Skip to main content

Evitare gli ingorghi, noi italiani siamo maestri

 |  Redazione Sconfini
Sono stati pubblicati pochi giorni fa i risultati della ricerca di un gruppo di ricercatori svedesi e coreani che fanno un grosso favore al tipico guidatore italiano, tanto bistrattato da un'infinità di luoghi comuni. La prepotenza e maliziosa inventiva allo scopo di passare davanti a chi ci precede in una coda automobilistica  potrebbe rivelarsi una panacea per risolvere più rapidamente gli ingorghi.
Utlizzando un sistema matematico complesso (denominato automa cellulare, tipicamente usato per simulare fenomeni naturali) gli studiosi hanno appurato che autisti della domenica soliti sorpassare a destra o cambiare corsia poco prima del semaforo in realtà aiutano il flusso di traffico a snellirsi svolgendo un ruolo positivo per il prossimo.
Apprendiamo da  Petter Minnhagen dell'università svedese di Umeå, intervistato da physicscentral, che provando diverse combinazioni di automobilisti attenti e non grazie alla modellazione computerizzata della realtà, i ricercatori hanno stabilito che il traffico dovrebbe fluire nel miglior modo quando più o meno il 60 per cento circa degli attori si comporta secondo le regole. In ambito accademico troviamo ripetute conferme dei risultati della ricerca insieme a diversi esempi di vita reale, basti pensare agli automobilisti che superano il limite di velocità per lasciarsi alle spalle un veicolo lento che provocherebbe una coda sempre più lunga. Non mancano tra gli intervistati le invocazioni alla prudenza: rispettare certe norme di guida, come il mantenere la distanza di sicurezza tra un veicolo e l'altro, può evitare incidenti e conseguenze gravi.
Una cosa non ci viene detta, chi si dovrebbe occupare di spartire automobilisti virtuosi e maramaldi nella percentuale corretta  per snellire il traffico? Attendiamo fiduciosi una risposta.

Altri contenuti in Approfondimenti

Servizietti segreti

Che essere "comunista" sia ormai diventata la peggiore delle offese che possono essere rivolte ad un cittadino italiano ci sembra cosa assodata. Una continua e violenta campagna dal vago sapore mac...

Verso la fine del precariato: 5 idee per tornare a far sperare una generazione

Con il recente appello addirittura di Papa Benedetto XVI e il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la piaga del precariato, che sta rovinando un'intera generazione di ...

Da Bottino ad Al Tappone. Come costruire un paradiso ai caraibi con soldi pubblici

La puntata di Report di domenica, nella parte in cui ha fatto affiorare il torbido caso del paradiso immobiliare ad Antigua in cui Berlusconi avrebbe investito almeno 20 milioni di euro forse frut...

Corruzione percepita: Italia saldamente al comando tra i Paesi Occidentali

Buonissime notizie da Transparency International. Nonostante un 2012 costellato dai casi Lusi, Belsito, Fiorito, Penati, Formigoni solo per citarne i più celebri, l'Italia ha perso solamente tre po...

In due grafici il New York Times smonta la propaganda leghista sugli immigrati

Con un paio di grafici molto semplici il New York post ha dimostrato come si muovono i richiedenti asilo all'interno dell'UE e quali sono i Paesi che effettivamente si stanno facendo carico di ques...