Skip to main content

L'avvio del ponte sullo Stretto è un'altra bufala colossale

 |  Redazione Sconfini
"Il prossimo 23 dicembre poseremo la prima pietra del ponte sull Stretto". Con queste parole il premier Silvio Berlusconi e alcuni suoi sodali avevano accentrato l'attenzione dell'opinione pubblica. In molti si erano sbellicati dalle risate a leggere questa ennesima sparata del Cavaliere disperato e non volevano credere all'avvio di un progetto mastodontico, senza fondi né credibilità tecnica, atteso da decenni. Ebbene, di vero c'è che sullo Stretto il 23 dicembre (sembra) veramente inizierà un lavoro in quella zona, ma esso riguarda lo spostamento di un binario ferroviario che collega Cannitello a Villa San Giovanni.

Il bufalicifio di regime dava ormai per pronti a partire i cantieri e migliaia di operai alla volta di Messina e della Calabria meridionale. E invece, per l'appunto, si tratta dell'ennesima bufala.

Lo spostamento di questo binario nulla ha a che fare con il ponte e, soprattutto, è un'opera prevista già dal 2006 ed è assolutamente indipendente dal ponte. La ferrovia, secondo lo stralcio, sarà traslata a monte dell'attuale sede con una curva di un chilometro e 700 metri. Un intervento inserito tra le "opere compensative", concordate nel 2006 con la Giunta comunale di Villa, e accettato dall'ente locale in quanto "autonomo rispetto la realizzazione o meno dell'attraversamento stabile dello Stretto" e comunque "utile a prescindere da essa".

Alla bufala si aggiunge la beffa: "La prima pietra annunciata costa 30 milioni di euro, quasi 18 milioni a chilometro" spiega il professor Alberto Ziparo, dell'Università di Firenze, coordinatore dei gruppi che studiano l'impatto ambientale della Grande Opera.  Attualmente, come scrive oggi il Quotidiano della Calabria, il progetto è di Rfi (Rete ferroviaria Italiana), ma in quanto appartenente "al più grande programma Ponte, sia pure come opera collaterale e propedeutica", sarà passato alla Stretto di Messina/Anas, che aprirà i cantieri "propedeutici", in questo momento al nulla.

In questo momento il progetto Ponte è ancora bloccato. E solo una volta ultimato il percorso burocratico del progetto preliminare-definitivo, si dovrebbe procedere con la progettazione esecutiva. Su quest'ultima però gravano, come spiegato in apertura di questo articolo, le pesantissime critiche alla costruibilità avanzate dagli stessi tecnici e consulenti della Stretto di Messina (oggi quasi tutti "ex") e del Ministero.

Un esempio? Il posizionamento di pilastro e contrafforte sulla parte calabrese posizionati sulla fase più critica della faglia sismica più attiva esistente nello Stretto, la numero 50!

C'è da sperare che questi lavori non inizino mai, altrimenti dovremmo già prepararci a qualche nuova ecatombe di cittadini inermi.

---

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e vota OK (in alto a sinistra). Grazie!


Altri contenuti in Cronaca

L'Aquila: a scuola con due cappotti in tende-scuola a 5°C

Guido Bertolaso a nome del Governo disse il 15 settembre scorso: "Entro la fine del mese saranno smontate tutte le tendopoli in Abruzzo". Erano i giorni della consegna-farsa delle casette di Onna,...

Freedom House: Italia declassata a paese parzialmente libero

Ancora un declassamento per l'Italia. Stavolta giunge da Freedom House, che annualmente redige, tra gli altri, un documento in cui vengono classificate le nazioni di tutto il mondo sulla base della...

Decreto Gelmini approvato, Ministero assaltato da un milione di manifestanti

Il decreto Gelmini è legge da poco più di un giorno, ma l'onda lunga della contestazione del mondo dell'Istruzione non sembra avvicinarsi a una fine. Quello cui stiamo assistendo in Italia in quest...

Maria Luisa Busi aggredita verbalmente a L'Aquila. Cittadini infuriati contro il Tg1

Aggredita a male parole, imbarazzata e un po' spaventata. Pur non avendo, forse, colpe specifiche la giornalista del Tg1 Maria Luisa Busi si è trasformata in una sorta di catalizzatrice del disprez...

Cina: morire per colpa di Internet

In Cina si può morire anche nel tentativo di guarire dalla "dipendenza da Internet". In molte regioni del gigantesco paese asiatico stanno prendendo piede dei campi di "rieducazione" semilegali pre...