Skip to main content

Si può prevenire l’influenza?

 |  Redazione Sconfini

 

L’influenza costituisce un importante problema di salute pubblica a causa della sua contagiosità e diffusibilità, e per la presenza di possibili gravi complicanze costituite da

polmoniti e miocarditi. Essa rappresenta nei Paesi industrializzati una delle principali cause di morte per malattia infettiva, immediatamente dopo l’Aids e la Tbc. Si ammalano di più i bambini, però le complicanze sono soprattutto a carico delle persone anziane e di particolari gruppo a rischio.

 

“La vaccinazione – spiega il dottor Fulvio Zorzut, responsabile della U.F. Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni del Dipartimento di Prevenzione di Trieste – rappresenta il metodo più efficace per prevenire la malattia e le sue conseguenze. La vaccinazione conferisce protezione individuale, riducendo il numero di soggetti ammalati, rallentando così la diffusione e la circolazione dei virus, con benefici positivi che riguardano sia il vaccinato che i contatti”. “L’evidenza scientifica – continua – dimostra che la vaccinazione è in grado di prevenire la sindrome influenzale in circa il 70-90% degli adulti sani vaccinati, riducendo il rischio di ospedalizzazione in percentuali variabili dal 30% al 70%, mentre nei soggetti più anziani la vaccinazione è efficace soprattutto per ridurre la gravità della malattia, presentando un’efficacia del 30-40%. Anche nei casi in cui il vaccino non si rivela completamente efficace, conservalta la capacità di rendere l’influenza meno pesante e le complicanze meno probabili, soprattutto nei soggetti in cui le complicanze possono essere particolarmente gravi”.

 

Come avviene la trasmissione dei virus da soggetto a soggetto e quali sono le misure di igiene e protezione individuale valide anche per i non vaccinati? “La trasmissione interumana del virus dell’influenza – risponde Zorzut – si può verificare per via aerea attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, ma anche per via indiretta attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie”. “Per questo motivo – consiglia l’esperto – un’attenta igiene delle mani è importante nel limitare la diffusione dell’influenza, e in particolare si raccomanda un accurato lavaggio delle mani (in assenza di acqua usare gel alcolici)”. “Una buona igiene respiratoria – aggiunge – è un’altra misura preventiva personale e collettiva: bisogna coprire la bocca e il naso quando si starnutisce o si tossisce, lavare accuratamente i fazzoletti, gettare sempre quelli usa e getta dopo l’uso e lavarsi le mani”.

Ignazia Zanzi

 


 

A chi è rivolta la vaccinazione?

 

1. Soggetti di età superiore o uguale a 65 anni.

2. Soggetti in età infantile o adulta affetti da: malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio, malattie degli organi emopoietici, diabete ed altre malattie dismetaboliche, sindromi da malassorbimento intestinale, fibrosi cistica, malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi (inclusa l’infezione da HIV), patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici.

3. Bambini reumatici soggetti a ripetuti episodi di patologia disreattiva.

4. Bambini affetti da patologie neurologiche e neuromuscolari.

5. Soggetti di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti.

6. Personale di assistenza.

7. Contatti famigliari di soggetti ad alto rischio.

8. Soggetti addetti a servizi di primario interesse collettivo: insegnanti delle scuole dell’infanzia e dell’obbligo, addetti a poste e telecomunicazioni, dipendenti di pubblica amministrazione e difesa, forze di polizia inclusa la polizia municipale, volontari dei servizi sanitari d’emergenza, personale di assistenza delle case di riposo.

9. Personale che per motivi occupazionali è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali.

 


In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Medicina

Ondate di calore: i pericoli che vengono dalla stagione più calda

Le ondate di calore (heat-waves) sono le condizioni meteorologiche estreme che possono verificarsi durante la stagione estiva, caratterizzate da temperature elevate, al di sopra dei valori usuali, ...

L’analisi del sedimento urinario

L’esame microscopico del sedimento urinario si esegue sulla parte che si deposita in fondo alla provetta dopo la centrifugazione. Permette di evidenziare la presenza di leucociti (globuli bianchi),...

La terapia anticoagulante orale a Trieste: un esempio da imitare

Lo scopo della terapia anticoagulante orale (TAO) è quello di deprimere in modo controllato la coagulabilità del sangue per ottenere una prevenzione delle embolie con un minimo rischio emorragico. ...

Ipertensione: il controllo della pressione arteriosa

  L’ipertensione rimane in tutto il mondo, Paesi industrializzati compresi, una delle principali cause di morbilità e mortalità cardiovascolare. Per questo motivo è importante che siano estese al ...

La dieta senza glutine

Di celiachia si sente parlare sempre di più, grazie agli intensi sforzi che vengono fatti da qualche tempo a questa parte sia a livello politico-sanitario che associativo. Esiste ed è attiva, infat...