Skip to main content

Assistenza agli anziani: meglio tra le mura domestiche

 |  Redazione Sconfini

L’aumento della vita media ha portato ad un incremento del numero delle persone anziane ed alla conseguente moltiplicazione di richieste di prestazioni e servizi adeguati a questa fascia d’età.

L’assenza, molto frequente, di una famiglia attiva (a volte impossibilitata ad occuparsi adeguatamente dell’anziano), di reti amicali, di buon vicinato, quando ancora la povertà, l’esclusione e la solitudine, hanno stimolato e continuano a stimolare, di necessità, il ricorso e la delega alle istituzioni, e conseguentemente la deresponsabilizzazione del singolo e della collettività.

Si è consolidato, in un recente passato, un elevato ricorso al ricovero della persona anziana nelle case di riposo. Questa opzione è stata sostenuta da difficoltà rilevanti nel reperire risorse utili a sostenere l’intervento domiciliare tempestivo e continuativo nel tempo, come pure dalla mancanza di strumenti amministrativo-procedurali agili di supporto.

Paradossalmente si rivela “più semplice” il ricorso ad una casa di riposo nel caso di un anziano con autonomia limitata o compromessa, nonostante il costo delle rette e il cambiamento radicale di vita cui egli va inevitabilmente incontro, piuttosto che il farlo rimanere nella propria casa adeguatamente assistito. Sono tante le ragioni a sostegno di una vera e propria inversione di tendenza: l’istituzione annienta l’individualità, rompe i legami con il proprio passato e un dopo, omologa gli ospiti, attutisce le differenze. Di istituzione ci si può ammalare. Nell’istituzione si vive peggio e si muore prima.

 

anzianaAggiungere vita agli anni e non solo anni alla vita è diventato un imperativo valido non solo per le cure mediche e riabilitative, ma anche per l’approccio globale dell’assistenza alla persona tra le mura della sua casa e nel contesto di vita allargato. Poiché è comprovato il beneficio derivante alle persone anziane, o inferme, dall’opportunità di rimanere, benché sofferenti e bisognose di cure, presso la propria abitazione, esse devono, possibilmente, continuare a vivere a casa loro, regolarmente assistite.

In alternativa alla cultura ancora dominante dell’istituzionalizzazione, va sviluppato l’intervento della domiciliarità: risorse fruibili in tempi rapidi, diritti di scelta dei cittadini, supporti amministrativo-burocratici necessari, assistenza nelle 24 ore, risposte all’emergenza sociale.

La permanenza nella propria casa è possibile qualora si possa contare su una famiglia attiva di riferimento responsabile e su del personale deputato all’assistenza. Solo in questo caso l’assistito avrà le prestazioni che gli consentono di condurre un’esistenza sicura e libera, pur se parzialmente protetta. L’impossibilità per i componenti del nucleo familiare di assolvere le mansioni di cura e assistenza all’anziano, per lavoro o per altre ragioni date dal vivere quotidiano, ha fatto lievitare la ricerca di personale professionalmente specializzato: le cosiddette badanti o assistenti domiciliari.

In questa maniera viene salvaguardata l’unità familiare, evitando l’emarginazione degli elementi più deboli e lo sfaldamento anche temporaneo del nucleo. È favorita la permanenza della persona nel proprio ambiente naturale e le si conservano, per quanto possibile, ruoli e responsabilità. Chi affianca l’anziano, assistendolo, svolge molto più di un ruolo di supporto ai bisogni e alle necessità domestiche: compie con lui un tratto di strada, condividendolo, ascoltando le paure, aiutandolo a gestire al meglio le ansie e le preoccupazioni del quotidiano.

Se l’obiettivo fondamentale è la promozione dell’autonomia della persona, la valorizzazione e il mantenimento delle possibilità di autonomia e abilità residue, che la situazione consente, l’assistente deve assicurare caratteristiche personali che non possono non presupporre la professionalità, ma che vanno oltre. Devono entrarci disponibilità umana e dedizione per supportare psicologicamente tutti i soggetti coinvolti, per realizzare la personalizzazione delle prestazioni. Si deve assicurare nel tempo la continuità dell’assistenza se si vuole evitare l’ospedalizzazione o il ricovero in istituto, qualora non indispensabili.

Questo tipo di assistenza ha un costo, e l’assegno di cura pare essere una misura non sufficientemente adeguata a supporto di situazioni fragili economicamente e di non autosufficienza. Un’ingiustizia che aggrava un disagio. Se l’obiettivo prossimo è garantire la permanenza a domicilio dell’anziano, le risorse devono essere immediatamente fruibili, a misura dei bisogni del singolo.

Lo strumento dell’assegno di cura deve essere rivisto, reso appropriato alla tutela del singolo, della personalizzazione dell’intervento e del rispetto delle libertà individuali, nonché di stimolo all’attivazione e assunzione di responsabilità; e non da ultimo di conoscenza, contro inutili sperperi, del costo reale di un programma d’intervento.

Ignazia Zanzi


alt

 

 

 

 


Altri contenuti in Medicina

Londra. Addio cecità da invecchiamento. Grazie alle cellule staminali

La più comune causa di cecità è quella legata all'invecchiamento ed è chiamata tecnicamente degenerazione maculare senile (AMD). Stando ad un articolo pubblicato dal Times Online, questa diffusissi...

Il colpo di frusta

  La sigla TDRC non vi dice niente? E se parlassimo di Trauma Distorsivo del Rachide Cervicale? Ancora niente? Colpo di frusta? Ecco ci siamo. Il cosiddetto colpo di frusta colpisce migliaia di pe...

Tradizione e arte nell’ortopedia su misura

  Fondata nel 2000 a Padova, Orthomedica è oggi una realtà importante nel panorama dell’ortopedia su misura e propone una gamma completa di prodotti: dai plantari, alle scarpe, alle protesi, ai co...

I nemici della gola

  Arriva l’inverno e le infiammazioni alla gola diventano un tema di attualità nelle conversazioni quotidiane. Le sale d’aspetto dei medici iniziano ad affollarsi e, intanto, qualcuno propone i ...

Midollo spinale: ricerca e pratica clinica contro le lesioni

Si propaga come un incendio, divampando dall’epicentro con effetti devastanti: invalidità pesanti, paralisi, paraplegia. La lesione al midollo spinale, già nelle primissime ore dopo il trauma, caus...