Skip to main content

Un nuovo antidiabetico dal veleno di una lucertola

 |  Redazione Sconfini

E' in vendita sugli scaffali delle farmacie in Inghilterra già da alcune settimane un nuovo medicinale per combattere il diabete di tipo 2 a base di una sostanza prodotta dal corpo di una lucertola velenosa che mangia soltanto tre volte l’anno e vive in Messico.

 

È un farmaco che appartiene ad una nuova classe di medicinali noti come incretino-mimetici e che agisce spronando il pancreas a produrre più insulina. La lucertola, conosciuta come il mostro di Gila, produrrebbe una saliva al cui interno è contenuto un elemento chimico (l’exendina 4) analogo alla peptide-1 simil-glucagone (GLP 1), un ormone umano che regola la quantità di zucchero assorbita dal sangue.

 

“Il meccanismo GLP 1 – ha commentato il dottor Michael Trautmann della Ely Lilly, l’azienda farmaceutica americana che insieme con Amylin Pharmaceuticals ha sviluppato una versione sintetica dell’exendina 4 – svolge un ruolo molto importante nel regolare il livello di glucosio presente nel sangue, l’appetito e l’assorbimento dei cibi attraverso l’intestino. Il mostro di Gila mangia appena tre o quattro volte all’anno e una sostanza prodotta dalle sue ghiandole salivarie, chiamata exendina 4, gli permette di assorbire i suoi alimenti molto lentamente”.

 

tratto da www.farmaciadigretta.it 

 

 
In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Farmacia

Fare sport aiuta a prevenire il cancro al colon

Muoversi spesso, con costanza e senza sforzarsi, può ridurre il rischio di ammalarsi di tumore al colon. A darne notizia sulla rivista Cancer epidemiology, biomarkers & prevention è l’equipe di ric...

Antiacidi aumentano i rischi di frattura dell’anca

I medici dell’Associazione Italiana Gastroenterologi e Endoscopisti digestivi Ospedalieri (AIGO) hanno pubblicato uno studio dove rendono noto i rischi connessi all’uso di certi farmaci antiacidi n...

Ma chi l’ha detto che il caffè sveglia la mattina?

Il caffè preso di primo mattino non sveglia e non rende i riflessi più pronti. A darne notizia i ricercatori dell’Università di Bristol che hanno condotto uno studio sugli effetti della caffeina. C...

Sole: i danni da raggi UV non sono reversibili

Sono ancora tanti gli italiani che oggi non conoscono i pericoli per gli occhi provenienti dai raggi UV. È quanto emerso da un sondaggio fatto dalla Soi, la Società Oftalmologica Italiana, secondo ...

Coliche dei neonati: un aiuto arriva oggi dai probiotici

Meglio dei farmaci contro le coliche infantili possono i probiotici. A darne conferma i ricercatori italiani dell’ospedale torinese Regina Margherita, guidati da Francesco Savino, su Pediatrics, do...