Skip to main content

Berlusconi vince l'Oscar della volgarità per una frasaccia su Carla Bruni

 |  Redazione Sconfini

carla, bruni, gaffe, berlusconi, sarkozy, verticeDuro affondo della stampa francese al premier italiano Silvio Berlusconi, cui è stato attribuito il virtuale Oscar della volgarità. Il motivo di cotanto riconoscimento sarebbe una frase, come spesso accade al Presidente del Consiglio, nettamente oltre le righe bisbigliata sottovoce a Sarkozy nel corso del vertice italo-francese tenutosi pochi giorni fa.

Durante la conferenza stampa Berlusconi ha sottovoce detto una frase che il presidente francese aveva incassato con un sorrisetto nervoso cui poi aveva fatto seguito un imprudente "Non sono sicuro di poter ripetere".

Incuriositi dall'uscita di Sarkozy i media francesi (in particolare Canal+) hanno, ahinoi, tradotto il labiale di Berlusconi giungendo inequivocabilmente alla traduzione: "Moi, je t'ai donné ta femme". "Io ti ho dato la tua donna" avrebbe detto il premier italiano riferendosi all'unione di Sarkozy con Carla Bruni.

Ora, a parte il fatto che strumentalmente si potrebbe pensare che Berlusconi, in preda a manie di grandezza sempre più vagheggianti, ritenga di sua proprietà qualsiasi cosa si trovi o sia nata in Italia, i media francesi hanno posto l'accento sull'idea che il Cavaliere abbia delle donne: oggetti del desiderio senz'anima da possedere ed eventualmente scambiarsi.

I francesi chiamano "humour déplacé", ironia fuori luogo, da molto tempo l'atteggiamento di Berlusconi e già dall'8 novembre 2008, dopo che il Cavaliere aveva dato dell'abbronzato a Obama, la first lady aveva confessato la soddisfazione di essere diventata francese. Che sia una "vendetta" del Cavaliere per umiliare Carlà?


Altri contenuti in Politica

Quirinarie 5 Stelle, 8 giganti, 1 indicato dal PD e un intruso

Dopo aver nicchiato durante le feste natalizie e aver poi incalzato Renzi prima e i singoli parlamentari PD via mail successivamente, anche i 5 Stelle entrano con prepotenza nelle "consultazioni" p...

Ospizio elettorale

Un po' ne sentivamo la mancanza, almeno dal punto di vista dell'intrattenimento e della comicità. Le elezioni politiche anticipate sono alle porte e dal momento che i sondaggi sono ancora abbastanz...

Ironie involontarie: in Afghanistan siamo in una missione di pace che comporta atti di guerra

Grande Ignazio La Russa. Era dai tempi delle sue trasferte a New York (dove diede del pedofilo a un contestatore) e a Barcellona (dove andò a vedere una partita dell'Inter e augurò il cancro ad un ...

Tra gli ingredienti di un paese fallito non può mancare l'opposizione di pezzenti

Prendi una manciata di Veltroni, un pizzico di Turco, una spolverata di Franceschini, un'abbondante razione di D'Alema, una fetta di Finocchiaro e uno spicchio di Di Pietro, aggiungi una spruzzata ...

11 anni e 6 mesi dopo la storia si ripete

"Ho chiesto ai miei avvocati di presentare istanza di trasferimento di tutti i procedimenti che mi riguardano, perché il pregiudizio politico del pool si è ormai allargato a tutto il Palazzo di Giu...