Skip to main content

Confermata la condanna di Mills. 4 anni e sei mesi di carcere

 |  Redazione Sconfini

SilvioBerlusconiLa seconda sezione della Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a quattro anni e sei mesi nei confronti dell'avvocato inglese David Mills per corruzione in atti giudiziari. La decisione è stata presa dopo 4 ore in camera di consiglio.

Il legale inglese è stato corrotto con 600 mila dollari dalla Fininvest di Silvio Berlusconi per testimoniare il falso in diversi processi a carico dell'attuale presidente del Consiglio e più precisamente del suo gruppo. Confermato anche il risarcimento alla presidenza del Consiglio, costituitasi parte civile, pari a 250 mila euro.

Ironia della sorte, a incassare il risarcimento (che dovrà essere confermato in Cassazione) sarà proprio il corruttore dell'avvocato, quel Silvio Berlusconi la cui posizione è stata stralciata in virtù del lodo Alfano e la cui recente bocciatura ha riaperto il processo anche a carico del premier.

A questo punto se Berlusconi vuole evitare una condanna deve puntare tutto sulla prescrizione (evenienza questa che l'ha salvato già in altre circostanze): per il sostituto Pg Laura Bertolè Viale, il «momento consumativo» del reato è da collocarsi nel febbraio del 2000, quando la somma entrò nella disponibilità di Mills (prescrizione nel 2010); per la difesa, che chiede comunque l’assoluzione, il reato, se accaduto, si sarebbe consumato in una fase precedente alle dichiarazioni di Mills del ‘97-’98 e sarebbe, quindi, «abbondantemente prescritto».

In ogni caso è molto probabile che Berlusconi si salvi grazie alla prescrizione, un po' più difficile nel caso di Mills. Se il processo dovesse procedere in fretta, comunque sono già pronti un paio di dispositivi per evitare che il premier si ritrovi condannato: da un lato l'accorciamento ulteriore dei termini di prescrizione, dall'altro l'impossibilità di usare come prova una sentenza passata in giudicato (come è ora). In quest'ultimo caso il processo a carico di Berlusconi sarebbe da ricelebrare e quindi la prescrizione sarebbe matematica.

Nei giorni scorsi, Mills in un’intervista, aveva detto: «Sarebbe illogico che uno sia condannato e l’altro assolto; uno colpevole e l’altro innocente. Siccome io so che il dottor Berlusconi non c’entra assolutamente niente in questa cosa, non vedo come posso essere condannato». E se fosse vero il discorso inverso, ovvero che Mills è colpevole, come dimostrato ancora una volta oggi, quale sarebbe la posizione di Berlusconi?


Altri contenuti in Politica

M5S in crescita nei sondaggi? Niente panico, ci pensa grillo-leaks.com

Wow! Udite udite: qualche talpa (verosimilmente un ex parlamentare del movimento ora fuoriuscito) ha raccolto e inviato al sito grillo-leaks.com una serie di audio all'apparenza reali e frasi attri...

Il Re Mida al contrario colpisce ancora

C'era una volta Re Mida. Tutto quello che toccava diventava oro. In tempi più recenti i nostri posteri rideranno del Re Mida al contrario, il premier che (quando va bene) trasforma tutto in letame...

Fornero-Marcegaglia: mancano un paio di rutti e un cameratesco vaffa e pare di essere in uno spogliatoio di una squadra di calcetto

Lo scadimento qualitativo della classe dirigente lo si può intravedere anche nella terminologia e nelle scelte lessicali dei suoi protagonisti.   Ieri, la ministra piangente, la regina dell'ipocris...

Zavoli eletto presidente della Commissione di Vigilanza Rai. I dubbi sulla soluzione

Con la nomina di Sergio Zavoli, ufficializzata nella tarda mattinata del 4 febbraio, si chiude - apparentemente, come vedremo - il vuoto istituzionale creato dopo il blitz politico che ha portato, ...

Decreto interpretativo? Anticostituzionalissimo!

Il Presidente Firmatutto ha apposto la firma anche sul nuovissimo decreto incostituzionale del decadente regime berlusconinano, mosso dalla volontà di riammettere ("a qualsiasi costo") le liste del...