Skip to main content

Bossi: "Denuncerò chi mi ha pagato la ristrutturazione della casa". Il bacio della morte di B.

 |  Redazione Sconfini

Sul caso Belsito - Finanziamenti - Lega Nord - Bossi, da quando a favore di Umberto Bossi si è espresso anche Silvio Berlusconi la situazione mentale del Senatur appare gravemente compromessa.

Se esistevano ancora chance di uscire puliti dalla faccenda dei soldi ricevuti sottobanco da Belsito per finanziare le spese della loro famiglia, i Bossi ormai sono alle corde. Il sostegno di Berlusconi (ma poi lui che ne può sapere?) rappresenta la pietra tombale per le speranze del povero Umberto di svignarsela anche da questo pasticcio.

Quello di Berlusconi appare più come un bacio della morte, che non la previsione favorevole rivolta a un amico: ne sanno qualcosa i suoi figli (sulla testa delle quali aveva spergiurato plurime volte), Mills, Dell'Utri, Cuffaro e suo fratello Paolo.

Comunque il povero Umberto, scosso più dal sostegno del Cavaliere che dalle accuse dei pm, sembra aver perso la bussola (ammesso che ce l'avesse prima):

"Denuncerò che ha utilizzato i soldi della Lega per sistemare la mia casa" ha dichiarato Bossi.

Cioè un giorno gli piombano in casa dei muratori, un architetto, imbianchini, cartongessisti, impiantisti e lui e la sua famiglia, sgomenti, aprono le porte e li fanno lavorare. Poi, a loro totale insaputa, vengono pagati da un oscuro benefattore che trama alle spalle dei genitori del Trota e del Candeggina. Sarà lo stesso losco figuro che ha comprato casa a Scajola?

"D'altra parte avendo pochi soldi non ho ancora finito di pagare le ristrutturazioni di casa mia".

Poveri Bossi, hanno pochi soldi. D'altronde un figlio tira gavettoni alla Candeggina, l'altro, il Trota è solo consigliere regionale pagato oltre 10.000 euro al mese, la moglie ha una scuola privata rimpinzata di soldi pubblici ed è baby pensionata da quando non aveva neanche 40 anni, Umberto dopo che ha perso i soldi extra come ministro incassa solo i 15.000 euro da parlamentare. Eh sì, dura la vita a casa Bossi.

Non ci sono i fondi per finire di pagare le ristrutturazioni, eh no. La crisi picchia duro anche per la tribù del Senatur, il grande capo Padano che non solo non è riuscito a liberare la sua terra fantasiosamente inventata, ma anche contribuito a far avvicinare la 'ndrangheta a quella crema dell'alta società lombardo-veneta che fu la Lega Nord.

---

 

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Cronaca

Il lanciatore di scarpe chiederà asilo politico alla Svizzera

  Il 14 dicembre scorso, diventando simbolo del rigurgito mondiale per George "the Worst" Bush, aveva lanciato le sue scarpe addosso all'ormai ex presidente degli Stati Uniti, senza però colpirlo. ...

Black Bloc, la mappa italiana e la loro estrazione politica

Le teorie che tentano di spiegare il fenomeno dei black bloc sono variegate, a volte fantasiose, raramente ineccepibili. Per i giornali di destra sono anarchici comunisti, per i complottisti sono p...

Le rassicurazioni non bastano. Borse ancora al tappeto

Alla fine è sceso in campo anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La crisi finanziaria mondiale che sta investendo tutte le principali Borse mondiali, inclusa ovviamente Milano, o...

Obama ritira il Nobel, Berlusconi attacca la giustizia in eurovisione

Il TG (i TeleGiornali) in Italia, a parte alcune parziali lodevoli eccezioni, da mesi, forse anni, si sono traformati nell'emblema della comunicazione di regime. Da mesi nascondono le notizie e gli...

Strage di Viareggio: un incidente annunciato?

Nelle inevitabili difficoltà che si stanno incontrando per giungere ad una verità scientifica e inoppugnabile sull'incidente ferroviario di Viareggio, emergono degli elementi davvero inquietanti. S...