Skip to main content

L'annozero di una nuova era?

 |  Redazione Sconfini

Se le prime indicazioni diramate dall'Ansa saranno confermate, l'evento mediatico Raiperunanotte di ieri sera rappresenterà uno spartiacque incancellabile tra il monopolio televisivo dell'informazione e della propaganda politica dell'ultimo quarto del '900 e la fine di questo sistema sul quale si è poggiato e fondato il berlusconismo. raiperunanotte_vauro Al 3% circa che viene solitamente collezionato a livello nazionale Sky (2% ieri) e la galassia delle emittenti locali che hanno trasmesso la trasmissione di Santoro e degli altri (momentaneamente?) epurati dalla Rai (Floris, Travaglio, Luttazzi ecc.) sembra si debba aggiungere un calo del 10% di share da parte di Rai e Mediaset.

In totale, quindi, l'evento mediatico che ha travolto il web, ha collezionato teoricamente il 13% dello share senza essere stato diffuso dalle sette principali emittenti nazionali. Numeri di portata storica che, se confermati, segnano l'inizio della fine della televisione concepita come putrida e corrotta escrescenza del potere politico e finanziario del tardo berlusconismo.

Da ieri sera è chiaro che si possono fare numeri in grado di riempire gli spazi pubblicitari senza passare da censure, richieste, autorizzazioni, filtri e controlli.

Fantastico Capezzone: "Santoro ha fatto flop: Sky ha fatto uno striminzito 2% con 450mila spettatori". Il principe del salto della quaglia, secondo solo a Mastella dimentica che a quei 450mila spettatori cha hanno visto su Sky lo spettacolo bisogna sommare decine di tv locali, radio, siti, blog, social network, dirette streaming, maxischermi in 200 piazze, Current tv ecc.

 

Ecco qualche altro numero (solo sul fronte internet) a favore del povero Capezzone che ignora o fa finta di ignorare:

- Persone in streaming sul sito raiperunanotte.it: 125mila

- Commenti su Twitter ogni ora: 6.000

- Sito del Tg3 in streaming: 700mila

- Repubblica.it in streaming: 60mila

- Current Tv: 429mila

- RaiNews24 (che ha trasmesso in differita censurando alcuni interventi tra cui quello di Luttazzi): 254mila

Più decine di migliaia di contatti provenienti da centinaia di portali, blog e siti informativi.

 

Il tutto accade proprio a pochi giorni dalla sospensione di due mesi dall'Ordine dei Giornalisti della Lombardia di Claudio Brachino, ideatore e promotore del "servizio giornalistico" sui calzini turchesi del giudice Mesiano e di 6 mesi dell'equilibrato, affidabile e obiettivo Vittorio Feltri, condannato per la bufala Boffo e l'aver fatto firmare articoli a Renato "Betulla" Farina (radiato dall'Ordine). Sono i piccoli scricchiolii che anticipano la caduta degli dei.

(immagine: Vauro Senesi)

---vota su oknotizie

diventa fan su facebook


Altri contenuti in Approfondimenti

Evitare gli ingorghi, noi italiani siamo maestri

Sono stati pubblicati pochi giorni fa i risultati della ricerca di un gruppo di ricercatori svedesi e coreani che fanno un grosso favore al tipico guidatore italiano, tanto bistrattato da un'infini...

Sistemi educativi: educare un figlio non è sempre facile

Per avere dei bravi figli bisogna essere prima dei bravi genitori. Sembra scontata come frase, ma corrisponde alla realtà. Fare le giuste scelte nell’ambito educativo è uno dei compiti più difficil...

25 Aprile, festa sotto attacco. La memoria condivisa è sempre più messa in discussione

Attorno al 25 aprile la Festa dalla Liberazione dal Nazifascismo, ogni anno che passa, sembra che quelle "verità" storiche, che la generazione di chi l'ha vissuta in prima persona aveva dato per sc...

Energia solare, un patrimonio a disposizione di tutti

Un reale risparmio, una tecnologia semplice, non inquinante e rinnovabile: sono i vantaggi offerti dai pannelli solari termici. Uno studio commissionato dal governo di Berlino nel novembre 2006 ha ...

Ai Bossi pagavamo pure le canottiere e l'abbonamento Sky

Continuano ad emergere dettagli pittoreschi, per usare un eufemismo, dalla cartellina "The Family" sequestrata all'ex tesoriere della Lega Nord, Francesco Belsito. Da subito si è venuto a sapere de...