Skip to main content

Cocaina: prezzi in drastico calo. Ora costa come una pinta di birra

 |  Redazione Sconfini
"Una birra o una pista di coca"? Dal punto di vista prettamente economico, ormai non 'è più nessuna differenza e la polvere bianca, un tempo considerato un lusso per i ricchi, si è trasformata in un bene di semplice disponibiità. Grande scalpore ha suscitato in Inghelterra un articolo del Telegraph secondo cui, complice la grande discesa dei prezzi della cocaina sul mercato internazionale negli ultimi dieci anni.
L'Home Office (una sorta di ministero inglese deli esteri che sovrintende al controterrorismo, al traffico di droga, alla polizia, ai passaporti e agli affari internazionali) utilizzando i dati raccolti da forze di polizia e dall'Agenzia che sovrintende le forme gravi di criminalità organizzata ha diramato uno studio secondo il quale, mentre nel 1998 un grammo di cocaina costava mediamente 77 sterline (circa 84 euro), ora è disponibile a prezzi che vanno dai 20 fino a 40 sterline al grammo.
Da questo dato ecco pronto un calcolo davvero preoccupante. Con un grammo di cocaina si possono ottenere da 10 a 20 "piste" e quindi è possibile farsi una pista ad un costo che si aggira tra 1 e 4 sterline.
Il prezzo medio di una pinta di birra, in Inghilterra è compreso tra le 2,50 e le 3 sterline mentre un bicchiere di Plonk (un vino di qualità medio bassa molto diffuso nei paesi anglosassoni) costa attorno le 3,50 sterline.
"Queste cifre - ha detto il labourista James Brokenshire, per affondare i colpi al Governo conservatore - dimostrano la sorprendente realtà del consumo di droga in Gran Bretagna. Cadute di prezzo simili indicano che l'offerta di droghe pesanti in questo paese è schizzato alle stelle. Questo è un atto d'accusa contro il fallimento del lavoro del governo nella lotta alla droga e alla criminalità e nei tentativi di arginare il flusso di droga verso il nostro Paese".

In realtà, l'Home Office, volendo porre l'accento sull'altro possibile lato della medaglia, ha suggerito che il calo dei prezzi può essere dovuto anche ad un calo della domanda.
I dati del British Crime Survey dimostrano effettivamente che tra i sudditi di Sua Maestà tra i 16-59 anni l'uso di droghe pesanti è sceso dal 3,4 per cento del 2006/07 al 3,0 per cento nel 2007/08 ". Quindi, è vero che un po' la domanda è scesa, ma è probabile che l'offerta sia aumentata di molto perché un calo del 12% della domanda non giustifica un crollo simile nei prezzi della cocaina.

Altri contenuti in Approfondimenti

Adozioni internazionali (parte III): finalmente l’incontro

Il grande giorno era arrivato! Dopo una notte insonne con i pensieri che si accavallavano nella mente cercando di immaginare come sarebbe stato, cosa avremmo detto, come ci saremmo comportati… fina...

Classifica della felicità - l'Italia perde quota

L'Italia è sempre più povera. E si sapeva. Secondo molti è sempre meno libera. E si temeva. Secondo World Value Survey,  l'organizzazione internazionale che segue le principali tendenze nell'opinio...

I fratelli Graviano conoscono molto bene Dell'Utri. Ecco la prova

E così sembrerebbe, grazie anche alla rapidità con cui i Tg nazionali hanno informato i cittadini delle ultime novità, che il senatore Marcello Dell'Utri non ha mai visto né conosciuto, direttament...

Continuano le epurazioni in Rai: ecco la lettera che ha segnato la fine di tanti giornalisti

Dopo De Strobel, Ferrario, Di Giannantonio e Damosso, il direttore del Tg1 si prepara ad epurare un'altra nemica del suo operato "giornalistico": Maria Luisa Busi sarà probabilmente declassata dall...

I Carabinieri non vogliono più la Granbassi in tv

L'Arma dei Carabinieri fa dietrofront. Dopo aver concesso in un primo tempo, alla fiorettista triestina Margherita Granbassi di partecipare in qualità di "intervistatrice dei giovani" ad Anno Zero,...