Skip to main content

Monti contro tutti ma ha sempre sbagliato tutto. Per quali meriti è senatore a vita?

 |  Administrator

L'unico termine per definire Mario Monti e il suo sperticarsi nel goffo tentativo di smarcarsi dai politicanti con cui condividerà a vita lo scranno a Palazzo Madama è "imbarazzante".

Monti arrivò nel novembre 2011 a palazzo Chigi tra le ovazioni di un popolo piegato dai scandali a mitraglia di Berlusconi e dall'avvenuto fallimento dell'Italia (tenuto ancora nascosto ma in realtà certificato dall'UE nell'estate del 2011).

Soppesando il circo Togni che era l'ultimo ufficiale governo Berlusconi (con Carfagna, Brunetta, Gasparri, Brancher, Romano e una ridda di ministri da far tremare i polsi ai mafiosi costretti al 41 bis) quello di Monti pareva un governo di marziani salvatori della patria. Naturalmente quasi tutti (ma non noi) abboccarono al professore già consulente Goldman Sachs, neoliberista reazionario piegato agli interessi delle corporation e delle lobby internazionali, componente della commissione Trilaterale e membro del gruppo Bilderberg e ai suoi colleghi tecnici.

In nome di un'austerità appena più lieve di quella imposta direttamente dalla troika in Grecia, Monti non tagliò di un euro le spese inutili della P.A. non tagliò le provincie, nomino dei tecnici dei tecnici per scoprire dove recuperare risorse (100 miliardi!) senza reperire un solo euro, appesantì l'Imu voluta da Berlusconi manganellando i proprietari di prima casa inizialmente esclusi, imbastì con quella sorta di mostro sociale che risponde al nome di Elsa Fornero la più iniqua delle riforme delle pensioni (a parte quella che istituì il sistema contributivo) creando centinaia di migliaia di esodati, fece crollare il Pil al di sotto dei disastri berlusconiani e nel contempo fece aumentare spaventosamente il processo di deindustrializzazione e di disoccupazione specialmente giovanile.

Letta, anche lui un banale replicante di Monti dal punto di vista delle "influenze esterne" e della vicinanza ai banchieri e ai gruppi di finanza criminale che stanno affossando il sud Europa, ne sta semplicemente proseguendo il programma di sventramento del sistema economico-produttivo del Paese anche attraverso un progressivo ma irrefrenabile smantellamento del Welfare State.

Ora, manco fosse un ingenuo scolaretto, Monti ha scoperto che il ministro Mario Mauro (quello che gli ha chiesto un posto in Parlamento ed è entrato nelle trattative per la formazione del governo a nome di Scelta Civica uscendone ministro della Difesa) e Pierferdinando Casini (quello che promise "se Cuffaro sarà giudicato colpevole mi assumerò la responsabilità di averlo nominato") sono dei voltagabbana pronti a rifondare l'ala destra della Democrazia Cristiana.

Che Mauro e Casini fossero banderuole è notorio dal loro semplicissimo curriculum "politico". Mai fedeli alla parola data, mai fedeli alle promesse, mai fedeli a uno schieramento, mai credibili quando prendono impegni. Ma Monti no, lui cade dalle nuvole. E se la prende pure con la Bignardi e l'intervista in cui gli rifilò in braccio un cane.

Se non fossero chiari segnali di una senilità difficile bisognerebbe chiedersi: ma perché Napolitano ha nominato senatore a vita uno così?

A uno con una così limitata visione strategica e con questi clamorosi vuoti mnemonici non bisognerebbe neppure dare il diploma di terza media.


Altri contenuti in Politica

Confermata la condanna di Mills. 4 anni e sei mesi di carcere

La seconda sezione della Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a quattro anni e sei mesi nei confronti dell'avvocato inglese David Mills per corruzione in atti giudiziari. La decision...

Vincono gli ayatollah del Pd. Grillo rinuncia

Stupratori sì. Pluricondannati anche per reati molto gravi sì (Enzo Carra). Personaggi inciucioni che sembrano propaggini del centrodestra sì (il dalemiano Latorre). Morti sì. Beppe Grillo no. Alla...

Regionali 2005. Quando i forcaioli giustizialisti erano del Pdl

In attesa che si sciolga il nodo sull'ammissione della lista del Pdl nella provincia di Roma per le imminenti regionali, giova ricordare un po' di aforismi e citazioni di importanti personaggi dell...

Come potrebbe funzionare il Napolitanellum

Pensavamo che il porcellum fosse la peggior legge elettorale possibile. Nel mondo cosiddetto libero certamente lo è, ma peggiorarla sarà comunque un'operazione praticabile per Napolitano e compagni...

Gli hanno fatto il... quorum

Non è servito il silenzio dei media di regime, non è servita la campagna di discredito sui quesiti referendari né gli inviti rivolti dal Tg1 di andare al mare. Il fatto che il premier abbia dichiar...