Skip to main content

Servizietti segreti

 |  Redazione Sconfini

simbolostasiChe essere "comunista" sia ormai diventata la peggiore delle offese che possono essere rivolte ad un cittadino italiano ci sembra cosa assodata. Una continua e violenta campagna dal vago sapore maccartista da oltre 15 anni imperversa tra le file dei politici berlusconiani. Ciò che è male è comunista, ciò che è bene significa amore, libertà e quindi essere di centrodestra. Rilanciato da prezzolati giornalisti di regime a reti unificate, ormai, lo slogan è entrato nelle deboli ed impreparate menti degli elettori, cui nessuno ha ancora spiegato che il comunismo in Europa è entrato in coma nel 1989 con la caduta del muro di Berlino ed è morto nel 1991 con la fine dell'Unione Sovietica.

Ebbene, farà decisamente scalpore sapere che il vero erede del sistema di manipolazione del consenso delle masse e controllo dell'informazione tipico del socialismo reale dell'Europa Orientale anni '50-'80 del secolo scorso è proprio Silvio Berlusconi con i suoi sgherri prezzolati.

Il ragionamento è semplicissimo se schematizzato anche se le implicazioni e le sfumature sono molto complesse.

Cosa caratterizzava le dittature socialiste/comuniste dell'Est? La prima risposta che deve venire in mente è la presenza di poderosi apparati di intelligence e spionaggio tra cui spiccavano il KGB (in Urss) e la Stasi (nella Germania Orientale).

Come si comportavano la Stasi e il Kgb? Specialmente per la Stasi (che si occupava di controspionaggio) i suoi uomini monitoravano i comportamenti politicamente scorretti di tutti i cittadini della Germania Est. Una volta definito il soggetto l'obiettivo era di costringere la persona ad abbandonare la propria posizione sociale, lavorativa o accademica. Ad obiettivo raggiunto spesso la vittima veniva poi integrata come informatore a sua volta. In questo modo il dissenso era represso per via "diplomatica", attraverso la corruzione o risolvendo i problemi nel sangue. Migliaia erano i cittadini spiati dalla Stasi, che era alle dipendenze del Politburo che faceva capo al Governo socialista in carica.

Ed ecco arrivare ai nostri giorni e all'Italia. Il 5 luglio 2006 la Digos, su mandato della Procura di Milano sequestra un archivio riservato del Sismi nell'ufficio segreto di via Nazionale 230 a Roma, gestito dall'analista Pio Pompa, fedele collaboratore del direttore di allora Niccolò Pollari. Cosa facevano questi servizi segreti deviati, assoldati dal presidente del Consiglio Berlusconi per la legislatura 2001-2006? Esattamente come la Stasi, spiavano, controllavano e schedavano illegalmente cittadini, giornalisti, intellettuali, magistrati e professionisti che erano ritenuti non allineati e quindi pericolosi oppositori all'illuminato governo di Berlusconi.

Fine prima parte.

Leggi la seconda parte (l'elenco delle persone spiate e l'imposizione del segreto di Stato)

---

Vuoi diventare fan di Sconfini su Facebook ed essere sempre aggiornato sulle notizie che ti proponiamo? Clicca qui!

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e vota OK (in alto a sinistra). Grazie!

Nell'immagine l'emblema della Stasi


Altri contenuti in Approfondimenti

Sviluppo visivo dei bambini: l’occhio è programmato per apprendere

La vista fornisce al cervello circa il 90% delle informazioni sul mondo esterno e rappresenta il canale primario di comunicazione. Non è funzionale solo all’acquisizione delle immagini degli oggett...

Papi e Gheddy un anno dopo

Sembra passato un secolo e invece è passato solo un anno, da quando i servi di regime travestiti da commentatori e giornalisti incensavano le grandi capacità diplomatiche di Berlusconi a livello di...

Frutti di bosco: i magnifici 5

Chissà se durante la Seconda Guerra mondiale gli aviatori giapponesi, prima di fare “harakiri”, s’apprestavano a consumare una generosa porzione di mirtilli neri per potenziare la vista e centrare ...

Sole, sole, sole: per i patiti della tintarella è scoccata l’ora x

Previsioni meteorologiche e medie stagionali sono termini all’ordine del giorno nei mesi estivi, quelli che tradizionalmente alle nostre latitudini sono deputati a dare un po’ di colore alla nostra...

Franceschini e l'elogio dell'ipocrisia

Ieri Dario Franceschini ha pronunciato il suo discorso in qualità di candidato alla segreteria del Partito Democratico. Il povero Dario, subentrato a Walterloo Veltroni alla guida ad interim del pa...