Skip to main content
È molto importante che il piccolo affetto da dermatite atopica sia seguito nel corso della malattia dallo specialista dermatologo, in collaborazione con il pediatra e con i genitori stessi.

La dermatite atopica

 |  editor

 


E' il tipo di dermatite più consueto in età pediatrica (dal 10% al 12% a livello mondiale nei Paesi occidentali a maggior sviluppo economico), ma non è insolita anche nei soggetti adulti.


È una dermatite pruriginosa recidivante che esordisce generalmente in bambini di età inferiore ai cinque anni, ma abitualmente mai prima del terzo mese di vita. Circa il 95% dei casi si risolve positivamente nell’età adolescenziale, mentre è molto raro l’esordio nell’età adulta. “La dermatite atopica – afferma il dottor Alessandro Gatti, dermatologo dell’U.C.O. di Dermatologia e Venereologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste – un tempo chiamata eczema costituzionale, è solo un aspetto di una condizione generale, detta atopia, a carattere familiare che induce un’anomala reattività a numerosi stimoli (antigeni batterici, virali, alimentari o aerotrasportati come i pollini o gli acari della polvere) ed una predisposizione soggettiva a diverse malattie infettive cutanee (impetigine, verruche, mollusco contagioso) e respiratorie”.

 

L’atopia come condizione biologica sembra essere in aumento. A cosa si deve?

“Non è possibile dare una risposta certa. L’ipotesi più accreditata, valutando l’evidenza clinica delle diverse manifestazioni non solo cutanee ma anche interessanti le vie aeree superiori e le allergie alimentari, è quella che sia un segno di un’anomala reattività immunitaria presente e frequente soprattutto nelle società cosiddette del “benessere”, dove paradossalmente il fatto di vivere in ambienti puliti, privi di certi agenti patogeni, stimolerebbe in maniera anomala il sistema immunitario a riconoscere in modo prevalente e più precoce allergeni alimentari che inducono preferenzialmente un ipersviluppo di popolazioni di cellule immunitarie deputate alla sintesi di IgE, anticorpi tipici della risposta allergica. Si è osservato, infatti, che la dermatite atopica è meno frequente in Paesi come Cina, India e in Africa (meno del 5%), dove probabilmente lo stile di vita permette un contatto abituale e frequente con allergeni batterici: questo evento favorirebbe una maturazione del sistema immunitario più equilibrata e senza ipersviluppo di cellule deputate alla produzione di IgE. Le popolazioni originarie di Paesi a bassa incidenza di dermatite atopica, quando emigrano in Paesi più sviluppati, manifestano un’incidenza della dermatite atopica simile a quella della popolazione autoctona. Queste evidenze rafforzano e confermano l’ipotesi che la condizione di familiarità, di predisposizione genetica ad allergie in senso lato, anche se non se ne conoscono a fondo tutti gli aspetti, è fortemente condizionata dall’ambiente in cui si vive”.

 

Qual è il quadro clinico della dermatite atopica?

“Può avere aspetti e segni cutanei non necessariamente presenti contemporaneamente ma che di solito sono facilmente riconoscibili da un occhio esperto e determinanti al fine di una diagnosi clinica. Nel lattante la localizzazione dell’eritema è generalmente nel volto con un aspetto tipico “a mascherina”, cosiddetto perché la parte centrale non interessata è pallida per contrasto con la parte interessata da arrossamento. Ci possono essere poi sulle parti estensorie degli arti chiazze eritemato-vescicolose, pruriginose e a volte essudanti, che successivamente si localizzano sulle pieghe flessorie degli arti. La facies atopica caratterizzata da colorito pallido e occhiaie, l’interessamento delle pieghe cutanee, a volte le ragadi sotto l’orecchio, facilitano la diagnosi. Nell’adulto facilmente si manifesta lichenificazione, un ispessimento con accentuazione del disegno a quadrellatura della pelle, soprattutto su polsi e pieghe degli arti. Elementi unificanti sono il prurito e la secchezza cutanea”.

 

Il soggetto atopico può sviluppare anche una sintomatologia extracutanea?

“Questi segni cutanei non sono sempre presenti insieme e la cute non è il solo organo interessato da atopia. I soggetti possono essere interessati da altre manifestazioni allergiche: asma, rinite, congiuntivite e allergie alimentari, ed alle volte i segni extracutanei sono prevalenti nel quadro clinico. Il sospetto di un’allergia alimentare può essere confermato da opportuni test, e solo in caso di positività opportune diete ad eliminazione dell’alimento responsabile daranno vero giovamento. Vanno quindi attentamente valutate e non incoraggiate in bambini piccoli le pratiche di diete ad esclusione eccessivamente restrittive. Sembrano, invece, avere validità le indicazioni che alcuni danno per scongiurare e prevenire l’iperreattività immunitaria, che in linea di massima si possono così riassumere: l’allattamento materno procrastinato oltre i 12 mesi sarebbe protettivo, come pure lo svezzamento progressivo e graduale soprattutto introducendo alcuni alimenti istamino-stimolanti e allergizzanti (uova, pomodoro, cioccolato, soia) singolarmente e a piccole dosi”.

 

A cosa è ipersensibile la cute del paziente?

“Si registra spesso un’ipersensibilità alle punture d’insetto, a stimoli sia chimici che meccanici, e anche al contatto con il caldo, il freddo e il secco dell’ambiente, alle polveri e agli acari”.

 

È caratterizzata da recidive?

“È molto importante che il piccolo affetto da dermatite atopica sia seguito nel corso della malattia dallo specialista dermatologo, in collaborazione con il pediatra e con i genitori stessi, che devono essere consapevoli della possibilità di ricadute. Il quadro clinico, nel corso degli anni, è destinato a modificarsi continuamente e richiede adeguati aggiornamenti dei provvedimenti terapeutici, che devono seguire le fasi di miglioramento e di peggioramento della condizione patologica con l’obbiettivo di ottenere fasi di miglioramento più rapide e più durature possibili, per ridurre al minimo gli effetti collaterali delle terapie usando i farmaci a disposizione con la dovuta misura”.

 

Quali sono le possibili terapie?

“La terapia della dermatite atopica si avvale di farmaci che servono ad attenuare il prurito (antistaminici) e di medicazioni locali con pomate e creme antinfiammatorie e cortisoniche, senza abuso però. Siccome la pelle dei bambini atopici è secca, occorrerà in primo luogo idratarla, utilizzando creme, bagni idratanti ed emollienti (nella cura e nel mantenimento queste pratiche sono parte integrante del trattamento). Quando si verificano delle sovrainfezioni (impetigine) è necessario effettuare una terapia antibiotica topica o sistemica. I farmaci più recenti, immunosoppressori, si sono rivelati in alcuni casi armi efficaci: naturalmente è imprescindibile una strettissima sorveglianza degli effetti collaterali e verso le eventuali controindicazioni. È opportuno tranquillizzare i genitori perché, anche se è vero che la malattia può durare anni, il figlio potrà avere anche lunghi periodi di benessere; la persistenza della malattia nell’adulto con quadri clinici impegnativi è cosa fortunatamente molto rara”.

 

È opportuno osservare delle regole comportamentali?

“La detersione e l’idratazione della cute nel bambino atopico costituiscono un problema di rilevante importanza, a causa dell’elevata incidenza di tale patologia nella popolazione infantile. La cute del bambino atopico è iperreattiva, quindi facilmente irritabile, e ciò anche per la sua particolare secchezza e il prurito caratterizzante la dermatite. Il lavaggio cutaneo deve avvenire con regolarità, in modo non intensivo, ed utilizzando prodotti mirati per la cura della pelle atopica, con acqua tiepida e non troppo calda. La cute deve essere idratata quotidianamente anche nei periodi di benessere. Per i bambini che hanno un’iperreattività nei confronti dell’acaro della polvere, è indispensabile prendere dei provvedimenti di igiene microambientale, soprattutto nella stanza da letto (eliminare tappeti, tende, pupazzi di stoffa, ed usare materassi e cuscini antiacaro). La temperatura della stanza da letto, infine, deve essere non elevata, il bambino non troppo coperto (se suda spesso, si sveglia con crisi di prurito) e l’ambiente adeguatamente umidificato”.

Ignazia Zanzi

 

 In collaborazione con Help!

 

 

È molto importante che il piccolo affetto da dermatite atopica sia seguito nel corso della malattia dallo specialista dermatologo, in collaborazione con il pediatra e con i genitori stessi.

Altri contenuti in Medicina

Spalla: un’uscita davvero dolorosa

La spalla è un’articolazione fondamentale per la salute del nostro organismo perché, direttamente o indirettamente, agisce sul funzionamento dei nostri arti superiori (braccio, polso, gomito, mano ...

La cardiopatia coronarica nelle donne

  Sono una vecchia signora con il cuore “ballerino”, ma non mi rivolgo a lei per un mio problema bensì per capire le cause dell’infarto avuto da mia figlia, che ha 40 anni. Com’è possibile che poss...

Le tossinfezioni alimentari

  La stagione estiva, con le alte temperature che in genere fa registrare, può determinare seri problemi di adattamento all’organismo, soprattutto nei soggetti più fragili come gli anziani e i bam...

Esami del sangue: elettroforesi delle proteine plasmatiche

L’elettroforesi è un esame che viene eseguito per analizzare le proteine presenti nel plasma: dopo un prelievo di sangue venoso, il campione di plasma viene sottoposto ad una centrifuga che separa ...

Midollo spinale: ricerca e pratica clinica contro le lesioni

Si propaga come un incendio, divampando dall’epicentro con effetti devastanti: invalidità pesanti, paralisi, paraplegia. La lesione al midollo spinale, già nelle primissime ore dopo il trauma, caus...