Skip to main content

Mills mentì ai giudici per salvare Berlusconi. 4 domande al premier hanno una risposta

 |  Redazione Sconfini

giustizia, mills, berlusconi, legale, corruzioneNon ci sono grandi sorprese nelle 400 pagine di motivazioni depositate dai giudici di Milano, e pubblicate oggi, in merito alla condanna a 4 anni e 6 mesi inflitta all'avvocato inglese David Mills. "Mills - che è stato condannato per corruzione in atti giudiziari ndr - agì da falso testimone per consentire a Berlusconi e alla Fininvest l'impunità dalle accuse, o almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati".

Mills "ha agito certamente da falso testimone da un lato per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l'impunità dalle accuse, o, almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e finanziarie illecite compiute sino a quella data, dall'altro ha contemporaneamente perseguito il proprio ingente vantaggio economico".

Il legale inlgese, nel luglio del 2004, aveva raccontato ai pm di aver ricevuto 600mila dollari dal gruppo Fininvest per dire il falso nei processi in cui era coinvolto Berlusconi: le tangenti alla Guardia di finanza e All Iberian.

Poi, nel gennaio 2009, la ritrattazione e il tentativo di discolpare il presidente del Consiglio. Una svolta che permise al premier di evitare il rinvio a giudizio per corruzione chiesto dia giudici nel 2006.

Per giustificare la retromarcia Mills disse di aver temuto guai con il fisco inglese ("temevo che scoprisse dei miei versamenti non dichiarati").

Ora quattro delle tante domande che il popolo italiano dovrebbe fare a Berlusconi hanno delle risposte:

1. Il gruppo Fininvest ha fatto operazioni societarie e finanziarie illecite?

Risposta:

2. Berlusconi ha pagato tangenti alla Guardia di Finanza?

Risposta:

3. Berlusconi ha corrotto un avvocato per dire il falso (corruzione in atti giudiziari) versandogli 600mila euro?

Risposta:

4. Perché Berlusconi non è in galera?

Risposta: perché si è fatto una legge su misura (il lodo Alfano) che gli permette, volendo, anche di uccidere persone senza incorrere nel rischio di doverne rispondere ai giudici fino a che ricopre una delle più alte cariche dello Stato. Ovvero per sempre, visto che oltre la metà degli italiani non conoscerà mai questa storia e la risposta a queste domande.


Altri contenuti in Politica

Amministrative 2016. I veri numeri sono uno shock per i partiti tradizionali

E' tempo di bilanci a mente fredda dopo il primo turno delle elezioni amministrative. Il perché di una fuga dalla campagna elettorale del premier Renzi nelle ultime settimane, a favore della lontan...

Primarie da manicomio per il PD tra soldi fuori dai seggi, cuffariani e cosentiniani al voto, ricorsi e colpi di spugna

E' tristissima, più ancora del previsto, la piega che stanno prendendo i fatti di cronaca legati alle primarie di domenica 6 marzo in varie città d'Italia. In modo particolare a Roma ma soprattutto...

Se Berlusconi diventa un capannone

Di tanto in tanto il berlusconismo (anche con il contributo prezioso della sua declinazione pdmenoellina) arricchisce il vocabolario italiano con nuovi significati a parole già esistenti. E' il voc...

Lo statista di nome Trota

Troppo male si parla di Renzo Bossi alias il Trota. Non ci siamo. La Storia, quella con la "S" maiuscola, prima o poi riconoscerà i suoi meriti di fine statista. E anche quelli di suo padre, sua ma...

Gelmini in retromarcia. Niente maestro unico obbligatorio e rinvio di un anno della riforma delle superiori

  Alla fine, seppur la Ministro Gelmini ovviamente dichiara "nessuna retromarcia", la versione integralista del Decreto che ha mobilitato centinaia di migliaia di studenti nei mesi scorsi è stata a...