Skip to main content

Tana libera tutti per Silvio. In Parlamento ci sono già tre ddl (a firma Pd)

 |  Administrator

Il dato più confortante dell'ennesimo atto collaborazionista al regime berlusconiano da parte dell'indecente Napolitano è che la gente comincia, seppur in proporzioni ancora troppo modeste, a non credergli.

Maggiore è invece il numero di (ex) elettori del Pd che non mangia più la foglia nei confronti dei toni rassicuranti dei suoi esponenti quando si parla di fornire l'ennesimo salvacondotto al criminale Berlusconi. Sono notizie positive, diluite però in un barile di ipocrita opacità istituzionale e di violazioni delle più elementari norme di buon senso prima ancora che democratiche. L'ipotesti, ribadita da Napolitano, di legiferare al più presto per un'amnistia abbinata all'indulto è più che sospetta. Nei tempi (Berlusconi a un passo dai servizi sociali o dai domiciliari per la condanna a 4 anni per frode fiscale ridotta a meno di un anno dall'altro vergognoso indulto 2006) e nei modi (l'articolata proposta grillina avrebbe potuto in pochi mesi alleviare di molto il dramma delle carceri sovraffollate senza sguinzagliare per le strade migliaia di pericolosi individui).

Che l'amnistia e l'indulto servano a salvare Berlusconi (figuriamoci cosa gliene frega alla Casta dei detenuti comuni) è un dato di fatto già scritto nero su bianco. In Parlamento ci sono due ddl al Senato e uno alla Camera che prevedono proprio il salvataggio del noto evasore e frodatore fiscale.

Al Senato è stato presentato un ddl sull'indulto dai democratici Manconi, Corsini e Tronti nonché da Luigi Compagna (ex Pdl) che già pochi anni fa tentò di far passare un emendamento salva-Silvio nella legge Severino. Quello del 15 marzo scorso prevede amnistia per tutti i reati commessi entro il 14 marzo 2013 per i quali è stabilita una pena non superiore nel massimo a 4 anni. C'è anche la postilla fatta su misura per Berlusconi: "E' concesso indulto, per intero, per le pene accessorie contemporanee, conseguenti a condanne per le quali è applicato anche solo in parte l'indulto".

Alla Camera c'è un altro ddl a firma Gozi (sempre ovviamente PD) che prevede che le pene accessorie temporanee siano indultabili.

In caso passino questi ddl sull'indulto quindi per Berlusconi sarebbe un trionfo: addio pena principale e addio pure a quella accessoria (interdizione dai pubblici uffici). Sarebbe come se il processo Mediatrade non ci fosse mai stato!

Altro che "non vale per i reati finanziari" oppure "non vale per Berlusconi". Questi favoreggiatori di criminali hanno già posto le basi per salvarlo.

Sapevatelo!

---

diventa fan su facebook

Fonte: Antonella Mascali, Il Fatto Quotidiano 9/10/2013

 


Altri contenuti in Politica

Legge elettorale: immaginate Renzi e Berlusconi negli Stati Uniti

Il discusso incontro tra Renzi e Berlusconi, che hanno giocato a fare gli statisti nella sede del Pd per stipulare l'accordo sulla legge elettorale (e sulla riforma costituzionale che ovviamente Be...

Nano review: dai ristoranti pieni alla crisi senza eguali

4 novembre 2011. Un Berlusconi sbeffeggiato in tutto il mondo, ridicolizzato in mondovisione da Merkel e Sarkozy appena dieci giorni prima, odiato in patria e, soprattutto, con il titolo Mediaset a...

La politica estera dell’Unione europea

Quando nel 1950 fu fondata la Comunità europea, l’obiettivo da raggiungere era quello di riunire le nazioni d’Europa ed i loro popoli, all’indomani del nefasto esito, per tutti, dalla Seconda guerr...

Censura in corso

Seppur alla spicciolata questo pare essere un periodo di confessioni in casa Pdl. Dopo la confessione di ieri di Marcello Dell'Utri ("se non mi candidavo nel 1996 mi mettevano in prigione") è arriv...

Grillo: il cambio della legge elettorale è un golpe

Forse Beppe Grillo esagera. Forse esaspera gli animi. Forse scende nel populismo. Forse ulula alla luna. Forse però ha ragione.   "E ora, di fronte al colpo di Stato del cambiamento della legge ele...