Skip to main content

Regionali. Qualche riflessione in più

 |  Redazione Sconfini

elezioniVittoria del centrodestra con sconfitta di Berlusconi. Il concetto, impossibile da digerire o da proporre solo 24 ore fa, non è più solo un termine ossimorico privo di significato ma è il nuovo assunto della real-politik del 2010. Le regionali, laddove lasciavano spazio a dubbi (Piemonte e Lazio) hanno visto trionfare i candidati delle liste di centrodestra, che giustamente festeggiano. Il centrosinistra, pesantemente sconfitto, si lecca le ferite e continua a non capire il perché. Ma chi ha veramente vinto? Di certo non Berlusconi.

Nelle regioni chiave per il Cavaliere (Lombardia, Piemonte, Lazio, Veneto) nonostante le vittorie della sua coalizione non c'è più un berlusconiano al comando. C'è Comunione e Liberazione, c'è la Lega, c'è una sindacalista di destra che parrebbe essere più vicina ai finiani che non al premier. I berlusconiani veri sono tutti usciti sconfitti. Al centrosinistra restano le briciole: non inganni il 7-6 in favore delle coalizioni a guida Pd nel computo totale della spartizione delle regioni. Dove era possibile perdere, il centrosinistra è riuscito a perdere. E ciò è avvenuto, come una sadica legge del contrappasso, anche in Piemonte dove sono risultati decisivi i voti rastrellati dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo (che ha raccolto circa 400mila voti nelle 5 regioni su 11 in cui si è presentato, segnando un clamoroso 1,77% a livello nazionale in grado tranquillamente di raddoppiare nel prossimo futuro) che hanno tolto alla Bresso per consegnare la regione a Cota. E' la vendetta dei grillini traditi dal Pd. Ricordate quando il loro leader carismatico aveva tentato di iscriversi al partito per tentare le primarie, ma non aveva neppure avuto la tessera?

Sul piano prettamente politico sono i numeri a chiarire chi ha vinto e chi ha perso, specialmente se vengono messi in relazione con le ultime Europee i risultati dei 5 principali partiti presenti in Parlamento:

 

- PDL dal 35,3% al 26,7% (-8,6%)

- LEGA dal 10,2% al 12,3% (+2,1%)

- PD dal 26,1% al 26,1% (=)

- IDV dall'8,0% al 7,27% (-0,73%)

- UDC dal 6,5% al 5,6% (-0,9%)

 

Trattandosi di elezioni territoriali è normale che i partiti nazionali paghino un po' la presenza di liste civiche e movimenti peculiari del territorio, ma la sostanza si palesa in tutta chiarezza: a parte il dato stabile del Pd e la scorpacciata della Lega che si giova dei tanti candidati governatori e del voto di protesta di alcuni elettori vicini al Pdl, Idv perde qualcosa (mancava il traino di candidati di spicco a parte Callipo in Calabria e non c'era l'effetto De Magistris-Sonia Alfano), mentre è ancor più penalizzato il centro. Ma il vero e unico sconfitto (oltre al centrosinistra nel suo complesso) è evidentemente proprio il Cavaliere, che più degli altri è stato penalizzato dall'astensionismo ma che ora dovrà vedersela con gli "alleati" che presenteranno un conto salato alla luce di questi risultati.

---

vota su oknotizie

diventa fan su facebook


Altri contenuti in Politica

In campagna elettorale con Benito

Nel paese dell'impunità per i potenti (legittimo impedimento, lodo Alfano, scudo fiscale, immunità parlamentare), della corruzione dilagante (dal caso Tarantini allo scandalo protezione civile), de...

Il prossimo Presidente della Repubblica? Potrebbe essere ai domiciliari. Per questo potrebbe essere Berlusconi

L'Italia dei berluscones viaggia a vele spiegate verso situazioni paradossali al limite della comicità. Il motivo? Sempre quello: salvare il premier Berlusconi dalla galera o comunque da una condan...

Otto Violante

Sull'idea di democrazia che aleggia nelle menti del Partito Democratico ci mancava una tassello, la posizione di Luciano Violante. Lui, democratico perfetto, rispecchia in pieno la voglia di cambia...

Lo statista di nome Trota

Troppo male si parla di Renzo Bossi alias il Trota. Non ci siamo. La Storia, quella con la "S" maiuscola, prima o poi riconoscerà i suoi meriti di fine statista. E anche quelli di suo padre, sua ma...

Regionali 2005. Quando i forcaioli giustizialisti erano del Pdl

In attesa che si sciolga il nodo sull'ammissione della lista del Pdl nella provincia di Roma per le imminenti regionali, giova ricordare un po' di aforismi e citazioni di importanti personaggi dell...