Skip to main content

Nuovo farmaco per l’artrite reumatoide

 |  Redazione Sconfini

Il Rituximab è un nuovo farmaco che riesce ad addormentare per lunghi periodi l’infiammazione associata all’artrite reumatoide. Sulla rivista ufficiale dell’American College of Rheumatology, Arthritis and Rheumatism, i due studi pubblicati  REFLEX (517 pazienti interessati in 114 centri a livello mondiale di cui 5 italiani) e DANCER (465 pazienti coinvolti in 100 centri a livello mondiale di cui 4 italiani) mostrano come il Rituximab, un anticorpo monoclonale, colpisce ripetutamente una proteina presente sulla superficie dei linfociti B che provocano la malattia. In questo modo s’interrompe a monte la catena di reazioni infiammatorie associate all’artrite reumatoide, rimettendo in moto le difese immunitarie dell’organismo.

 

Il dottor Piercarlo Sarzi Puttini, dirigente medico U.O.C. di Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Polo Universitario Luigi Sacco di Milano, ha dichiarato: “Rispetto alle terapie finora utilizzate, il Rituximab ha dimostrato in diversi studi un miglioramento dei sintomi dal 50% al 70% e la capacità di convertire il fattore reumatoide da fortemente positivo a negativo, ovvero ha confermato che agendo in modo selettivo sui linfociti B vi è la possibilità di una remissione della patologia a lungo termine. La malattia appare spenta, le articolazioni non sono più tumefatte o dolenti”.

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

 

 
In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Farmacia

Erboristeria: le fonti naturali di benessere

La tradizione dell’erboristeria italiana, fino a qualche anno fa, non aveva corrispondenza negli altri paesi della comunità europea: la ricchezza di erbe e piante officinali disponibili, la cultura...

La capecitabina per il tumore al colon

Appena approvato dall’Emea (l’Agenzia europea per i medicinali) l’impiego della capecitabina per il trattamento del tumore metastatico del colon, una malattia devastante. È stata la stessa Roche, l...

Bambini: allarme per cure fai-da-te

Un bambino su tre assume farmaci in maniera errata per colpa di prescrizioni sbagliate e cure fai-da-te. A darne notizia l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco.   “I farmaci più a rischio – spiega ...

Diabete tipo 2: il caffè fa bene o no?

I pazienti affetti da diabete di tipo 2 dovrebbero evitare di consumare molti caffè. Secondo un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori della Duke University Medical School di Durham e pu...

Cheratocono: un collirio eviterà il trapianto

Fino ad oggi l’unico trattamento possibile per la cura del cheratocono, che colpisce in Italia circa una persona su 500, è il trapianto di cornea. È stato visto però che un collirio sarebbe capace ...