Skip to main content

Vincono gli ayatollah del Pd. Grillo rinuncia

 |  Redazione Sconfini

logo pdStupratori sì. Pluricondannati anche per reati molto gravi sì (Enzo Carra). Personaggi inciucioni che sembrano propaggini del centrodestra sì (il dalemiano Latorre). Morti sì. Beppe Grillo no. Alla fine la Casta ha vinto la battaglia per la propria sopravvivenza anche questa volta. Fassino, Rutelli, D'Alema, Bersani, Franceschini, Veltroni & Co. hanno vinto: anche le prossime primarie saranno affar loro.

La campagna di tesseramento del Pd ha registrato un -30%? E chi se ne frega basta che si continui a magnà raccogliendo le ricche briciole dal desco di Papi Silvio.

La base pretendeva di poter tesserare e votare Grillo? Gli ayatollah del Pd hanno deciso di no, senza una reale spiegazione considerando i papocchi di ogni tipo che accompagnano da sempre i tesseramenti del Pci, Pds, Ds, Dc, Margherita e ora Pd. E' la democrazia italiana del berlusconismo. Chi ha fatto in tempo a salire sul carrozzone decide su tutto e su tutti.

La certezza di ritrovarsi in mezzo alla strada dal prossimo ottobre e di doversi cercare un lavoro onesto ha spinto la Casta ad un ultimo (si spera) vergogno sussulto. Ma l'autunno si prospetta comunque molto molto caldo. Rovente. Specie se, come si vocifera da più parti, Berlusconi sarà costretto a dimettersi.

A quel punto il Pd (ammesso che esista ancora dopo le primarie), che ha fondato le fortune della compagnia di balordi sopracitata esclusivamente sul loro essere l'unica alternativa "affidabile" al (per il) Cavaliere, potrà finalmente scomparire assieme al suo manipolo di gerarchi. Non li rimpiangeremo!


Altri contenuti in Politica

Il Re Mida al contrario colpisce ancora

C'era una volta Re Mida. Tutto quello che toccava diventava oro. In tempi più recenti i nostri posteri rideranno del Re Mida al contrario, il premier che (quando va bene) trasforma tutto in letame...

Berlusconi assolto, Ruby nipote di Mubarak e altre divertenti storie italiane

Speravamo di non parlare più di Berlusconi, e in un certo senso i sondaggi in picchiata per Forza Italia ci stavano dando ragione. Poi è arrivata la sgradevole sentenza della Cassazione che ha asso...

Lo statista di nome Trota

Troppo male si parla di Renzo Bossi alias il Trota. Non ci siamo. La Storia, quella con la "S" maiuscola, prima o poi riconoscerà i suoi meriti di fine statista. E anche quelli di suo padre, sua ma...

E se il pasticcio kazako fosse un segnale mafioso?

Alfano, Ministro degli Interni nonché attaccapanni di Berlusconi (cit. Travaglio), non sapeva che 40 uomini della Polizia dovevano prelevare armi spianate la moglie inerme e indifesa di un ricco di...

Legittimo impedimento. Il pm tenta di annullarne gli effetti

"La legge sul legittimo impedimento è incostituzionale". Ad affermarlo è stato il pm di Milano, Fabio De Pasquale , nell'ambito dell'udienza del processo sui diritti tv di Mediaset che vede il p...