Skip to main content

Governo: alla fine il PD cederà ma non per l'Italia, per salvare le poltrone

 |  Redazione Sconfini

Per quanto attiene la formazione del nuovo Governo, dopo settimane di nulla e di schermaglie dialettiche le opzioni sul tavolo del presidente Mattarella sono rimaste quattro.

Ecco secondo noi quelle più plausibili in ordine di probabilità e relativa motivazione:

40% di possibilità - Il PD alla lunga si derenzizzerà e abbandonerà l'Aventino in modo che con l'appoggio anche di Leu darà vita a un governo M5S-PD-Sinistra.

Qualcosa di inedito per il nostro Paese, una rivisitazione dell'Ulivo in chiave maggiormente populista (che non per forza è un male) ma con tutto il background socialdemocratico che tranquillizza i mercati e l'Europa.

Questa è l'opzione più probabile semplicemente perché lo dicono i numeri: il centrodestra nel 2008 al suo apice di popolarità e in uno scenario bipolare raccolse il 46% mentre il centrosinistra, sempre in uno scenario bipolare e al culmine del processo ulivista/unionista nel 2006 raccolse il 49,81% dei voti. Dal 2013 entra in scena un nuovo polo, quello del Movimento 5 Stelle e ovviamente mutano le possibilità di avvicinarsi al 50%. Il centrodestra in questa tornata 2018  raccoglie il 37% dei voti trascinata dalla Lega e non più da Forza Italia, però se vediamo bene perde "solamente" il 9% rispetto il suo picco massimo.

Il centrosinistra incarnato dal crollo PD invece colleziona in quest'ultima tornata appena il 22%. Ci rendiamo conto che parliamo di un -28% complessivo? Una debacle storica, senza precedenti. Dagli oltre 19 milioni di voti dell'Unione di Prodi a 7,5 milioni di voti del centrosinistra renziano passano quasi 12 milioni di voti! E dove sono finiti questi 12 milioni di voti? Il Movimento 5 Stelle ne intercetta nientemeno che 11 milioni, praticamente tutti considerando che l'affluenza è stata più bassa. E' del tutto palese che l'elettorato del Movimento 5 Stelle è un elettorato di centrosinistra, pienamente inserible nelle socialdemocrazie europee. Dal punto di vista storico-politico non avrebbe alcun senso un governo che non sia M5S-Centrosinistra.

Fin qui la logica della storia e dei numeri. Poi ci sono gli uomini: e quelli del PD hanno pagato fior di decine di migliaia di euro al partito per essere messi nei listini bloccati. Tornare alle urne prima della fine della legislatura significherebbe probabilmente tornarsene a casa visto che la polarizzazione è destinata ad acuirsi e un partito considerato marginale dagli elettori (in perenne fuga dalla segreteria Renzi) perdereà sempre più voti.

Per questi due motivi (logica e meschinità) il governo M5S-PD-Leu è il più probabile.

30% di possibilità - Si torna a votare a ottobre, massimo tra un anno.

Questo è uno scenario molto probabile se il PD non riuscisse a liberarsi da Renzi e dai suoi fedelissimi (numericamente sempre meno man mano che passano i giorni) e nel contempo Salvini non riuscisse a liberarsi dalla morsa del Caimano, di quel Berlusconi che ha tantissime armi per tenere a freno le fughe in avanti dei parlamentari leghisti. La Lega infatti al momento è ufficialmente senza il becco di un quattrino (i soldi sono nascosti e sparsi in mille rivoli, associazioni, fondazioni, nuovi partiti, per evitare che la magistratura li sequestri) e inoltre Berlusconi da molti anni ha più voce in capitolo di quanto si pensi nella Lega per via di accordi di lunghissima data con Bossi che includono fideiussioni, fiumi di denaro e la stessa proprietà del logo.

20% di possibilità - Governo Lega-M5S.

Il governo a trazione 100% populista, checcé se ne dica ha basse probabilità di riuscita. Forse Salvini lo vorrebbe davvero ma, a parte il fatto che non può abbandonare Berlusconi per i sopracitati motivi, il M5S avrebbe solo da rimetterci in termini di elettorato. Dal momento che si ritrova in mano un elettorato socialdemocratico e molto spostato verso il Meridione non sarebbe un'idea brillantissima quella di mettersi in casa uno sgherro xenofobo che cantava cori da stadio contro i "terroni". E' verosimile che gli ammiccamenti di Di Maio fin qui rivolti a Salvini servissero per spaccare il centrodestra e nel contempo mostrare agli italiani che Salvini non può fare a meno di Berlusconi, oltre che, costringere il PD a prendere una decisione.

10% di possibilità - Governo con tutti dentro tranne M5S.

Lo vorrebbero Renzi, Meloni, Berlusconi e sarebbe digerito forse anche dalla Lega. Sarebbe la prima volta in Italia e forse in tutto l'Occidente che una forza politica che da sola raccoglie oltre il 32% dei voti resti fuori dai giochi di governo. Per questo difficilmente ci si spingerà a tanto anche perché significherebbe possibili rivolte popolare e un probabile sfondamento del 40% al prossimo giro per i pentastellati. Attenzione però: senza una nuova legge elettorale e un chiaro segnale di Mattarella di tornare al voto, però, questo Governo aumenta giorno dopo giorno le possibilità di vedere la luce.


Altri contenuti in Politica

Fratelli di Forza Italia

Irrituale. Così era stata definita da diversi giuristi la decisione, presa pochi giorni fa dal presidente della II Corte d'Appello di Milano, di sospendere l'esecutività della sentenza sul Lodo Mon...

Il new deal di Matteoli, 16,6 miliardi per la Salerno-Reggio Calabria e il Ponte sullo Stretto di Messina entro la fine 2009

In un'intervista radiofonica a Radioanch'io, il Ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha dato il via ad una sorta di New Deal all'italiana per uscire dalla crisi: 16,6 miliardi di euro di i...

Ecco perché l'Italicum è peggio della legge Acerbo

Ci risiamo. Esattamente 90 anni dopo le prime elezioni politiche che anche grazie alla legge Acerbo spalancarono le porte alla dittatura fascista, l'Italia sprofonda nuovamente nel tranello autorit...

Decadenza Berlusconi. Favorevoli minacciati di morte

Clima vagamente mafioso a palazzo Madama. Il senatore del M5S Mario Giarrusso ha trovato un'inquietante lettera anonima nella sua casella di posta del Senato.  "Ieri è stata recapitata nella mia ca...

Gianfranco Fini nuovo premier? Qualche dubbio da chiarire

Con la definitiva presa di distanza di Gianfranco Fini da Silvio Berlusconi si è ufficialmente aperta la corsa alla successione al ruolo di leader politico nel centrodestra. Da molto tempo i due no...