Skip to main content

Governo appeso a un filo. La chierezza del M5S, i sotterfugi e i ricatti degli altri

 |  Redazione Sconfini

Siamo arrivati al momento topico di questo travagliato inizio di legislatura.

Lo scontato "vade retro" del M5S (discutibile ma immutabile da un mese a questa parte) è un simbolico contraltare ai silenzi, ai vili ricatti, a prevedibili voltagabbana, a strategie nebulose degli altri partiti principali.

Che farà ad esempio Scelta Civica? Si accontenterà di contare come il due di picche pur di restare al governo?

Che farà la Lega Nord? Siamo sicuri che voterà contro ben sapendo che senza il traino elettorale di Maroni candidato alla presidenza della Lombardia e la sua fantasiosa macroregione del nord rischia di perdere ancora più rappresentanti e di scendere sotto il 4%? Lo stesso Bossi, spalleggiato da Cota hanno detto di non voler far tornare il Paese alle urne.

E che farà il Pdl che con la zavorra Berlusconi e i suoi processi è impresentabile al 99,9% degli elettori di centrosinistra ma che senza Berlusconi è destinato ad un'immediata estinzione? Evidentemente non può votare a favore della fiducia senza un tornaconto in termini di rappresentanza governativa. Ma non sarebbe per loro saggio nemmeno votare contro. Un periodo (seppur breve) all'opposizione farà bene al Pdl per ricompattare i ranghi dei suoi elettori e a far urlare alle molteplici bocche di fuoco para-informative di cui dispone il leader lo sconcerto che ogni decisione del governo Bersani prenderà. Possibile quindi la strategia dell'uscita dall'Aula di Palazzo Madama per consentire comunque il via libera alla fiducia?

Di fatto tutto è oscuro e misterioso. Tutto è segreto. Il sottile filo del ricatto permanente aleggia sul capo di Bersani come una moderna e corrotta spada di Damocle pronta a spezzarsi al momento opportuno. E il coltello per tagliare il filo, è come sempre in mano a Berlusconi.

Almeno finché non sarà dichiarato ineleggibile.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

Il topolino sdentato

Probabilmente è stata una riunione dall'altissimo contenuto politico. Peccato che però abbia partorito solo un topolino sdentato e paralitico. I due grandi giuristi Bossi e Berlusconi si sono trov...

Bocciata anche la lista di Formigoni. Sul Lazio ironia e sarcasmo sul web. A Padova votano pure i morti

Ma cosa diavolo sta succedendo in casa Pdl? La corazzata berlusconiana che pareva avere in mano molte comode vittorie, per abbandono dell'avversario, alle imminenti elezioni amministrative perde ...

M5S e il caso dell'audio Mucci-Rabino

L'audio e il testo della conversazione tra Mara Mucci (ex M5S ora Alternativa Libera) e Mariano Rabino di Scelta Civica pubblicati sul blog di Grillo questa mattina meritano un approfondimento. In ...

Politica estera: non solo pacche sulle spalle

Come si sta comportando il quarto governo Berlusconi in politica estera? Ci sono delle direttrici di fondo oppure è tutto lasciato all’improvvisazione e all’impareggiabile talento di gaffeur del pr...

Per Obama l'Italia non esiste. Ecco i 5 perché del suo silenzio

Nel novembre scorso, quando era stato eletto da pochi giorni alla Casa Bianca, Barack Obama aveva iniziato a chiamare gli amici politici e i governatori più importanti di tutto il mondo (esclusi Pu...