Skip to main content

Fiat Panda a 4.990 euro, Grande Punto a 6.450 euro. Dove? In Germania

 |  Redazione Sconfini

Il mercato dell'auto in Italia è sull'orlo del baratro e a farne le spese, prima ancora delle case automobilistiche, potrebbero essere le reti di vendita. Emerge infatti con il passare dei giorni tutta l'insufficenza in termini finanziari del piano anticrisi predisposto dal Governo. D'altronde soldi non ce ne sono e ad approfittare della situazione  saranno gli importatori di automobili e le Nazioni che hanno potuto o voluto fare sforzi maggiori. Un esempio su tutti: in Germania, grazie al contributo statale e a quello delle concessionarie si può portare a casa una Fiat Panda per soli 4.990 euro, 6.450 per una Grande Punto e 9.990 per una Bravo. In Italia è impossibile trovare questi modelli a meno di 8.000, 10.000 e 14.000 euro rispettivamente.

In fretta e furia si stanno studiando incentivi simili a quelli tedeschi per limitare l'enorme divario nel prezzo d'offerta, in modo da evitare la perdita di decine di migliaia di immatricolazioni. In attesa che questi incentivi (i presunti 1.000 euro di cui si vocifera da giorni sarebbero solo acqua fresca) siano approvati chi ci guadagnerà da questa situazione e soprattutto chi ci perderà?

Chi ci guadagna: concessionarie tedesfiat bravo, punto, panda prezzi stracciati germania incentiviche, privati cittadini, che possono andare ad acquistare all'estero senza troppe complicazioni e soprattutto gli importatori di automobili che immetteranno sul mercato un numero enorme di auto tedesche. Al momento l'unico ostacolo è quello di portare a rottamare un'automobile da almeno un anno immatricolata in Germania, ma questa regola viola alcune disposizioni europee e quindi è destinata a cadere al primo ricorso che sarà presentato.

Chi ci perde: lo Stato italiano in termini di Iva, Ires e Pil, le Regioni sottoforma di Irap, gli Enti Previdenziali perché saranno bruciati altri posti di lavoro e in sostanza tutti i cittadini che non approfitteranno della situazione. A perderci più di tutti saranno però le concessionarie e le reti di vendita autorizzate perché non venderanno le automobili ma saranno costrette a rispettare i 3 anni di garanzia!

Per approfittare degli incentivi in Germania non è affatto obbligatorio essere residenti in Germania come riportato in alcuni giornali e siti web. Basta che l'acquirente dimostri che l'auto sia rottamata effettivamente e che sia stata posseduta da più di un anno.


Altri contenuti in Economia

Rendimento dei Bot al minimo storico: 1,84%. Le possibili ripercussioni

  Il rendimento dei Titoli di Stati, i Bot (Buoni Ordinari del Tesoro), ha toccato il minimo storico a quota 1,84%. La notizia nasconde alcuni rischi per l'Italia che sarebbe meglio affrontare quan...

La crisi del made in Italy è nel rating dei brand

Qual è lo stato di salute del made in Italy? Molti fattori (aziende che chiudono o delocalizzano, un pil da anni fermo e ora addirittura in calo del 5%, disoccupazione estremamente alta, tensioni s...

Grecia in bancarotta. E' testa a testa tra Portogallo, Irlanda e Italia per il prossimo default

  Nel marzo 2009, quindi poco più di un anno fa, siamo stati tra i primi a lanciare l'allarme default per alcuni paesi (leggi l'articolo) europei. Rifacendoci ad un prodotto strutturato di JP Morga...

Buone notizie per lo Stato, pessime per i risparmiatori. Bot e Ctz a ruba

Chi si accontenta gode, ma sempre di meno. Complice il crollo senza fine delle Borse di tutto il mondo i risparmiatori si orientano sempre più verso la "sicurezza" offerta dai titoli di Stato. Il M...

Jp Morgan. L'Italia è la più esposta al rischio bancarotta. Dopo Grecia e Irlanda

  Jp Morgan ha lanciato sul mercato un nuovo prodotto strutturato a tre anni che ha chiamato "First to default basket". Grazie ad esso, in maniera neppure troppo implicita, sarà possibile scommette...