Skip to main content

Olfatto compromesso con dosi eccessive di Viagra

 |  Redazione Sconfini

Una dose eccessiva di Viagra potrebbe compromettere il senso dell’olfatto. È appena giunta a questa conclusione l’équipe di Thomas Hummel dell’Università tedesca di Dresden, che ha pubblicato i risultati della ricerca sul numero di questo mese della rivista The Journal of Urology. La colpa di tutto ciò sarebbe da attribuire alla congestione nasale associata all’assunzione del farmaco.

 

Gli scienziati hanno lavorato su due diversi gruppi di uomini: ad uno è stata somministrata una dose di Viagra pari a 50 o 100 mg, ad un altro placebo. Una volta effettuata la somministrazione sono stati fatti dei test per accertare la capacità degli uni e degli altri di distinguere fra i diversi odori. Ebbene, il gruppo che assumeva la dose da 100 mg di Viagra ha presentato una capacità inferiore di discriminazione e percezione degli odori. La dose più bassa non ha mostrato, invece, alcun effetto sulle funzionalità olfattive.

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

 

 
In collaborazione con Help!

  

 


Altri contenuti in Farmacia

Zainetti pesanti: è allarme per la schiena dei bambini

Sono circa 7.300 le lesioni riportate dai bambini a causa di zainetti scolastici troppo pesanti. I problemi più comuni sono distorsioni e strappi muscolari. Il dato è emerso dai risultati messi a d...

Coliche dei neonati: un aiuto arriva oggi dai probiotici

Meglio dei farmaci contro le coliche infantili possono i probiotici. A darne conferma i ricercatori italiani dell’ospedale torinese Regina Margherita, guidati da Francesco Savino, su Pediatrics, do...

Tumore alla prostata: la diagnosi precoce salva la vita

È quanto emerso dallo studio Eurocare effettuato su 4.478 donne europee con diagnosi di tumore della mammella di sei Paesi (Italia, Gran Bretagna, Francia, Olanda, Spagna, Estonia) presentato nei g...

Ma chi l’ha detto che il caffè sveglia la mattina?

Il caffè preso di primo mattino non sveglia e non rende i riflessi più pronti. A darne notizia i ricercatori dell’Università di Bristol che hanno condotto uno studio sugli effetti della caffeina. C...

Presentato il nuovo antiemicranico naturale

Ad un recente convegno medico a Stresa è stato mostrato per la prima volta l’antiemicranico di origine naturale a base di ginkgolide B, un derivato terpenico del Ginkgo biloba, nota erba fossile gi...