e Maurizio Belpietro. Si tratta di...

Renzi si è già bruciato? Il "sistema" ha pronto Marchini

Gli impietosi sondaggi che vedono un costante calo di consensi nei confronti del Partito Democratico di matrice renziana, comunque primo e nettamente sopra per il momento al 30%, apre ben prima del...

Europee. Ecco chi resterà fuori e perché

La soglia di sbarramento al 4% prevista dalla legge elettorale per le europee varata tra le polemiche pochi mesi fa, premierà - stando alle indicazioni date dagli ultimi sondaggi - chi la legge l'h...

Ora c'è pure il Papi-priapismo

Si spezza il cordone di silenzio attorno alle notti del Bunga Bunga. Repubblica fa trapelare oggi le dichiarazioni spontanee di due ragazze (all'epoca poco più che diciottenni) ingaggiate da Emilio...