Skip to main content

Purghe renziane: sostituiti d'imperio 10 componenti della Commissione Affari Costituzionali

 |  redazione sconfini

Mettiamola così: se non sei renziano sei fuori dal PD. Alla faccia del "Democratico" presente nel nome del partito più votato in Italia.

cpdL'ennesima dimostrazione dell'interpretazione a dir poco muscolare di Matteo Renzi, primo nella storia a destreggiarsi nel ruolo di segretario di un partito così importante e premier, è rintracciabile nel modo con cui 9 o 10 rappresentanti del partito saranno sostituiti in Commissione Affari Costituzionali. La loro colpa? Non essere d'accordo con l'Italicum.

Complessivamente sono stati presentati a Montecitorio 135 emendamenti all'Italicum che a breve approderà alla Camera. Di questi sono 11 le proposte di modifica firmate da parlamentari del Pd. 10 esponenti della minoranza dem - per bocca di Andrea Giorgis, dell'opposizione interna al partito, hanno "dichiarato di non voler votare né gli articoli né il mandato al relatore" della riforma elettorale. "Verremo sostituiti d'imperio perché nessuno ha chiesto di essere sostituito. Siamo nove sicuri: io, Alfredo D'Attorre, Marilena Fabbri, Roberta Agostini, Enzo Lattuca, Gianni Cuperlo, Pier Luigi Bersani, Barbara Pollastrini, Rosy Bindi. E forse Giuseppe Lauricella. Ci sono già state le telefonate".

Tutti sostituiti ovviamente da signorsì del novello ducetto toscano, i quali, pur di non essere fatti fuori acconsentono a votare una legge elettorale chiaramente incostituzionale.

Più che Partito Democratico pare Casa Pound, ma pare che il prodotto piaccia anche così con quel tocco un po' fascio che all'italiano adora da quasi 100 anni.

---

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e metti "MI PIACE" sulla nostra pagina FACEBOOK.


Altri contenuti in Politica

Ingiusta detenzione: viaggio nel dramma degli errori giudiziari

È un tema che negli ultimi tempi ha riempito troppo spesso le pagine dei giornali, scatenando lo sdegno e la vergogna di tutti noi italiani: dramma ormai sin troppo protagonista nella storia del no...

Le rivelazioni shock della settimana: Lavitola, De Gregorio, Craxi

In un paese dannatamente smemorato come l'Italia è cosa buona e giusta rispolverare di tanto in tanto alcuni scandali più o meno celati, più o meno eversivi e più o meno indicativi dello stato in c...

PD caos: tutti i brogli denunciati da una candidata

Che il Partito Democratico avesse ben poco di democratico lo si era capito con la farsa Grillo. Che in realtà il Pd non è altro che un contenitore di dinosauri della politica che controllano i voti...

Silvio "Cesare" Berlusconi non riuscirà a dire: tu quoque Brute fili mi. Perché i suoi bruti saranno già in galera

Macché accerchiato. Il povero Berlusconi è rimasto solo con il cerino in mano. In breve tempo tutte le sue quinte colonne sparse sul territorio stanno finendo sotto inchiesta o (virtualmente) diet...

Censura in corso

Seppur alla spicciolata questo pare essere un periodo di confessioni in casa Pdl. Dopo la confessione di ieri di Marcello Dell'Utri ("se non mi candidavo nel 1996 mi mettevano in prigione") è arriv...