Skip to main content

Chi è contro Berlusconi nutre sentimenti antitaliani. L'ispiratore di questa formula? Hitler!

 |  Redazione Sconfini

"Chi è contro il Governo (Berlusconi ndr) nutre sentimenti antitaliani". Questa la nuova formula per attrarre consenso popolare promossa dal premier e dai suoi strateghi della comunicazione. Eppure questa frase, per chi si è interessato nel corso della sua vita della storia del '900 non è nuova. Già, ma chi aveva pronunciato una frase simile?

Scava scava nella memoria finalmente ecco la risposta: Adolf Hitler. Si legge sul libro La vita del Terzo Reich (William L. Shirer, ed.Einaudi) nel capitolo VIII: "Chi è contro Hitler è contro la Germania ed è antitedesco". La frase riprendeva quella particolare fase di apologia del nazional socialismo promossa dal Reich in persona e poi trasmessa ai giornalisti e ai gerarchi nazisti per cementare il consenso attorno al dittatore.

Ah, che sollievo sapere chi sono gli ispiratori del nostro premier.


Altri contenuti in Politica

Premio di minoranza

Nelle segrete stanze dei Palazzi romani, ignoti sherpa dei sedicenti leader dei partiti che sostengono il governo Monti sono rinchiusi da settimane alla ricerca della nuova pietra filosofale: una n...

Elenco dei ministri prima del voto: la mossa storica di Di Maio sarà premiata?

Per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana un partito/movimento politico presenta la squadra di Governo prima delle elezioni. Si tratta del Movimento 5 Stelle, innovatore nello stile...

Il funerale delle regole. Berlusconi viola in pubblico la par condicio

Che Berlusconi fosse allergico alle leggi è dato noto. Che probabilmente le abbia spessissimo violate è ancora più noto. Che lo facesse alla luce del sole nel totale silenzio dei media, un po' meno...

Le gaffe di Veltroni e Mastella che si coprono di vergogna e ridicolo

Due improvvide uscite di due esponenti simbolo della casta politica in declino, che hanno quasi in contemporanea deciso di tornare a galla per conquistare un po' di visibilità dopo mesi di oblio ge...

Primarie da manicomio per il PD tra soldi fuori dai seggi, cuffariani e cosentiniani al voto, ricorsi e colpi di spugna

E' tristissima, più ancora del previsto, la piega che stanno prendendo i fatti di cronaca legati alle primarie di domenica 6 marzo in varie città d'Italia. In modo particolare a Roma ma soprattutto...