Skip to main content

Passatempo o dipendenza?

 |  Redazione Sconfini

Oggi il gioco d’azzardo non interessa più una ristretta cerchia di persone bensì coinvolge gente comune, di tutte le età e di ogni estrazione sociale e culturale, uomini e donne.

Data la grande diffusione del fenomeno è importante comprendere e distinguere le diverse modalità di approccio al gioco. Ad esempio viene definito giocatore sociale chi considera il gioco come una buona occasione per socializzare e condividere con altri, saltuariamente o casualmente, questo tipo di intrattenimento. Un passatempo che viene vissuto come un divertimento, con fantasia ed aspettative non sproporzionate. Questo tipo di giocatore mette in gioco le proprie abilità, avverte il gusto nel competere con il destino e socializza uscendo temporaneamente dalla quotidianità.
Quando la persona inizia a discostarsi da un atteggiamento di divertita prudenza si trova in una via di mezzo pericolosa che, se non riconosciuta, potrebbe diventare patologia. In questo caso il gioco non è più in uno spazio ludico e diventa fonte di autodistruzione. Ecco allora che tutto si trasforma: il tempo del giocatore d’azzardo patologico diviene gioco, il suo spazio è gioco come gioco sono i suoi pensieri e i suoi valori.
Una buona domanda che potresti rivolgere a tuo figlio è quanto egli crede che gli eventi della sua vita siano determinati dalle sue scelte e dai suoi comportamenti e quanto invece dal caso o dalla fortuna. Puoi anche osservare e riflettere su come tuo figlio impiega il suo tempo, quanto ha bisogno di sfuggire alla noia e quanto alla sua insoddisfazione quotidiana. Quanto egli spera di raggiungere una migliore economia e quali siano i suoi progetti per il raggiungimento di tale obiettivo.
Desidero essere ottimista e pensare che per tuo figlio si tratti solo di un passatempo sano e divertente. Se così non fosse considera che andrebbero rinforzate le sue competenze personali e sociali, la sua capacità di diversificare le attività del tempo libero, l’abitudine a porsi obiettivi nella vita. Coltivare dunque l’autostima, il controllo degli impulsi e la fiducia nel futuro. Vi sono spesso campagne informative e di sensibilizzazione su tutto questo. Tali approcci possono costituire risorse importanti.
Ti riporto alcune citazioni che possono accompagnarti nella riflessione. «Gioco d’azzardo. È il contrario del gioco, ed è assurdo che abbia lo stesso nome. Mentre il gioco è fondato sulla possibilità di maneggiare le proprie forze, il gioco d’azzardo è basato sul rifiuto di agire: in un caso c’è l’azione, nell’altro la passione». (Valerio Magrelli)
«Il contrario del gioco non è ciò che è serio, bensì ciò che è reale». (Sigmund Freud, Il poeta e la fantasia, 1907)

Adolescenti: una domanda ricorrente

Desidero ringraziare i lettori per l’entusiasmo con il quale la nuova rubrica è stata accolta. Molte sono le mail che mi parlano di problemi legati all’adolescenza. Una delle questioni più sentite è quella che riguarda il tema dell’autonomia dei teen-ager. Ci sono ragazzi che sembrano già tanto indipendenti, altri che invece faticano a prendere il volo. E nel mezzo i genitori che navigano a vista. Rispondo allora a Claudia ’70 che si lamenta per il fatto che la figlia quattordicenne “non si decide a essere indipendente”.
Premesso che i miei interventi non hanno la pretesa di fornire risposte risolutive, bensì qualche strumento utile alla riflessione e conseguente applicazione all’interno della propria esperienza specifica, desidero ricordare che la crescita avviene tra dipendenza e ricerca di autonomia. Le contraddizioni sono fondamentali per la costruzione della personalità e questo processo non si esaurisce nel tempo di alcuni mesi, ci vogliono anni. Cara Claudia, parla dunque con tua figlia, mantieni vivo il dialogo, rispettala e rispetta i suoi tempi.

foto: Carl Raw


Altri contenuti in Economia

La lezione del governo tedesco. E se Opel fosse stata trattata come Alitalia?

  Che lezione ci stanno dando i tedeschi con il caso Opel. Da settimane il Governo tedesco sta attentamente studiando i vari piani di cinesi, di austrocanadesi di Magna e degli italiani della Fiat ...

Dedurre o detrarre? Questo è il problema!

Marzo: tempo di primavera, che aspettiamo con ansia dopo i lunghi mesi di freddo e grigiore invernale, ma ahimè, tempo anche di… pensare alla dichiarazione dei redditi, attesa con molto meno entusi...

Il disastro economico del Coronavirus. I dipendenti pubblici facciano la loro parte

Lo scoppio della pandemia da Covid19 non è certo colpa di qualcuno in particolare, sebbene con un po' di prevenzione in più e un ancor maggiore anticipo del lockdown (arrivato comunque presto) si p...

Europa, energia elettrica: l'Italia sotto la media per costi in bolletta

L’estate è uno dei periodi in cui le famiglie italiane fanno più attenzione ai consumi energetici, poiché tra condizionatori ed elettrodomestici è facile che la situazione sfugga di mano. Nonostant...

Grecia in bancarotta. E' testa a testa tra Portogallo, Irlanda e Italia per il prossimo default

  Nel marzo 2009, quindi poco più di un anno fa, siamo stati tra i primi a lanciare l'allarme default per alcuni paesi (leggi l'articolo) europei. Rifacendoci ad un prodotto strutturato di JP Morga...