Skip to main content

Monti: i 30-40enni sono una generazione perduta

 |  Redazione Sconfini

Da sempre chi detiene il potere è reazionario. Da sempre ha paura di essere detronizzato lotta con tutte le sue forze per consolidare il suo status.

Lo sapevano i saggi greci, che elaborarono il mito del dio Crono (Saturno) il quale, dopo aver appreso la profezia secondo cui uno dei suoi figli lo avrenbe sostituito, decise di divorarli uno alla volta (indicativo il capolavoro di Goya "Saturno che divora i figli"). Si salvò solo Zeus che realizzò la profezia.

Lo sapeva Erode, che dopo aver ricevuto i Magi che predissero la nascita di un nuovo Re (Gesù di Nazareth) fece uccidere tutti i bambini del Paese.

Lo sanno anche loro, i burocrati dinosauri formatisi mentalmente 40 anni prima dell'avvento di Internet, che chi arriverà dopo di loro è destinato a soppiantarli così come loro hanno soppiantato la generazione degli eroi partigiani. Per evitare di perdere il potere, hanno deciso di soffocare i loro figli fin dalla culla. Sono i 30-40enni di oggi, quelli che oggi sono cianotici e non riescono più a respirare. E' stato un percorso lungo, ma ce l'hanno fatta. I loro figli sono quelli con meno prospettive lavorative ed economiche al mondo, quelli che staranno peggio dei loro padri nel 99% dei casi.

Sono la "generazione perduta" come l'ha chiamata il premier Monti in un'intervista al settimanale Sette. "La verità, purtroppo non bella da dire, è che messaggi di speranza possono essere dati ai giovani che verranno tra qualche anno. Ma esiste un aspetto di generazione perduta, purtroppo. Si può cercare di ridurre al minimo i danni, di trovare formule compensative di appoggio ma più che attenuare il fenomeno con parole buone, credo che chi in qualche modo partecipa alle decisioni pubbliche debba guardare alla crudezza di questo fenomeno e dire: facciamo il possibile per limitare i danni alla generazione perduta, ma soprattutto impegniamoci seriamente a non ripetere gli errori del passato, a non crearne altre, di generazioni perdute.

Insomma, cari 30/40enni siete fottuti. Vi abbiamo fottuto noi e ce ne sbattiamo anche le balle. Il premier insomma fa spallucce verso 10milioni di italiani lasciati in mutande da una generazione che si è ingrassata alle sue spalle all'inverosimile perdendo il contatto con la realtà.

L'idea che siano proprio loro la chiave per riequilibrare le cose non li sfiora. Sono mediamente infinitamente più preparati di loro, più onesti, più aperti dal punto di vista culturale. E poi diciamocelo: è esistita una generazione peggiore nella storia dell'universo dei nati negli anni '30/'50? Ma loro, gradassi come sono, si sentono insostituibili.

Non c'è dubbio che questi siano i figli del fascismo. Ma proprio per questo dobbiamo operare un profondo ricambio generazionale in fretta. Vi immaginate cosa diventeranno, poverini, i figli del berlusconismo (anni '90 e primo decennio del 2000)?

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Approfondimenti

Scandalo vaccini contro l'H1N1. Pubblicato il contratto tra Novartis e Ministero della Salute

Almeno di una cosa possiamo essere certi: la suina era una bufala. E chi poteva abboccare a una bufala che il web aveva smascherato molti mesi fa se non gli illuminati governanti italiani, che del ...

Per l'Abruzzo servono 12 miliardi di euro. La pappatoia è già cominciata

Le premesse per una nuova gigantesca pappatoia a spese dei contribuenti e, soprattutto, alle spalle dei terremotati abruzzesi sono state poste. Intervenuto a Ballarò nella puntata del 14 aprile, il...

La caccia alla materia oscura è aperta

Uno dei più appassionanti misteri dell’universo è che il 90% della sua massa è di natura sconosciuta: non è composta da atomi di idrogeno, ossigeno o qualsiasi altro elemento noto, né è costituita ...

Italia, nostra terra di rapina

  Il sistema politico è lo specchio della società. Sarà una banalità ma non c’è scampo: nessun regime dura più di tanto senza un radicamento, un’effettiva legittimazione nel Paese che esso rapprese...

L'autogol di Libero

"Libero", il quotidiano filoberlusconiano famoso per le crociate contro Santoro, Di Pietro, Travaglio e Grillo oltre che per il fatto di essere stato diretto per oltre un lustro da Vittorio Feltri,...